Fermare l’aggressione turca contro Afrin

1) Appello di Chomsky e altri/e; 2) intervista a Salih Muslim di Orsola Casagrande; 3) link a Murat Cinar e a Luigi d’Alife

Accademici e attivisti per i diritti umani nel mondo hanno lanciato una petizione rivolta alle potenze mondiali affinché agiscano contro l’aggressione turca nei confronti di Afrin.

Noi sottoscritti, accademici e attivisti per i diritti umani, chiediamo che i leader della Russia, dell’Iran e degli Stati uniti garantiscano che la sovranità delle frontiere siriane non sia violata dalla Turchia e che il popolo di Afrin (Siria) possa vivere in pace. Afrin, la cui popolazione è per la maggior parte curda, è una delle zone più stabili e sicure della Siria. Pur disponendo di pochissimi aiuti internazionali, Afrin ha accolto talmente tanti rifugiati siriani che negli ultimi cinque anni la sua popolazione è raddoppiata, raggiungendo i 400.000 abitanti.

Afrin è attualmente circondata di nemici: i gruppi jihadisti sostenuti dalla Turchia, al-Qaeda e la Turchia. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha minacciato di attaccare i partner curdi dell’esercito americano – le Ypg curde, ovvero le Unità di protezione del popolo – con le quali gli Stati uniti si sono alleati contro l’Isis. La Turchia accusa le Ypg di essere “milizie terroriste” nonostante esse abbiano per lungo tempo creato consigli locali di amministrazione democratica in tutte le città che hanno liberato dall’Isis e abbiano ripetutamente dichiarato di non avere interessi in Turchia e di voler operare solo come forze per la difesa dei curdi siriani e di altre etnie che vivono nella Federazione democratica della Siria settentrionale (Dfns), altrimenti nota come “Rojava”, di cui Afrin fa parte.

La Turchia ha dispiegato un’enorme potenziale di fuoco alla frontiera con Afrin e il presidente Erdogan ha promesso di attaccare con tutte le forze il cantone controllato dai curdi, distruggendo una enclave di pace e mettendo migliaia di civili e rifugiati in pericolo, tutto per realizzare la sua vendetta contro i curdi. Un attacco del genere contro i pacifici cittadini di Afrin è uno spudorato atto di aggressione contro una regione democratica e la sua popolazione. La Turchia non può compiere questo attacco senza l’appoggio della Russia, dell’Iran e della Siria e senza l’inerzia degli Stati Uniti. Il popolo curdo ha sopportato la perdita di migliaia di giovani uomini e donne arruolatisi nelle Ypg e nelle unità femminili Ypj per liberare il mondo dall’Isis. Gli Stati Uniti e la comunità internazionale hanno l’obbligo morale di sostenere il popolo curdo. Chiediamo che gli ufficiali statunitensi e la comunità internazionale garantiscano la sicurezza di Afrin ed evitino ulteriori aggressioni turche, provenienti sia dall’interno della Siria sia dall’esterno dei suoi confini. (20 gennaio)

Noam Chomsky, MIT Professor Emeritus

Michael Walzer, Institute for Advanced Study, Princeton University, Professor Emeritus

Charlotte Bunch, Distinguished Professor of Women’s and Gender Studies, Rutgers University

Todd Gitlin, sociologist and Chair, PhD Program in Communications, Columbia University

David Graeber, Professor of Anthropology, London School of Economics

Nadje Al-Ali, Professor of Gender Studies, SOAS University of London

David Harvey, Distinguished Professor of Anthropology and Geography, CUNY Graduate Center

Michael Hardt, political philosopher and Professor of Literature, Duke University

Marina Sitrin, Assistant Professor of Sociology, SUNY Binghamton

Ann Snitow, activist and Associate Professor, New School

Bill Fletcher, Jr., former President of TransAfrica Forum

David L. Phillips, Director, Program on Peace-building and Rights, Columbia University

Joey Lawrence, photographer and filmmaker

Meredith Tax, writer and organizer, North America Rojava Alliance (NARA)

Debbie Bookchin, journalist and author, NARA

Intervista (è in castigliano) di ORSOLA CASAGRANDE a Salih Muslim datata ieri con 5 fotografie

