I morti di Modena. Non è successo niente

di Susanna Ronconi (*) Marco Boattini, Salvatore Cuono Piscitelli, Slim Agrebi, Artur Iuzu, Hafedh Chouchane, Lofti Ben Masmia, Ali Bakili, Erial Ahmadi, Ante Culic, Carlo Samir Perez Alvarez, Haitem Kedri, Ghazi Hadidi, Abdellah Ouarrad. Morti a seguito delle lotte dell’8 e 9 marzo 2020. Per otto di loro, questione archiviata. Così ha deciso il Giudice Andrea Salvatore Romito del Tribunale

Continua a leggere

Verità e giustizia per la strage di Sant’Anna

di Comitato Verità e Giustizia per la strage di Sant’Anna (*) [Pubblichiamo in anteprima l’Introduzione al dossier sulla strage dell’8 marzo 2020 nella Casa Circondariale di Modena inviataci dal Comitato Verità e Giustizia per la strage di Sant’Anna. Un contributo in termini di controinformazione e controinchiesta dal basso su uno degli eventi più drammatici e sanguinosi mai avvenuti nella storia

Continua a leggere

Errori umani ma forse no: orrori del sistema

La rubrica settimanale (con brevi testi e fotomontaggi) di Chief Joseph: 100esimo appuntamento L’8 gennaio 2020, un aereo ucraino, decollato da Teheran è stato abbattuto, provocando 176 morti fra passeggeri e membri dell’equipaggio. A distanza di sei mesi, la dittatura iraniana ha ammesso le proprie responsabilità, dichiarando un errore umano. Il 27 giugno 1980, un aereo italiano è stato abbattuto

Continua a leggere

«Polizia, oltre il penitenziario»

Quel video promozionale che desta perplessità, molto «fisico» nel quale non si vede mai il carcere né il lavoro negli istituti con le persone recluse. Il garante nazionale dei detenuti, Mauro Palma, ha chiesto al ministro spiegazioni sulle finalità e le modalità di preparazione del video. Stavolta a fare “controinformazione” è il Corriere della Sera. di Giovanni Bianconi (*)

Continua a leggere

Il taser può essere letale. E’ scritto nel manuale d’uso

Due articoli pubblicati da Osservatorio Repressione mettono in guardia sull’utilizzo del taser. L’azienda che lo produce: nello 0,25% dei casi c’è rischio di morte. E prevede ferree precauzioni dopo aver “sparato” la scarica elettrica: «controllare subito le conseguenze lesive». Ma il sottosegretario Morrone vuole darlo in dotazione anche alla Polizia penitenziaria

Continua a leggere
1 2