Regno Unito: riso e lenticchie

di Gianluca Cicinelli (*)

Nel Regno Unito sono due milioni le persone rimaste nell’ultimo anno almeno un giorno senza poter mangiare. Con un aumento del 57% soltanto nei primi tre mesi del 2022 di famiglie che devono ridurre il cibo o saltare proprio i pasti. Un adulto su sette, quindi 7,3 milioni contro i 4,7 milioni registrati soltanto a gennaio, vive in costante e totale condizione d’insicurezza alimentare. Che la situazione sia drammatica nel Regno Unito lo sottolineano le stesse compagnie che forniscono energia nelle case, che, a fronte di un aumento medio annuo previsto di mille sterline per i consumi di gas e luce, hanno chiesto al governo traballante di Boris Johnson di intervenire con aiuti urgenti. Un’altra testimonianza della drammaticità sociale della situazione la danno indirettamente i vigili del fuoco di Londra, sempre più spesso chiamati a spegnere incendi dentro le case, derivati dal tentativo di riscaldarsi bruciando legna all’interno dell’abitazione per riscaldarsi.

Dalla richiesta d’intervento dei fornitori di energia al governo è nata la ricerca della Food Foundation, con i risultati drammatici che abbiamo riassunto sopra. Sono milioni, e tra loro 2,6 milioni di bambini, le persone che non possono mangiare quando hanno fame, che hanno dovuto ridurre le porzioni dei loro pasti o sono stati costretti a saltarli del tutto. Le banche alimentari, ci racconta il prestigioso Guardian, stanno segnalando “che i costi energetici sono così proibitivi per alcune persone che richiedono pacchi alimentari di beneficenza che non contengono cibo che deve essere cucinato usando un fornello o che deve essere conservato in frigorifero o congelatore”. Davvero uno scenario apocalittico, ma non un dramma in previsione, uno sconcio sociale in corso proprio in questo momento esatto.

I risultati della ricerca sono stati talmente impressionanti che la Food Foundation, pensando che ci fosse qualcosa di sbagliato, dopo il primo sondaggio ne ha organizzato un secondo su un campione maggiore del primo di cittadini. Ma i risultati sono stati confermati. Non solo: secondo l’ente le cifre sull’insicurezza alimentare sono destinate a peggiorare nei prossimi mesi, poiché l’inflazione continua a salire e l’intero impatto del pacchetto di aumenti energetici, abbandonati a una crescita senza tetti fissati dal governo, è destinato a peggiorare la situazione nell’immediato futuro. Il fallimento di un intero modello sociale è alle porte, anche perchè da parte del governo non sono previsti aumenti per i sussidi nè l’allargamento dei pasti scolastici gratuiti. Gli stessi enti di beneficenza avvertono che la domanda di cibo è in aumento man mano che i budget si restringono.

Ai poveri del Regno Unito non resta che far ricorso ai banchi alimentari, di ricorrere quindi alla carità per sfamare le loro famiglie. Lenticchie e riso è il piatto maggiormente in voga al momento nei nuclei familiari inglesi, ma, come spiegavamo sopra, ad aumentare è in particolare la richiesta di cibo che non richiede cottura a gas perchè a molti è stata tagliata la fornitura per insolvenza. Le politiche del governo britannico e i suoi tagli al sostegno sociale hanno rafforzato la povertà ad alti livelli, aumentando la povertà molto al di sopra di quanto possa esserci nella fisiologia del sistema economico, una miseria quindi evitabile e non necessaria. Già nel 2017 un rapporto del New Policy Institute aveva avvertito che 2,3 milioni di londinesi, il 58% dei quali faceva parte di una famiglia che lavora, quindi il 27% dei londinesi, viveva in povertà, sei punti percentuali in più rispetto al resto dell’Inghilterra.

(*) articolo originale su https:/diogeneonline.info/riso-e-lenticchie/

ciuoti

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.