Salih Muslim es el ex co-presidente del PYD (Partido de la Union Democratica). Actualmente es el portavoz de relaciones internacionales de TEV-DEM (Movimiento de la Sociedad Democratica, el organismo de gobierno de la Federación del Norte de Siria).
Se encuentra en Rojava de donde nos contesta por telefono.
La Turquía el sábado ha empezado el ataque militar contra Afrin en Rojava (territorio sirio) que había anunciado y amenazado hace meses. Las ultimas noticias hablan de al menos 9 muertos y docenas de civiles heridos. Entre las victimas un niño de 9 años, Yehya Hemedê Eli.
Turquía esta invadiendo a Afrin, pero claramente Rusia y el mismo regimen de Assad no solamente han cerrado un ojo frente a esta agresión sino que han dado luz verde. Que cambia en el equilibrio politico? Porque Afrin, porque ahora?
Afrin era una especie de enclave, de paraíso seguro desde el 2011 y la Turquía no ha aceptado nunca esta realidad. Ha intentado de hacer algo para cambiar esta situación durante cinco anos y no ha tenido éxito. Pero no podían dejar ir las cosas y así han estado preparando los planes de invasion esperando para el momento adecuado para atacar.
El momento adecuado ha sido el pasado sábado. Estamos convencidos que esta agresión ha podido ocurrir después de algún tipo de intercambio entre Turquía y sus mercenarios y Rusia y el gobierno sirio. La moneda de cambio es precisamente Afrin.
Hay que subrayar que este ataque ocurre casi al mismo tiempo que la liberación de la base aerea de Ebu Zuhur, en el Este de Idlib. Esta base aerea ha sido “liberada” por las tropas del regimen sirio mientras empezaban los raids aéreos turcos contra Afrin. Para nosotros, hay claramente una conexión entre estos dos eventos.
Y naturalmente la Turquia ha obtenido la luz verde por parte de Rusia y del regimen sirio. Esta es una invasión muy amplia. Están conduciendo raids aéreos pero las tropas turcas están también intentando entrar por tierra.
Nos encontramos de frente a una nueva fase, una nueva concepción de la guerra elaborada por estas fuerzas [Turquía, Rusia, Gobierno sirio] en la región.
Como es la situación en este momento en Afrin? Sabemos que hubo víctimas, los civiles están huyendo de la ciudad?
Los ataques aereo han empezado el pasado sábado y aunque no tenemos informaciones exactas, si sabemos de al menos 1 miembro del YPG (Unidades de Defensa Kurdas) y 2 YPJ (Unidades de Defensa de las Mujeres) que han caído mártires. También hay al menos 6 víctimas civiles y docenas de heridos. De echo la población civil es el principal blanco de esta operación. Quiero subrayar que cuando hablo de YPG y YPJ estoy en realidad hablando de civiles, porque no olvidémonos que las YPG y las YPJ están conformadas por hombres y mujeres, ciudadanos y
ciudadanas de Afrin que están tomando las armas para proteger sus casas y pueblos. Estamos hablando de civiles en armas.
Creo que hay que subrayar eso, sobretodo para la comunidad internacional: bajo ataque es la población de Afrin. Las declaraciones que habría en Afrin militantes del PKK es una mentira, una excusa que Turquía utiliza para justificar esta agresión.
La gente en este momento está intentando de buscar refugio, pero dentro de la misma Afrin y los pueblos alrededor. La población no está huyendo porque la frontera es bajo ataque y la gente no puede salir de la ciudad.
De echo, y otra vez lo subrayo sobretodo para la comunidad internacional, hay un riesgo serio de genocidio, pues la población es entrapada dentro de la ciudad y de las aldeas.
Las fuerzas turcas y sus mercenarios están matando a civiles, mujeres, niños, hombres.
Los kurdos han demostrado una vez mas de ser cruciales para cualquier solución politica no solamente en Siria sino que también en Oriente Medio. Sin embargo nadie quiere reconocer esa realidad. Porque le tienen tanto miedo a los kurdos?
Porque los kurdos están liderando este nuevo enfoque hacia la democracia, hacia el derecho de los pueblos a la igualdad. Ellos promueven y implementan un nuevo sistema y su proyecto es para todo Oriente Medio. Estamos hablando de hermandad entre los pueblos, igualdad de genero, derechos de las mujeres… todos esos son conceptos nuevos en Oriente Medio y los kurdos estas liderando este nuevo proceso.
Todos, dentro del establishment pero mas en general dentro de grupos de poder específicos, le tienen medio a este nuevo enfoque. Ven sus intereses amenazados y por eso están intentando de detener todo progreso y cualquier cambio.
Le tienen miedo a los kurdos y le tienen miedo al echo que los pueblos de todas naciones ven este enfoque hacia la democracia como algo viable y que efectivamente los va a beneficiar.
Pero para el regimen sirio, para Turquía, para los enemigos de la democracia eso equivale a un anatema y es por eso que están combatiendo contra los kurdos.

