Un mostro dalle mille teste – Rodrigo Plà

 

12

(visto da Francesco Masala)

Rodrigo Plá l’avevo conosciuto  in un cinemino sgarrupato dove davano La zona, e adesso tocca al nuovo film, sempre nella stessa sala.
un film di corsa, che non consente di respirare troppo, claustrofobico.
c’è una cosa che unisce i due film, che los de abajo e los de arriba vengono a contatto, ed entrambe le volte non è una situazione pacifica.
le situazioni sono di vita o di morte, ma a morire sono sempre los de abajo, toccare i fili del privilegio e del potere è pericoloso.
Un monstruo de mil cabezas mi ha fatto pensare a Io, Daniel Blake, in entrambi i film la realtà anticipa quella italiana, il passaggio dal welfare alla carità, da cittadino portatore di diritti a questuante, per via anonima e burocratica, nel film di Ken Loach, il passaggio dalla sanità pubblica a quella privata, sanità di classe e di censo, nella quale malato e profitto sono l’uno il carburante dell’altro, nel film di Rodrigo Plá.
costante dei due film è il telefono, il potere delega il rapporto con il cliente a una segreteria, a dei messaggi preregistrati, o a un call center, e la lotta è impari, vince sempre la prepotenza delle regole, dei trucchetti, delle ragioni di ordine tecnico.
difficilissimo vederlo al cinema, è in un numero di sale a una sola cifra, ma, se capita che un pazzo lo proietti nella vostra zona, non esitate, non sarete delusi, promesso.

https://markx7.blogspot.it/2016/11/un-monstruo-de-mil-cabezas-un-mostro.html

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *