Verso il 18 dicembre


Giornata di azione globale contro il razzismo e per i diritti di migranti, rifugiati e sfollati


In diverse occasioni, durante le riunioni nei vari Forum Mondiale e in altri eventi internazionali, il movimento dei migranti ha potuto constatare il bisogno di realizzare una azione comune a livello mondiale, perché mondiale è il nemico con il quale ci scontriamo quotidianamente.  Dal Forum Sociale Mondiale delle Migrazioni di Quito dell’ottobre 2010 e dal Forum Sociale Mondiale svoltosi a Dakar nel febbraio scorso ci arriva la proposta per la realizzazione di una giornata di azione globale per i diritti dei migranti, rifugiati e sfollati, il 18 dicembre 2011, giorno in cui le Nazioni Unite adottarono la Convenzione per i diritti dei lavoratori migranti e le loro famiglie.


 


Si tratta di riappropriarsi di questa data e di riempirla di significato: quello delle migliaia di lotte che quotidianamente il movimento dei migranti, rifugiati e sfollati realizza nel mondo.


 


In Italia vogliamo raccogliere e rilanciare la proposta affinché sia concretizzata e riempita di contenuti e pratiche anche in questo Paese; e vi proponiamo di farlo anche voi, diventando protagonisti dell’ideazione, della promozione e della realizzazione della giornata.


 


Sappiamo che è una proposta ambiziosa, ma crediamo sia anche necessaria e possa rappresentare un’opportunità e una responsabilità.


 


Un’opportunità: perché la data del 18 dicembre 2011 può rappresentare un appuntamento unificante delle varie reti e movimenti dei migranti e degli antirazzisti che in ogni angolo del pianeta si battono per il diritto umano, sociale e politico di ogni cittadino del pianeta di decidere in piena libertà dove costruire il proprio futuro.


Un’opportunità per diffondere in Italia la Carta Mondiale dei diritti dei migranti, firmata a Gorè il 4 febbraio 2011.


 


Una responsabilità: perché aderire a questa giornata e farla vivere in Italia significa rilanciare e proseguire l’impegno di mobilitazione che in questi anni ha avuto espressioni particolarmente significative in questo Paese: dalle esperienze di lotta e di solidarietà che si sono moltiplicate per il diritto al permesso di soggiorno e per l’affermazione di diritti uguali per tutti fino alla preparazione della prossima Primo Marzo 2012 “Una giornata senza di noi”.


 


In ultimo, non per importanza, fare la nostra parte per la realizzazione della Giornata d’Azione Globale del 18 dicembre è un modo per contribuire, apportando le nostre esperienze ed energie, alla tessitura di una rete che si sta infittendo nel mondo: coi fili che collegano associazioni e movimenti di diverse nazioni e lungo le traiettorie che percorrono le popolazioni migranti: non più sentieri interrotti di disperazione, ma cammini di speranza, di progresso condiviso, di incontro e di pace.



Una giornata di azione globale per i diritti di migranti, rifugiati e sfollati è possibile: il prossimo 18 dicembre 2011


Per aderire e avere altre informazioni potete scrivere a: info@globalmigrantsaction.org


Elenco delle (prime) adesioni: ITALIA


 


ARCI (Italia); SOLETERRE (Italia); CGIL (Italia); Federazione Africana in Toscana (Italia); AceA Onlus Associazione Consumi Etici e Stili di Vita Solidali (Italia); MAIRI Mutuo Aiuto Immigrati Residenti in Italia; Rete Nazionale Primo Marzo (Italia); Rete Antirazzista Catanese; Confederazione Cobas di Catania; Campagna Welcome (Italia);



MONDO:


