Scor-data: 6 ottobre 2002

Carol, Jackie e Ardeth prendono a martellate un missile

di Paolo Mozzo (*)  

Pregano nelle loro celle. Tre suore in clausura forzata, offerta dal governo degli Stati Uniti. Ne avranno di tempo per invocare la mano benevola del Padreterno sulle storture del mondo. Se migliaia di firme non smuoveranno George W. Bush, se non arriverà il presidential pardon, passeranno mesi – da 30 a 41 – prima che rivedano Fratello Sole. Per tre anni, poi, saranno in libertà vigilata. «Colpevoli» sentenzia il 25 luglio 2003, la Corte Federale di Denver: armate di fialette piene del loro sangue e di un paio di martelli il 6 ottobre 2002 violano un sito nucleare nel Nordest del Colorado. Tracciano croci rosse su un missile Minuteman III (20 volte più devastante di quello di Hiroshima), lo prendono a martellate. Poi si lasciano ammanettare. Processo, sentenza, prigione. Per legge degli uomini (il Patriot Act di Bush), accettata «in nome di Dio e della pace». Il raid «terroristico» delle tre domenicane di Grand Rapids (danneggiamento, interferenza e ostacolo alla sicurezza nazionale è l’accusa che poteva valere 30 anni, ndr) farebbe sbellicare dal ridere una recluta di Al Qaida . In tuta bianca, di notte nella campagna del Colorado, Ardeth Platte, 67 anni, Carol Gilbert, 56 e Jacqueline Hudson, 69, tagliano con un tronchese la rete metallica del «sito nucleare». Il Minuteman III è lì: bastano l’ordine del presidente e 15 minuti (e non è una «bufala» alla Tony Blair) per lanciarlo. Segnano sei croci col sangue, il loro, sul metallo. Prendono simbolicamente a martellate il mostro, che non fa una piega. Intervengono prontamente, 44 minuti dopo, vigilanza dell’esercito, uomini dello sceriffo e dell’Fbi. Le ammanettano, le costringono a sdraiarsi a terra e le lasciano lì per tre ore. La notte finisce nella Clear Creek County Jail; in quelle celle restano per sette mesi, in attesa del processo.

Sorella «Jackie» Hudson, della comunità Ground Zero for Noviolent Action di Bremerton, il 25 luglio affronta, con Ardeth e Carol, il giudice Robert Blackburn […] vieta alla giuria, con 32 pagine di proprie «opinioni» pre-dibattimentali, di rifarsi alla giurisprudenza internazionale; e alza un fuoco di sbarramento su ogni eccezione della difesa. Al punto di costringere la giuria a chiedere chiarimenti sul come «muoversi» fra tanti paletti. «Siamo andate al “silo” nucleare dopo aver studiato i trattati internazionali che dichiarano illegale la minaccia di impiego oltre che l’uso di armi atomiche» incalza la poco remissiva suor Jackie. E tira in ballo i princìpi di Norimberga e del Tribunale di Tokyo «nella cui stesura dopo la seconda guerra mondiale il nostro governo ebbe molta parte». Riprende parole di un processo, quello ai criminali nazisti, che pesano. O dovrebbero pesare: «Gli individui – scandisce di fronte all’allibito Blackburn e ai giurati – hanno doveri internazionali che trascendono gli obblighi di obbedienza nazionali. Anche di violare le leggi del proprio Paese per prevenire crimini contro l’umanità e la pace». Non c’è storia con quel giudice: oltre ai mesi di cella ci sono da pagare anche i 1000 dollari per il taglio della recinzione (valore circa un quinto).

«Stanno bene, ma non è un’esperienza facile», riferisce delle «prigioniere» una portavoce della Jonas House di Baltimora. «Le carceri – spiega – sono varianti delle installazioni militari e preferiscono i criminali ai contestatori nonviolenti». Le tre suore ricevono intanto dalla Germania il premio Nuclear Free Future Award . «Informate, cominciate altre campagne, volantinate, esponete striscioni, convertite, dimostrate, occupate, resistete» esorta Ardeth Platte dal carcere di Danbury. «Smascherate le imprese del dipartimento della guerra, di uno “Stato di guerra” e trasformatele in ciò che è buono e giusto per una nazione in pace. Che sia un modello di nonviolenza, compassione, stile di vita più sobrio e vita serena». I movimenti americani e la «rete» mondiale della nonviolenza si mettono in moto. Viene inoltrata alla Casa Bianca la richiesta di «perdono presidenziale». Comincia la raccolta di firme, anche via Internet (www.petitiononline.comwww.coloradopeace.org) . Suor Carol Gilbert, dal penitenziario di Alderson, come le altre, non ha intenzione di cedere: «Possono mettere dietro le sbarre il resistente, non la resistenza». Pacifisti americani ai tempi delle «guerre preventive».

«Condannati da una corte assurdamente scorretta» mettono in chiaro i sottoscrittori dell’appello. Tocca a George W. Bush decidere, adesso. Chissà se farà davvero, come aveva promesso, qualcosa di «compassionevole». Sarebbe la prima volta.

(*) Questo articolo è ripreso dalla rivista «Azione nonviolenta» del marzo 2004. In Italia della clamorosa azione di Ardeth, Carol e Jacqueline e di quel che poi è loro accaduto si è parlato pochissimo. A spulciare la stampa statunitense si capisce che non si sono pentite. Nell’ottobre 2008 si viene a sapere che “i servizi” statunitensi le hanno inserite – con totale sprezzo del ridicolo – in un elenco di terroristi da tenere d’occhio. Silenzio anche su una vicenda simile che ha coinvolto l’italiano Turi Vaccaro che nel 2005 si intrufolò nella base militare di Woensdrecht, in Olanda, e “disarmò” due F-16 prendendoli a bastonate; «la mazza l’avevo comprata ad Assisi» spiegò: «L’ho fatto secondo il nostro principio: trasformare le spade in aratri». Arrivato in carcere chiese riso e pane integrale biologico.

Ricordo – per chi si trovasse a passare da qui per la prima volta – il senso di questo appuntamento quotidiano. Dall’11 gennaio 2013, ogni giorno (salvo contrattempi sempre possibili) troverete in blog a mezzanotte e un minuto una «scordata» – qualche volta raddoppia, pochi minuti dopo – di solito con 24 ore circa di anticipo sull’anniversario. Per «scor-data» si intende il rimando a una persona o a un evento che per qualche ragione il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna dimenticano o rammentano “a rovescio”.

Molti i temi possibili. A esempio, nel mio babelico archivio, sul 6 ottobre fra l’altro avevo ipotizzato: 1820: editto delle chiudende; 1887: nasce Le Corbusier; 1954: Paolo Gallo, «il morto mai morto»; 1978: ucciso Claudio Miccoli; 1981: ucciso Sadat; 2009: in Italia con quasi 50 anni di ritardo indennizzo alle vittime del talidomide.E chissà a ben cercare quante altre «scordate» salterebbero fuori.

Molte le firme (non abbastanza forse per questo impegno quotidiano) e assai diversi gli stili e le scelte; a volte troverete post brevi: magari solo una citazione, una foto o un disegno. Se l’idea vi piace fate circolare le «scordate» o linkatele ma ovviamente citate la fonte. Se vi va di collaborare – ribadisco: ne abbiamo bisogno – mettetevi in contatto (pkdick@fastmail.it) con me e con il piccolo gruppo intorno a quest’idea, di un lavoro contro la memoria “a gruviera”. (db)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.