Oggi 12 dichiarazioni d’amore…

…ai libri: 9 – Carlo Levi
di Alexik (*)

«Dopo il brigantaggio queste terre hanno trovato una loro funebre pace; ma ogni tanto in qualche paese i contadini, che non possono trovare nessuna espressione nello Stato e nessuna difesa nelle leggi , si levano per la morte, bruciano il municipio o la caserma dei carabinieri, uccidono i signori, e poi partono rassegnati per le prigioni».
A 12 anni imparai da questo libro che c’era stato il fascismo. Per questo mi ricordavo che era un libro importante ma non che fosse così bello. Allora non potevo capirlo, non c’ero mai andata a sud.
Ho ritrovato in seguito le parole di Carlo Levi nelle rivolte contadine, quando crollò nell’86 il prezzo del tabacco, mandando in miseria centinaia di famiglie del leccese.
Le ho ritrovate nelle consuetudini che stentano a morire. «I contadini e le donne andavano attorno portando i regali alle case dei signori, qui è uso antico che i poveri rendano omaggio ai ricchi e rechino i doni, che vengono accolti come cosa dovuta, con sufficienza, e non ricambiati» e io l’ho visto fare in un Natale recente.
Le ho ritrovate a est, quando è stata una signora moldava a dirmi «tutti i giovani di qualche valore e quelli appena capaci di fare la propria strada lasciano il paese. In paese ci restano invece gli scarti, coloro che non sanno fare nulla, i difettosi nel corpo, gli inetti».
Devo dire che mi ha causato una strana, indefinibile emozione ritrovare frammenti della mia realtà descritti da un libro del ’43.
Carlo Levi, «Cristo si è fermato a Eboli» (edizione Mursia del 1968)

(*) La Giornata mondiale del libro è un evento nato spontaneamente in diversi luoghi (tradizionalmente in Catalogna) e dal 1996 patrocinato dall’Unesco: la data scelta è il 23 aprile ma in qualche caso con manifestazioni che durano per un mese, cioè fino al 23 maggio. Noi abbiamo deciso di ricordarlo in blog – con una pioggerellina di post, uno ogni due ore – proprio oggi per suggerire che un giorno va bene, un mese è meglio ma se «continua» tutto l’anno è “meglissimo”. Fra gli impegni credibili che ognuna/o potrebbe prendersi c’è l’organizzare ogni tanto presentazioni di libri e/o letture collettive oppure calendarizzare (una volta al mese?) di prestare o regalare un “vecchio” libro amato non a qualche persona che abitualmente legge ma a chi di solito non frequenta librerie e biblioteche. Se ci sono altre idee fatevi sentire. (db)

alexik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.