Seminario antinucleare in Valle Susa

25 e 26 settembre a Villar Focchiardo

StéphaneHessel

       Per il diritto dell’umanità di vivere senza la minaccia della guerra nucleare: Radio Radicale, con la collaborazione del TG Valle Susa, seguirà il seminario di riflessione giuridico-politica.

Il diritto alla sopravvivenza per l’umanità esige il disarmo nucleare. Il 25 e 26 settembre (giornata Onu per il disarmo nucleare) a Villar Focchiardo un confronto tra esperti e attivisti italiani e francesi – impegnati a ottenere il bando delle armi nucleari – in Valle Susa, terra di confine, soggetta alla invasione di una Grande Opera distruttiva.

La registrazione degli interventi sarà reperibile sulla home page di Radio Radicale.

I promotori dell’appello “ESIGIAMO!” (OSM-obiettori di coscienza alle spese militari, WILPF Italia, Energia Felice, PeaceLink, Armes Nucléaires Stop) che recepisce il “testamento” di Stéphane Hessel e Albert Jacquard (pubblicato da Ediesse nel 2014) organizzano un seminario. In esso avrà centralità la problematica giuridica sul diritto al disarmo, mettendo a confronto esperti e attivisti italiani e francesi, impegnati a ottenere il bando delle armi nucleari.

www.petizioni24.com/dirittoaldisarmonucleare,

www.petizioni24.com/esigiamo

Temi affrontati nell’incontro:

1 – illegalità e illegittimità delle armi nucleari secondo possibili interpretazioni degli ordinamenti vigenti

2 – l’elaborazione dei concetti giuridici per “il diritto alla sopravvivenza della specie” ed eventualmente il “diritto al disarmo e alla pace”

3 – le strade per arrivare a un Trattato che proibisca le armi atomiche e che spiani la strada a una Convenzione analoga a quelle già stipulate per le armi chimiche e biologiche

4 – azioni giuridiche che possono essere intraprese per opporsi alle installazioni nucleari.

L’obiettivo è elaborare argomenti che possano suffragare e proposte che possano concretizzare i tre percorsi attualmente praticabili a livello istituzionale (con la necessaria pressione di base) per la proibizione del nucleare militare: 1) l’impegno umanitario con capofila l’Austria; 2) il coordinamento e l’estensione delle zone libere dalle armi nucleari; 3) il negoziato nel comitato disarmo dell’Onu con capofila Cuba.

Ha garantito la partecipazione Jean Marie Collin della Rete France Pnnd (Parlementaires pour la Non-prolifération Nucléaire et le Désarmement).

Tra gli esperti francesi sarà presente Luigi Mosca, di Armes Nucléaires Stop, fisico delle particelle sub nucleari, ex direttore del Laboratorio Sotterraneo di Modane.

Dall’Italia parteciperanno: Alfonso Navarra (“anti-giornalista”, obiettore alle spese militari e nucleari), Mario Agostinelli (fisico nucleare, Energia Felice), Fabio Strazzeri (avvocato Soccorso Verde), Daniela Bauduin (avvocato, ricorso contro i trasporti nucleari che attraversano Torino e la Valle di Susa), Claudio Giangiacomo (avvocato, IALANA Italia), Laura Tussi (pedagogista, PeaceLink), Piercarlo Racca (vicepresidente Movimento nonviolento).

L’inizio dei lavori è previsto per venerdì 25 settembre alle 9.30 nella sala consiliare del Palazzo Comunale di Villar Fochiardo, via del Carroccio 30. La conclusione è programmata per sabato 26 settembre.

Info: Alfonso Navarra – emaillocosm@tin.it, 340 0878893; Massimo Alovisi – alovisi.massimo@gmail.com

http://www.peacelink.it/pace/a/42056.html

http://www.peacelink.it/tools/author.php?u=437

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.