Cara, guerriera Italia

Bozza ddl Bilancio 2018: spese militari in aumento, sopratutto per nuovi armamenti

di Francesco Vignarca (di MIL€X)

I dati non definitivi contenuti negli allegati tecnici al Disegno di legge di bilancio 2018 (appena diffusi dal governo, con Ddl che dovrà passare ora al voto parlamentare) analizzati dall’Osservatorio MIL€X sulle spese militari italiane mostrano per il 2018 una previsione di spesa militare in crescita, in particolare per quanto riguarda l’acquisto di nuovi armamenti.

Il puro budget previsionale di partenza del ministero della Difesa passa dai 20,3 miliardi del 2017 ai quasi 21 miliardi del 2018, con aumento del 3,4%. Partendo da questo dato si può ricavare quello complessivo di spesa militare 2018, secondo la metodologia già sperimentata dall’Osservatorio MIL€X: in più vanno aggiunti gli stanziamenti (stabili) del ministero dello Sviluppo Economico per l’acquisizione di nuovi armamenti, il costo delle missioni militari all’estero sostenuto dal ministero dell’Economia e delle Finanze, gli oneri per il personale militare a riposo a carico dell’INPS oltre all’impatto finanziario derivante dai contributi al budget NATO e dalla compartecipazione per i costi delle basi USA sul territorio nazionale; da sottrarre invece i costi non militari dell’Arma dei Carabinieri (per funzioni di polizia e ordine pubblico e per le funzioni di guardia forestale).

Il calcolo conduce ad una spesa militare italiana complessiva in aumento del 4% passando dai 24,1 miliardi del 2017 (*) agli oltre 25 miliardi del 2018, pari all’1,42% del PIL previsionale (nel 2017 la percentuale era l’1,40).

In forte crescita (circa il 7% rispetto al 2017) la spesa per nuovi armamenti che si ottiene sommando gli stanziamenti diretti della Difesa con quelli provenienti da fondi del Mise. Secondo i calcoli preliminari dell’Osservatorio MIL€X nel 2018 la tripartizione effettiva della spesa militare (personale, esercizio e investimenti, che secondo la Riforma Di Paola dovrebbe tendere a una suddivisione 50%-25%-25%) si attesterà sul 58% per il personale, il 15% per l’esercizio e un complessivo 28% per gli investimenti in armamenti e infrastrutture.

(*) dato leggermente superiore a quello elaborato nel “Rapporto Mil€x 2017” a causa dei continui riconteggi e verifiche che l’Osservatorio conduce su una stima metodologicamente complessa (anche per difficile accesso a tutti i dati in piena trasparenza) in base ai nuovi documenti avuti a disposizione dopo la pubblicazione del Rapporto.

Nei prossimi giorni verrà diffusa dall’Osservatorio MIL€X una prima analisi dettagliata delle singole voci di spesa militare (ancora previsionale e da confermare con voto parlamentare) prevista per il 2018. Il nuovo “Rapporto Mil€x”, con dati definitivi ed approfondimenti inediti su alcuni temi specifici verrà invece pubblicato entro febbraio 2018.

Il sito http://milex.org/ offre una buona informazione sulle spese militari dell’Italia e sulla lobby finanziaria-militar-tecnologica. Avevamo già segnalato in “bottega” il video

http://milex.org/2017/09/09/video-le-spese-militari-italiane-spiegate-in-4-minuti/. Un amico mi fa notare che su MIL€X manca un’informazione sulle contaminazioni cancerogene diffuse (su tutto il territorio italiano ma in modo particolarmente pesante in Sardegna, come abbiamo raccontato più volte in “bottega”) dall’apparato militare Nato e italiano. Vero, ma poche persone non possono fare tutto… Il lavoro per rompere il muro di segreti e bugie è faticoso, dunque chi può sostenga MIL€X anche con un piccolo contributo economico. [db]

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.