Un frettoloso ricordo di Udo Ulfkotte, il nostro errore e …

… una discussione ”aperta”

 

Sarebbe i-n-c-r-e-d-i-b-i-l-e se su 10.991 post apparsi in “bottega” (a oggi, 3 febbraio dell’anno che qui si conta 2017) non avessimo fatto errori. Ce ne sono stati alcuni stupidi e/o comici (magari una volta faremo un’antologia a partire dai TAG assurdi e non corretti) e altri gravi, come quello che riguarda codesto post. Potevamo cancellare il post oppure mostrare il nostro sbaglio e ragionarci intorno. Abbiamo scelto anche stavolta la seconda strada in “spregio” alla supposta perfezione, alla permanente unanimità dei bbbb (belli bravi buoni bottegardi) e alla nostra presunta infallibilità. Così abbiamo lasciato QUI SOTTO il post, com’era, e ovviamente i commenti che spiegano la “cronologia” di questa sciocchezza. Errare è umano e perseverare si sa che è “diabolico”, ma cancellare le tracce di un errore può essere molto… pericoloso. [db, d’intesa con la piccola redazione della “bottega”]

è stato un coraggioso giornalista disertore

… In un’intervista all’Oriental Review, Ulfklotte aveva anche spiegato come venissero elargiti favori e concessioni di vario genere a quei giornalisti fedeli alla linea indicata da Washington. Ulfkotte aveva iniziato a rivelare all’opinione pubblica tedesca la verità sui media occidentali nel suo libro Giornalisti comprati che gli è costato la carriera e la minaccia del suo ex giornale di pesanti azioni legali nei suoi confronti. In Germania era stato bandito da tutti ed era stato vittima di un altro grave episodio di censura, quando il suo profilo Facebook è stato bloccato dopo aver postato l’immagine del suo ultimo libro, Criminali senza limiti, nel quale si fa una dettagliata ricostruzione di tutti i reati commessi dai migranti in Germania e della censura dei media tedeschi su questi gravi episodi. Secondo Hadmuth Danisch, un informatico tedesco in contatto con lui, Ulfkotte negli ultimi tempi si stava dedicando alle irregolarità commesse dalla Cancelliera Angela Merkel per le sue violazioni della Costituzione tedesca in tema di accoglienza dei migranti, denunciate anche dal giurista tedesco Udo Di Fabio.

da qui

UN ERRORE in 4 commenti

IL PRIMO COMMENTO (di db)

Un errore? Ho ricevuto, da un amico che sa di cose tedesche, questo msg che riporto PER INTERO.

Daniele, non ti sembra id essere un po’ imprudente?Non basta denunciare i cattivi per essere buoni… Da circa 16 anni Ulfkotte era diventato un crociato contro l’immigrazione e aveva dichiarato guerra all’Islam i titoli dei suoi libri sono per esempio “Guerra nelle nostre città” (Der Krieg in unseren Städten, 2003) – sottinteso ci invadono – oppure “Guerra santa in Europa. Come l’Islam radicale minaccia la nostra società” (Heiliger Krieg in Europa. Wie die radikale Muslimbruderschaft unsere Gesellschaft bedroht, 2007). Se non leggi il tedesco ecco qui un suo testo in inglese
Ferreri, Enza (6 April 2013). “Journalist Dr Udo Ulfkotte: Expelling Muslims Will Help Europe Fight its Financial Crisis”http://enzaferreri.blogspot.it/2013/04/expelling-muslims-to-help-europe-crisis.htm. Dovresti ritrattare,
con amicizia Marco

GRAZIE intanto per le informazioni . Qui in redazione ci informeremo meglio ma intanto posso assicurare chi legge che tanto io quanto Francesco, l’autore materiale del post, non vogliamo nessuna guerra contro l’Islam (opporsi al fascismo dell’Arabia Saudita o a quello travestito da “Stato islamico” sì, ma evidentemente è un altro discorso) nè pensiamo che l’Occidente debba alzare muri contro l’immigrazione mentre impoverisce il resto del mondo. Probabilmente con questo post abbiamo commesso un errore o almeno io la vedo così. La discussione e ricognizione resta aperta, dentro e fuori la nostra piccola “redazione”, e ne daremo conto in “bottega”.

