Aboliamo il Concordato! «MicroMega» lancia una raccolta firme

In una Repubblica democratica e laica non possono esserci cittadini più uguali degli altri. Primi firmatari: Boncinelli, Cantarella, Celestini, Flores d’Arcais, Maraini, Montanari, Odifreddi, Sciuto. Firma anche tu!

«MicroMega» ha lanciato questa petizione e l’ha diretta a Parlamento

Se ci fosse ancora qualche dubbio sulla volontà e il potere di ingerenza della Chiesa cattolica nella vita dello Stato italiano, la “nota verbale” con cui il Vaticano si è intromesso nella discussione del ddl Zan l’ha completamente spazzato via.

A prescindere da come si concluderà l’iter del ddl in questione, l’interferenza vaticana ha già sortito un effetto deleterio per la nostra democrazia, alterando i termini del dibattito e impedendo una discussione fra cittadini liberi e uguali nello spazio pubblico attorno a una legge della Repubblica.

È dunque ormai urgente che la Chiesa cattolica perda tutti i privilegi di cui gode grazie ai Patti lateranensi del 1929, poi inseriti nell’articolo 7 Costituzione repubblicana. Di fronte all’incapacità della classe politica di imboccare coraggiosamente questa strada, è necessario che siano i cittadini a prendere la parola, chiedendo a gran voce l’abolizione del Concordato fra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica.

Perché in una Repubblica democratica e laica non possono esserci cittadini più uguali degli altri.

Edoardo Boncinelli
Eva Cantarella
Ascanio Celestini
Paolo Flores d’Arcais
Dacia Maraini
Tomaso Montanari
Piergiorgio Odifreddi
Cinzia Sciuto

FIRMA ANCHE TU!

Una vecchia (ma purtroppo sempre attuale) vignetta di Scalarini.

 

La Bottega del Barbieri

3 commenti

  • Sul numero del settimanale «Left» in edicola spicca il titolo «Stato di abso. Perchè farla finita con il Comcordato». All’interno ne scrivono Carla Corsetti, Federico Tulli, Uaar, Giulio Cavalli e Roberto Musacchio. Il sommario è qui: https://left.it/left-n-26-2-luglio-2021/

  • Sono sempre stato contro il Concordato e contro le ricchezze accumulate dalla “chiesa” nei secoli, essendo stato nell’ambiente! Hanno fatto credere al popolo “Bue” che la “CHIESA” fosse fatta di chiese di mura, opere d’arte, ecc…, togliendo così il pane di bocca al popolo ecc… mentre nostro SIGNORE, IL CRISTO predicava e ripeteva: “OVUNQUE DUE PERSONE SONO RIUNITE NEL MIO NOME, LÌ IN MEZZO CI SONO IO”… Perfino l’on. Giulio Andreotti, vedendo le tante Chiese “CHIUSE”che ci sono a Roma, a Napoli, in Italia e nel mondo, disse di riaprirle e di fare “LUOGHI DI INCONTRO”!!!

  • Uno STATO LAICO NON PUò Nè DEVE AVERE INTERFERENZE e/o INTROMISSIONI d’alcun genere da parte di uno STATO CONFESSIONALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *