Sogni d’oro, guerrieri…

… e i bambini dormono per sempre

di Maria G. Di Rienzo

Più di un miliardo di bambini, circa un sesto della popolazione mondiale, vivono attualmente in zone di conflitto. Ne sono già morti due milioni e sei milioni vivono con le conseguenze di gravi ferite o sono stati resi disabili da queste ultime. 18 milioni di bambini sono rifugiati o dispersi. Circa 300.000 combattono come soldati.

Più del 70% dei bambini di Gaza, Palestina, di età inferiore all’anno sono anemici. Quando arrivano ai cinque anni, uno su dieci soffre di arresto dello sviluppo. 40.000 bambini, a Gaza e nella West Bank, lavorano invece di andare a scuola, a causa della miseria delle loro famiglie. Due terzi dei bambini palestinesi non hanno alcuna area sicura in cui giocare.

Fino a questo momento, le attuali “operazioni” israeliane nella Striscia di Gaza hanno dato come risultato 500 feriti e 75 morti. Il più piccolo dei morti aveva 18 mesi. Continuo a domandarmi come il pilota che ha effettuato il raid aereo in prossimità del campo rifugiati di Bureij, il luogo dove il bimbo è stato ucciso dalla sua prodezza, riesca a dormire la notte.

(Fonti dei dati: Nazioni Unite, Unicef, Save the Children, Al Jazeera)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • La reazione immediata, di fronte alle immagini dei corpi maciullati dei bimbi, e’ stata quella di distogliere lo sguardo. Poi mi sono costretta a guardare , me lo sono imposto . Tutti dovremo farlo per cercare di ricordare e raccontare cosa e’ l ‘ orrore, quello vero, quello che non si potra’ mai cancellare. Solo cosi’ potremo camminare un po’ dentro i mocassini delle madri e dei padri palestinesi che con l’ orrore vivono e convivono loro malgrado da troppo tempo. Come possiamo come esseri umani continuare e fingere di non sapere? Come possiamo tollerare tutto cio’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.