IL SECONDO COMMENTO di Francesco Masala

era uno contro l’immigrazione e l’Islam, leggo adesso, e come dice
qualcuno “non basta denunciare i cattivi per essere buoni”, e sono del tutto
d’accordo.
ma quella confessione e denuncia contro molti giornalisti non mi era
sembrata male.
è stato un giornalista comprato, poi disertore del giornalismo comprato, infine si è arruolato nell’esercito sbagliato.
sia l’esercito del giornalismo comprato che quelli anti-immigrazione e anti-Islam sono pessimi eserciti.

IL TERZO COMMENTO – DI PABUDA

io rimuoverei alla svelta il post per evitare di contribuire alla disinformazione dilagante, tramite l’elogio di una persona abietta.

IL QUARTO COMMENTO (di nuovo db)

Che si fa? Pabuda propone di cancellare il post, però così rendiamo invisibile il nostro errore. Io invece propongo di lasciare il nostro sbaglio e la discussione che ne è seguita, ri-titolando il post. Così il “ricordo di Udo Ulfkotte” diventerebbe “Un frettoloso ricordo di Udo Ulfkotte, il nostro errore, una discussione”. Che ne dite? Attendo un po’ di pareri e altre proposte; se arrivano solo silenzi-assensi, stasera…modifichiamo quel titolo.

COSI^ ABBIAMO FATTO

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

4 commenti

  • Daniele Barbieri

    Un errore? Ho ricevuto, da un amico che sa di cose tedesche, questo msg che riporto PER INTERO.

    Daniele, non ti sembra id essere un po’ imprudente?Non basta denunciare i cattivi per essere buoni… Da circa 16 anni Ulfkotte era diventato un crociato contro l’immigrazione e aveva dichiarato guerra all’Islam i titoli dei suoi libri sono per esempio “Guerra nelle nostre città” (Der Krieg in unseren Städten, 2003) – sottinteso ci invadono – oppure “Guerra santa in Europa. Come l’Islam radicale minaccia la nostra società” (Heiliger Krieg in Europa. Wie die radikale Muslimbruderschaft unsere Gesellschaft bedroht, 2007). Se non leggi il tedesco ecco qui un suo testo in inglese
    Ferreri, Enza (6 April 2013). “Journalist Dr Udo Ulfkotte: Expelling Muslims Will Help Europe Fight its Financial Crisis”http://enzaferreri.blogspot.it/2013/04/expelling-muslims-to-help-europe-crisis.htm. Dovresti ritrattare,
    con amicizia Marco

    GRAZIE intanto per le informazioni . Qui in redazione ci informeremo meglio ma intanto posso assicurare chi legge che tanto io quanto Francesco, l’autore materiale del post, non vogliamo nessuna guerra contro l’Islam (opporsi al fascismo dell’Arabia Saudita o a quello travestito da “Stato islamico” sì, ma evidentemente è un altro discorso) nè pensiamo che l’Occidente debba alzare muri contro l’immigrazione mentre impoverisce il resto del mondo. Probabilmente con questo post abbiamo commesso un errore o almeno io la vedo così. La discussione e ricognizione resta aperta, dentro e fuori la nostra piccola “redazione”, e ne daremo conto in “bottega”.

  • Francesco Masala

    era uno contro l’immigrazione e l’Islam, leggo adesso, e come dice
    qualcuno “non basta denunciare i cattivi per essere buoni”, e sono del tutto
    d’accordo.
    ma quella confessione e denuncia contro molti giornalisti non mi era
    sembrata male.
    è stato un giornalista comprato, poi disertore del giornalismo comprato, infine si è arruolato
    nell’esercito sbagliato.
    sia l’esercito del giornalismo comprato che quelli anti-immigrazione e anti-Islam sono pessimi eserciti.

  • io rimuoverei alla svelta il post per evitare di contribuire alla disinformazione dilagante, tramite l’elogio di una persona abietta.

  • Daniele Barbieri

    Che si fa? Pabuda propone di cancellare il post, però così rendiamo invisibile il nostro errore. Io invece propongo di lasciare il nostro sbaglio e la discussione che ne è seguita, ri-titolando il post. Così il “ricordo di Udo Ulfkotte” diventerebbe “Un frettoloso ricordo di Udo Ulfkotte, il nostro errore, una discussione”. Che ne dite? Attendo un po’ di pareri e altre proposte; se arrivano solo silenzi-assensi, stasera…modifichiamo quel titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.