I 30 giorni di evasione

di Nicoletta Dosio

30-giorni

Bussoleno. Osteria ‘La Credenza’.

[Bussoleno, 22 ottobre 2016.
Oggi la ‘piola’ è piena di ragazzi chiassosi, di accordi di chitarra, di bicchieri che si alzano e di vino che scende.
Vengono dai dintorni di Torino per un compleanno, ed hanno scelto di festeggiarlo qui, vicini a Nicoletta.
In molti l’accompagnano con affetto, dal giorno in cui ha deciso di non sottostare all’imposizione dei domiciliari, di non sporcare la sua casa con ricordi di prigionia.
Quando all’imbrunire la festa si conclude, i saluti di commiato si confondono con quelli di chi arriva. È un premuroso cambio della guardia.
Si anima il gazebo fuori dall’osteria, e il tavolo per strada si riempie di pane fragrante, dolci, formaggi e vino, offerti da un amico per celebrare il trentesimo giorno di evasione.

Nicoletta 'in effigie' di fronte al Tribunale di Torino.

Nicoletta ‘in effigie’ di fronte al Tribunale di Torino.

E un’altra festa comincia, perché è con l’allegria ed il calore degli abbracci che si sconfigge la tetra pazzia della Procura di Torino.
Nicoletta emana serenità e coraggio.
Non la definirei una ‘latitante’. La latitanza è sinonimo di ‘assenza’, e lei non solo non si cela, ma è proprio dappertutto.
In carne e ossa o in effigie (i compagni portano in giro delle sagome con la sua immagine, per irridere i gendarmi), in giro per la valle o per la penisola.
Ovunque ci sia una lotta.  Alexik]

Io sto con chi resiste - Imola.

Io sto con chi resiste – Imola.

Da ormai un mese ho lasciato la mia casa, i miei animali, le piante che crescono selvagge sui miei balconi, i grandi cedri pieni di nidi. Da un mese non rivedo la stanzetta quieta che custodisce libri e ricordi di settant’anni.

Da un mese me ne sono andata, in opposizione all’arbitrio degli arresti domiciliari “cautelari” che avrebbero voluto trasformare i luoghi e gli affetti

Io sto con chi resiste - Piana fiorentina.

Io sto con chi resiste – Piana fiorentina.

della mia vita in carcere e fare di me l’obbediente, collaborante carceriera di me stessa.
Me ne sono andata perché amo e difendo la quotidianità dell’esistere, lo sfaccendare sereno nelle mie stanze, le creature che mi sono dolci compagne, le conversazioni quiete con gli amici.

Ora vivo altrove, non mi nascondo, ho pronte le mie cose per ogni ulteriore

Io sto con chi resiste - Strasburgo.

Io sto con chi resiste – Strasburgo.

evenienza; le donne, gli uomini, i bambini del movimento sono con me ad allietare ed a proteggere le mie giornate.
E’ proprio questa socialità buona e fraterna a mettere in difficoltà un potere tanto arrogante quanto vile, il quale controlla quotidianamente la mia casa, si imbatte continuamente nei luoghi e nei momenti della mia evasione, ma non ha il coraggio di fermarmi, di affrontare la forza di un popolo che difende, con testarda mitezza e dissacrante ironia, il diritto ad un futuro più giusto e più vivibile per tutti.

Io sto con chi resiste -Pisa.

Io sto con chi resiste -Pisa.

Da oggi ho deciso di riconquistarmi la piena agibilità: anche se a casa non torno (lo farò quando quest’avventura sarà pienamente finita), riprendo in totale libertà la partecipazione ai viaggi per raccontare la lotta NO TAV ormai

trentennale ed approfondirne i legami; tante realtà ci attendono per conoscere, esprimere solidarietà, organizzare una resistenza che non può più attendere.

Io sto con chi resiste - Ravenna.

Io sto con chi resiste – Ravenna.

E voglio tornare in Clarea, percorrere il sentiero tra i boschi autunnali, respirare emozioni e ricordi, riprovare la indignazione dell’arrivo al cantiere, la rabbia lucidissima che si fa lotta, volontà di liberazione, progetto di un futuro in cui ogni essere vivente possa davvero dare secondo le proprie possibilità e ricevere secondo i propri bisogni.

Nicoletta

 

alexik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.