Sentiamo#ff0000;"> Murat Cinar, giornalista della sinistra turca che vive da anni in Italia. Ascolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Sentiamo il commento di #ff0000;">Luigi d’Alife, regista del documentario “Binxet – oltre il confine” Ascolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Qui altre notizie e approfondimenti in merito: www.uikionlus.comxxxxx

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

3 commenti

  • Basta con le bombe di Erdogan su Afrin
    http://www.manifestosardo.org/basta-le-bombe-erdogan-afrin/
    il comunicato della Rete Kurdistan Sardegna, uomini e donne solidali con il popolo kurdo e siriano

  • Aderisco all’appello con tutto il cuore. Fermiamo le guerre dovunque, in particolare ciascuna di esse, cominciando da quella scatenata dal governo Turco contro Efrin.

  • Daniele Barbieri

    OGGI A MILANO UN PRESIDIO (ricevo e faccio girare)
    Curdi carne da cannone
    Sono i nostri compagni eroici, difendiamoli
    OGGI PRESIDIO A MILANO
    piazza alla Scala – ore 17.30
    Carissime e carissimi,
    ho sperato fino all’ultimo che americani e russi fermassero la mano di Erdogan ma non è stato così, appena la Turchia ha deciso i bombardamenti su Afrin la Russia ha ritirato da questo cantone curdo sue truppe che erano lì proprio per impedirne l’invasione, mentre gli Stati Uniti una settimana fa avevano formalmente dichiarato ai curdi di non sentirsi impegnati contro un eventuale attacco turco ad Afrin.
    Afrin è una delle città da cui sono partiti quegli stessi curdi del Rojava che hanno sconfitto l’ISIS, mentre la Turchia lo finanziava e lo armava. E ha continuato a farlo per tre anni. Ora che i tagliatori di teste di al-Nusra e al- Qaeda sono stati quasi completamente eliminati la Turchia li ha direttamente sostituiti, iniziando a bombardare e invadere il cantone di Afrin, dove vive un milione di esseri umani, curdi in maggioranza ma anche cristiani, arabi e 20 mila rifugiati siriani, e ha attivato 20 autobus pieni di jihadisti che si erano rifugiati in Turchia onde procedere a un attacco di terra.
    Quello che sta facendo la Turchia è un crimine di guerra non diverso dai crimini commessi dallo Stato Islamico, e avviene alla luce del sole e a fronte di un Occidente inebetito, passivo e tollerante nei confronti della Turchia.
    Mi sono chiesta spesso perché si fa l’embargo all’Iran e non alla Turchia. La sua economia dipende per il 70% dall’Europa, basterebbero tre mesi di embargo per metterla in ginocchio e farle cambiare politica. Oggi la repressione interna alla Turchia è molto più feroce che in Iran, ma si finge di non sapere e di non vedere. Si finge di non vedere il carattere genocidario, razzista e fascista del potere di Erdogan. Addirittura questi ha imposto a 90 mila moschee (i cui gestori sono tutti dipendenti statali) di pregare per la vittoria militare. Fino a quando questa barbarie verrà tollerata? Stiamo aspettando operazioni militari turche (le minacce già ci sono) contro Grecia e Iraq?
    Care amiche e cari amici, oggi più che mai torno a voi per il rinnovo delle adozioni fatte a Kobane e per aiutarne l’orfanotrofio . Sono molti i bambini rimasti orfani, migliaia sono i curdi e le curde dell’YPG che hanno lasciato la vita per sconfiggere lo Stato Islamico, purtroppo la guerra in Siria non è ancora finita, ci sta pensando la Turchia a tenerla in vita, facciamo sentire in tutti modi la nostra solidarietà al popolo curdo.
    (…)
    Silvana Barbieri

    FONTI DI PACE & BIMBI DI KOBANE
    Sostieni a Distanza gli Orfani di chi Combatte L’ISIS
    silbarbieri@gmail.com
    http://www.bimbidikobane.com

