Bambini

Per esempio quelli uccisi dalle armi degli Usa e dei loro alleati di Alexik (*)     “Nessun bambino dovrebbe soffrire come hanno sofferto quelli siriani!”. Con queste parole Donald Trump ha esternato, il 5 aprile scorso, la sua incontenibile indignazione davanti alle immagini dei bambini di Idlib. Esternazione seguita dal rituale lancio di missili contro il mostruoso assassino, e dalla corale

Continua a leggere

Cronaca di una montatura

di Alexik 28 gennaio 2017. h. 10 È freddo davanti ai cancelli del carcere di Modena, quel freddo umido che ti entra nelle ossa. È la prima volta che ci vengo, ma non è stato difficile trovarlo, seguendo i gruppetti dei lavoratori che gli si avvicinano alla spicciolata. Dietro quelle sbarre e quei muri c’è Aldo Milani, coordinatore nazionale del

Continua a leggere

Le bufale cattive del popolino e quelle buone del potere

di Alessandro Robecchi (e con premessa di Alexik) [E’ la mattina del 31 dicembre. Non sono ancora uscita dal dormiveglia mentre preparo la napoletana da mettere sul fornello. Accendo la TV e continuo a sfaccendare mentre ascolto distrattamente le news. Dal racconto monocorde del cronista si distaccano gli accenti sulla nuova crociata contro le bufale via internet, che vede in

Continua a leggere

Dioxinity Day / 2

di Alexik [A questo link il capitolo precedente.] “Alcolisti ! Fumatori ! DROGATI !!! Abbandonate le vostre abitudini dissolute e conformatevi al volere divino del ‘crescete e moltiplicatevi’! La vostra perseveranza nell’adozione di stili di vita scorretti è un attentato contro la demografia. A nulla vale l’elargizione governativa di bonus bebè, se il vostro attaccamento al vizio continua a sprofondarvi

Continua a leggere

Delocalizzazioni all’italiana – 2

di Alexik (*) [A questo link il capitolo precedente.] Erano parecchio incazzati gli operai della Filanto in presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Casarano (LE). Da mesi stringevano la cinghia in cassa integrazione a zero ore, esasperati per i ritardi nell’erogazione della c.i.g., per i salari non corrisposti e per la mancanza di prospettive. Li avevano buttati via come scarpe vecchie,

Continua a leggere

Agnelli sacrificali

I nostri morti e i loro di Alexik  Gli attentati di Bruxelles hanno lasciato sul terreno i corpi di 31 persone inermi e più di 100 feriti negli ospedali. A reti unificate, in questi giorni, ne stiamo conoscendo i volti, le storie. Possiamo rimpiangerne i desideri spezzati, identificarci con loro. Altri morti di questa sporca storia non hanno avuto tanti

Continua a leggere
1 2 3 4 5 8