Scor-data: 28 maggio 1871

Cade nel sangue la Comune di Parigi: le immagini di Jacques Tardi
di d. b. (*)

«L’urlo del popolo» è un bellissimo fumetto – graphic novel per essere più precisi – del premiatissimo (le iperboli a volte sono necessarie) francese Jacques Tardi: racconta il drammatico epilogo della Comune di Parigi con le truppe fedeli al governo dell’infame Thiers pronte a massacrare i ribelli e a cancellare per sempre le idee di una società egualitaria.
Nei due volumi di Tardi c’è ovviamente anche una parte di finzione: Horace Grondin, uomo dalla doppia vita e dal passato misterioso, che fra i cadaveri dei comunardi, batte i vicoli alla ricerca di Tarpagnan, un disilluso disertore che forse, 20 anni prima, si è macchiato dell’assassinio della figlia adottiva. E c’è Gabriella Pucci, nuovo amore di Tarpagnan, costretta a vendere il suo corpo da una spietata organizzazione criminale… Il racconto inizia agli albori della grande rivolta (che esplode il 18 marzo 1871) con il ritrovamento nella Senna del cadavere di una donna, che stringe nella mano un occhio di vetro con sopra il numero 13. Ma dentro questa vicenda di fantasia c’è una storia vera e importante, raccontata con partecipazione da Tardi: è quella della Comune che fu stroncata nel sangue ma ha continuato a vivere, con le sue idee, in ogni rivolta contro il sistema dello sfruttamento. Da noi «L’urlo del popolo» – ispirato a un famoso romanzo di Jean Vautrin – era poco noto, come del resto tutta la straordinaria vicenda storica dei comunardi e delle comunarde (tantissime le donne in prima fila) di Parigi.
urlo-popolo

Ma ora questi due volumi – con tavole in formato gigante – sono stati tradotti e pubblicati da Double Shot: circa 200 pagine l’uno. Il primo si intitola «I cannoni del 18 marzo» e il secondo «La speranza assassinata».
Potete vedere qualcosa qui:
http://padovascuolacomics.blogspot.fr/2012/11/sceneggiatura-per-fumetto-lurlo-del.html
http://imageshack.us/photo/my-images/84/urlo2cus12.jpg/
http://i81.servimg.com/u/f81/13/41/20/25/97822010.jpg
http://www.mangaforever.net/wp-content/uploads/2011/07/urlo-popolo-home.jpg

O potete acquistare (con lo sconto) i due volumi qui: www.doubleshot.it

Molti i libri a favore (come quelli di Louise Michel e di Karl Marx) o contro quello che è stato definito «il primo governo rivoluzionario della storia». Uno dei più interessanti, ma oggi difficile da trovare, uscì nel 1978 nei «libri del No», curati da Dario Paccino. Ricchissimo di immagini e documenti, si intitolava «La teppa all’assalto del cielo» – con il sottotitolo «Cronache e commenti sulla rivoluzione proletaria ieri e oggi» – ed era stato scritto da Giorgio Ferrari, Libero Romano, Caterina Saccaro con Paule Saconnet (che aveva curato minuziosa la cronaca dei 72 giorni della Comune).
Pochi invece i film che raccontano questa incredibile vicenda. L’unico davvero interessante è del 2005 e dura 5 ore: si intitola «La Commune di Paris 1871» e un regista decisamente controcorrente, Peter Watkins, lo ha girato nel 1999 con protagonisti presi dalla strada.
Come scrisse Paul Verlaine: «volevano il dovere e il diritto assoluti / Volevano lo slancio indomito e ribelle / Il sole senza tramonto, l’oceano senza riflusso / La Repubblica la volevano terribile e bella / Rossa e non tricolore».

(*) Ricordo – per chi si trovasse a passare da qui per la prima volta – il senso di questo appuntamento quotidiano. Dall’11 gennaio 2013, ogni giorno (salvo contrattempi sempre possibili) troverete in blog a mezzanotte e un minuto una «scordata» – qualche volta raddoppia, pochi minuti dopo – di solito con 24 ore circa di anticipo sull’anniversario. Per «scor-data» si intende il rimando a una persona o a un evento che per qualche ragione il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna dimenticano o rammentano “a rovescio”.
Molti i temi possibili. Molte le firme (non abbastanza per questo impegno quotidiano) e assai diversi gli stili e le scelte; a volte troverete post brevi, come oggi: magari solo una citazione, un disegno o una foto. Se l’idea vi piace fate circolare le «scordate» o linkatele ma ovviamente citate la fonte. Se vi va di collaborare – ribadisco: ne abbiamo bisogno – mettetevi in contatto (pkdick@fastmail.it) con me e con il piccolo gruppo intorno a quest’idea, di un lavoro contro la memoria “a gruviera”. (db)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

  • avevo scritto un indirizzo sbagliato (e meno male che l’editore, Andrea Grilli, è un amico… peeeeeeeeeeeeeeeensa se era un nemico): quello giusto è http://www.doubleshot.it
    adesso ho corretto anche in blog, poi proverò (la mia insipienza tecnica è notevole) a mettere anche qualche immagine
    db

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.