Boston May Day Committe (USA); Asociación de Familiares de Migrantes “Rumiñahui” – 9 de enero (Ecuador); PRECADEM, A. C – Prevención, Capacitación y Defensa del Migrante, (Mexico); La Alameda(Argentina); MIREDES International; Familia Latina Unida Sin Fronteras (Mexico); Mujeres Abriendo Caminos (Guatemala-California); NALACC – Alianza Nacional de Comunidades Caribeñas y Latinoamericanas (USA); FERINE Federación Estatal de Asociaciones de Inmigrantes y Refugiados en España; Centro de Derechos Humanos del Migrante en Ciudad Juárez (México); Voces Mesoamericanas; CEFEMINA – Centro Feminista de Información y Acción (Costa Rica); Pateras de la Vida (Marruecos); FONAMIH – Foro Nacional para las Migraciones (Honduras); UFCW (Canada); AFVMC – Aide aux Familles et Victimes des Migrations Clandestines (Cameroun); PCS-Consejeria en Proyectos (Guatemala); CEPLAES – Centro de Planificación y Estudios Sociales (Ecuador); Migreurop; Association Beni Znassen pour la Culture, le Développement et la Solidarité(Maroc); MIGRALAB. Arte y migraciones (Ecuador); Enlace, Comunicación y Capacitación (Chiapas-México); Universal People For The Best In The World (Benin); SMFC – Safe Migration Facilitation Center – BRAC (Bangladesh); Bureau national du Mouvement des sans-voix (Mali); Swiss Trade Unions SGB and Unia; El Taller International (Tunisia); Teletule, Cultura De Paz Para El Desarrollo (Colombia); Chargée des thématiques Genre et Migrations (Cameroun); ICER – International Commission on Eritrean Refugees Washington, DC (USA); APILA – Asociación de Inmigrantes por la Integración Latinoamericanay del Caribe (Chile); Centro de Direitos Humanos e Cidadania do Imigrante Espaço Sem Fronteiras (Brasil); Asociacion sur migracion y desarrollo (Marruecos); Chabaka (Marruecos); Association Marocaine des Droits Humains (Marruecos); Salif Fofana – Coordinateur de Campagnes et Mobilisation d’Amnesty International (Mali); CineMigrante, Cine y Formación en DDHH de las personas migrantes (Argentina); December 18 / Radio1812 (Belgium); MENAMIG – Mesa Nacional Para las Migraciones en Guatemala; APIC – ANDALUCÍA ACOGE (España); Southwest Workers Union San Antonio, Texas (USA); CEFAMM – Centro Familiar de Ayuda al Migrante (Ecuador); Oficina para Centroamérica y México de PCS-Consejería en Proyectos; Le Collectif des Réfugies au Maroc; Comisión de Migración de la Acampadade Sol (España); Voces de Mujeres – Guatemala / Mujeres Abriendo Caminos – California; AMUMRA, Asociacion Civil de Derechos Humanos Mujeres Unidas Migrantes y Refugiadas en Argentina; MigrantWorkersRights (Canada); Université populaire africaine en Suisse (UPAF.ch); Association d’aide et de protection des groupes vulnerables du centre nord (Burkina Fasso)



Mozione del Social Forum Mondiale – Dakar febbraio 2011


Il Forum Sociale Mondiale di Dakar, raccogliendo le proposte del Forum Sociale Mondiale delle Migrazioni realizzato a Quito (Ecuador) e quelle del Forum Mondiale di Dakar e della Carta Mondiale dei Migranti firmata a Gorè il 4 febbraio 2011


Propone


Una giornata d’azione globale il 18 dicembre 2011 contro il razzismo e per i diritti, l’uguaglianza e la dignità dei migranti, dei rifugiati e degli sfollati.


Esige


La ratificazione e l’applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite per i diritti dei lavoratori immigrati e delle loro famiglie, la libertà di circolazione e il diritto a scegliere dove stabilirsi, la chiusura dei centri di identificazione ed espulsione dei migranti e l’annullamento di tutti gli accordi e i programmi che violano i diritti umani alle frontiere.


Denuncia


Le conseguenze delle politiche di sfruttamento neo-coloniale e neo liberali.


Rivendica


Che i migranti giocano un ruolo fondamentale come attori sociali e politici per la costruzione di una cittadinanza universale.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.