    Luigi Vinci – Milano, 21 gennaio 2018
    Curdi carne da cannone
    SONO I NOSTRI COMPAGNI EROICI, DIFENDIAMOLI
    Quelle milizie curde e quei loro alleati appartenenti alle varie etnie e religioni della Siria (arabi, siriaci, turcomanni, yazidi, alauiti, ecc.) che hanno per primi sconfitto gli stragisti di Daesh armati e pagati da Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar sono da due giorni sotto attacco, nel loro cantone di Afrin, il più occidentale, da parte dell’aviazione e dell’artiglieria della Turchia. La Turchia inoltre ha dichiarato di voler procedere con l’invasione di terra con suoi carri armati e sue truppe. Inoltre ha dichiarato che suo ulteriore bersaglio è la città di Manbij, liberata a suo tempo dai curdi e da milizie arabe e turcomanne loro alleate e governata da un consiglio democraticamente eletto dalla sua popolazione. Nel frattempo sono già in movimento verso Afrin le milizie delle cosiddette Forze Democratiche Siriane, ostili al governo siriano e alla Russia, composte da tagliagole provenienti dal riciclaggio turco dei vari gruppi islamisti radicali in campo in questi anni, da Daesh ad al-Qaeda ad altri minori. Ad essi viene affidato il compito di rompere la tenuta delle milizie curde e di massacrare la popolazione curda.
    La Turchia rivendica la sua azione a nome di un suo diritto a difendersi da minacce lungo le sue frontiere: minacce che non sono mai esistite. In realtà la Turchia occupa un tratto di territorio siriano, spezzando così la continuità del territorio in mano curda. In questo tratto c’è la città di Jarabulus, l’antica Hyerapolis: nella quale ha immediatamente operato a cacciare i curdi, ha portato turchi e turcomanni a essa legati, ha imposto l’insegnamento del turco nelle scuole, la legislazione turca, ecc. Attraverso quest’occupazione le truppe turche risultano collegate al complesso delle formazioni islamiste radicali che occupano l’area della città di Idlib, forniscono a queste sistematicamente armi e mezzi di sostentamento, possono trasportarne i feriti in Turchia ecc. Più in generale, la Turchia guarda alla conquista di Aleppo: la cui realizzabilità dipende dal fatto che la situazione siriana anziché evolvere verso la fine delle sue molteplici guerre ne veda il rilancio massimo possibile. Giova rammentare come il governo turco abbia recentemente dichiarato il ripudio di quel Trattato di Losanna (1923) che ne definì gli attuali confini e come essa ora rivendichi aree in mano greca (alcune isole dell’Egeo, la Tracia greca), in mano siriana (l’area di Aleppo), in mano irachena (l’area di Mosul), nella quale anzi ha recentemente spostato truppe in quattro località.
    La Russia dopo l’abbattimento da parte turca di un suo aereo militare aveva collocato suoi soldati nel cantone di Afrin e precisamente sul suo confine turco, ciò che significava l’impossibilità per la Turchia di invaderlo, quindi solo la possibilità (continuamente effettuata) di bombardarlo, soprattutto con l’artiglieria. Appena iniziati i recenti bombardamenti aerei la Russia ha ritirato le sue truppe. Il rapporto con la Turchia, l’intenzione di non riconsegnarla agli Stati Uniti sono evidentemente le cose che per la Russia contano, non già i diritti di una popolazione che ha combattuto anche per conto della stessa Russia. Quanto agli Stati Uniti, una settimana fa avevano formalmente dichiarato ai responsabili curdi di non sentirsi impegnati contro un eventuale attacco turco al cantone di Afrin. Evidentemente la logica statunitense risulta simmetrica a quella russa. La Russia ha dichiarato di considerare gli Stati Uniti responsabili di un disagio della Turchia dinnanzi all’armamento pesante da essi consegnato alle milizie curde, e che ha consentito a queste ultime, ripulita la Siria orientale da Daesh, di costruire un’entità fortemente autonoma nella Siria orientale. Ma la Russia non aveva dichiarato di sentirsi impegnata dalla prospettiva di una Siria confederale, dove ogni etnia o religione fosse in grado di esercitare i suoi diritti, cosa questa che in Medio Oriente necessariamente significa essere armati?
    Gli Stati Uniti a loro volta hanno ieri chiesto a Turchia e a milizie curde di “fermarsi” e di “trattare” guardando solo al residuo di lotta a Daesh e compagnia. Sarà dura, dopo aver concesso alla Turchia di avviare l’attacco al cantone di Afrin.
    Il Regno Unito ha dichiarato ieri di condividere pienamente l’azione di una Turchia minacciata sui suoi confini da un’entità aggressiva. Evidentemente è in ballo una trattativa commerciale tra Regno Unito e Turchia, oppure è in ballo qualche grossa fornitura d’armi. Come dice il proverbio, pecunia non olet. Giova solo rammentare come il traffico di armi sia il secondo grande business planetario, quindi un fattore di guerra addirittura indipendente dalla politica.
    Il silenzio dal lato dell’Unione Europea è semplicemente assordante. La RAI ne parla per circa cinque secondi, in attesa di ordini di governo.
    Insomma l’attuale canagliaio mondiale grande e piccolo ha mostrato per l’ennesima volta di essere, non la soluzione del disastro mediorientale, ma uno dei suoi fondamentali attori.
    Agiamo come ci è possibile a difesa dei nostri compagni curdi, sono un faro di civiltà e di umanità in un pianeta che sta sprofondando. Se verranno soppressi il pianeta intero ci andrà di mezzo: tutti stanno riarmando, tutto sta marciando verso l’allargamento e la sinergia tra i conflitti in atto, e le armi usate, continuando così, saranno anche quelle atomiche. Già gli Stati Uniti lo dichiarano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.