Si scrive nucleare, si legge profitto

 di Angelo Tartaglia (*) Ormai non passa giorno senza che, attraverso i maggiori canali di informazione, venga menzionato il nucleare italiano prossimo venturo. Intanto il piano delle Comunità Energetiche Rinnovabili (Cer) non procede. A maggio il Parlamento si è espresso a favore di un rientro nazionale nella filiera nucleare, improvvidamente interrotta dal popolo italiano in versione referendaria. Il ministro Pichetto

Continua a leggere

Governo Meloni bocciato in economia

di Luigi Pandolfi (*) La situazione economica del Paese non è buona. Ma il Governo sembra non accorgersene, intento com’è a magnificare pezzetti sparsi di un quadro complessivo, che presenta invece non poche criticità. Nel secondo trimestre di quest’anno, contrariamente a quanto ci si aspettava, sull’andamento del PIL è tornato il segno negativo (-0,3%), con una flessione distribuita tra il

Continua a leggere

Dalla croce alle crociere

di Tomaso Montanari (*) Dalla croce (dei poveri) alle crociere (dei ricchi): rischia di essere questo il triste slogan del Giubileo del 2025. È vero, fin dal suo discutibilissimo inventore (Bonifacio VIII, nell’anno 1300: il papa della Roma «là dove Cristo tutto dì si merca», nelle amare parole di Dante) l’anno santo è sempre stato anche (quando non solo) un

Continua a leggere