Vent’anni senza Sole

Gianni Sartori ricorda Soledad Rosas

#1a1a1a;">«#1a1a1a;">Ci vogliono morti, perché siamo i loro nemici. E non sanno che farsene di noi, perché non siamo i loro schiavi#1a1a1a;">».

«Non sanno che farsene di noi» aveva lucidamente scritto Soledad Rosas dopo la morte del suo compagno Edoardo Massari (28 marzo 1998) e poco prima di morire – nello stesso modo – a sua volta (11 luglio 1998).

Ma in un sistema capitalista efficiente niente si butta e nel frattempo si sono inventati qualcosa: prima un libro – «Amor y anarquia. La vida urgente de Soledad Rosas 1974-1998» di Martin Caparros (*) – e adesso anche un film.

Il libro, pubblicato nel 2003, lo avevo letto in castigliano e non ne ero rimasto convinto. Se non una mera operazione commerciale, sicuramente una manipolazione della tragica vicenda dei due “romantici” squatter morti suicidi (ufficialmente, ma ci sono tanti modi per spingere qualcuno a togliersi la vita). Ricorrendo anche all’esibizione di vicende intime della ragazza, non pertinenti con gli avvenimenti – eminentemente sociali e politici, un preludio delle lotte contro la TAV.

Nel 2018 il libro è uscito in lingua italiana e nel frattempo ne era stato ricavato un film. Regia – nientemeno – di Agustina Macri, figlia di Mauricio Macri, il presidente argentino.

Le riprese, iniziate a Torino l’anno scorso, si erano dovute trasferire prima a Genova, poi a Montevideo per sfuggire alle contestazioni degli anarchici che non avevano gradito l’appropriazione indebita.

Qualcuno polemicamente aveva chiesto alla figlia – una milionaria – del neoliberista Macrì perché, già che c’era, non girava un film su Santiago Maldonado, il militante anarchico prima desaparecido, poi ritrovato cadavere in un fiume, presumibilmente assassinato per la sua partecipazione alle lotte del popolo mapuche (**).

Inevitabile ritornare alle polemiche su altri film che raccontavano (o almeno pretesero di farlo: a modo loro, cioè spettacolarizzando e mercificando) le vicende di compagni vittime della repressione statale. Penso al film su Salvador Puig Antich, sostanzialmente accettato dai familiari – le sorelle – ma criticato duramente dai suoi compagni del MIL in quanto centrato su un generico ribellismo che metteva in ombra la forte coscienza anticapitalista di Salvador. O a quello su Lasa e Zabala, militanti baschi sequestrati, torturati e assassinati dalle squadre della morte parastatali del GAL. Anche in questo caso ci furono pareri opposti, soprattutto fra i membri dell’associazione Senideak. Mentre per qualcuno dei familiari e degli amici “serviva comunque a ricordarli, a parlare del terrore di Stato” per altri si trattava di una mistificazione riduttiva che tradiva la militanza dei due abertzale.

Tornando a Sole, ricordo che la criminalizzazione dei due compagni (e di un terzo, Silvano Pellissero, l’unico sopravvissuto al carcere) fu principalmente opera dei PM Maurizio Laudi – nel frattempo deceduto – e Marcello Tatangelo. Accuse assurde, sproporzionate e destinate a cadere nel 2002 – a quattro anni dalla morte dei due compagni – che però trovarono a disposizione l’immediata grancassa dei media; anche di quelli “democratici” che oggi magari pubblicano recensioni benevole sul film, ma all’epoca si impegnarono nel distorcere e denigrare. Si parva licet, vedi su «La Repubblica» il disprezzo vomitato sugli squatter dal solito Michele Serra.

(*) Ben altro libro quello scritto dal compagno Tobia Imperato («Le scarpe dei suicidi»): un valido testo militante scritto e pubblicato rimanendo al di fuori dei circuiti commerciali; cfr http://www.notavtorino.org/documenti-05/le_scarpe_dei_suicidi.pdf

(**) Coincidenza, proprio Florencia Kirchner, figlia di Cristina Kirkner, altra (ex) presidente argentina, ha realizzato la sceneggiatura di un documentario su Maldonado (“El camino de Santiago”).

NELLA FOTO: Soledad al funerale di Edoardo Massari detto Baleno

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • Gianni Sartori

    Per completezza riporto quanto mi hanno voluto segnalare alcuni compagni del Nord-Ovest, ossia che:

    “…con le dovute differenze rispetto allo sciacallaggio della Macrì, anche il
    libro di Tobia è un’indebita appropriazione di una parte dell’allora
    movimento, gli squatter, della vicenda di Sole, Baleno, Silvano. Senza
    contare che furono proprio gli stessi squatter che pubblicarono il libro
    (con Tobia in persona) a introdurre Caparros nel “giro” torinese e ai
    poveri genitori (che oggi non ci sono più) di Baleno”.
    Aggiungendo poi che “a disturbare la Macrì e le sue riprese
    gli squatter non ci hanno messo nessun impegno a differenza di tutti
    e tutte le compas che da Torino e vallate si sono dati da fare”.

    GS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.