Trieste: la solidarietà ha un prezzo salato

con un testo di  Lorena Fornasir e gli interventi di Davide Bertok, Fabrizio Maffioletti, Forum Antirazzista Palermo e Gian Luigi Bettoli.

Il 6 marzo: “Un ponte di corpi” attraverserà l’Italia dal sud al nord, dall’est all’ovest… mentre una farfalla gialla volerà sopra i reticolati.

 

Lorena e Gian Andrea sotto accusa per reato di solidarietà

Questa mattina all’alba la polizia ha fatto irruzione nell’abitazione privata di Gian Andrea Franchi e Lorena Fornasir, nonché sede dell’associazione Linea d’Ombra ODV.

Sono stati sequestrati i telefoni personali, oltre ai libri contabili dell’associazione e diversi altri materiali, alla ricerca di prove per un’imputazione di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina che noi contestiamo, perché utilizzata in modo strumentale per colpire la solidarietà.

Siamo indignati e sconcertati nel constatare che la solidarietà sia vista come un reato dalle forze dell’ordine.

Oggi, in Italia, regalare scarpe, vestiti e cibo a chi ne ha bisogno per sopravvivere è un’azione perseguitata più che l’apologia al fascismo, come abbiamo potuto vedere il 24 ottobre scorso sempre in Piazza Libertà.

Condanniamo le azioni repressive nei confronti di chi è solidale, chiediamo giustizia e rispetto di quei valori di libertà, dignità ed uguaglianza, scritti nella Costituzione, che invece lo Stato tende a dimenticare.

Chiediamo la solidarietà di tutta la società civile per le persone attaccate perché solidali.

da qui

 

Nessuna legge ci convincerà mai che alcune donne e alcuni uomini rispetto ad altri sono illegali.

Nessuna legge ci convincerà mai che il diritto a spostarsi è solo di alcuni e non di altri.

Nessuna legge ci convincerà mai che le persone sono divise in due categorie: chi ha diritto a vivere e chi no.

Per questo, senza alcun dubbio, esprimiamo piena e totale solidarietà a Lorena Fornasir, Gian Andrea Franchi e a tutto il collettivo di Linea d’ombra.

Donne e uomini attivisti che da anni sostengono concretamente e quotidianamente le persone migranti attraverso la rotta balcanica e ammassate nei campi in Bosnia. Che cercano di denunciare e far luce su quanto avviene al di qua e al di là dei confini dell’Unione Europea.

Luoghi troppo spesso teatro di violenze, abusi e violazioni delle leggi e dei trattati internazionali.

Per questo oggi non abbiamo nessun dubbio: totale solidarietà a Lorena, Gian Andrea e Linea d’Ombra.

Saremo sempre con voi.

Forum Antirazzista Palermo

da qui

 

COMUNICATO STAMPA

Questa mattina forze di polizia hanno occupato la casa di Lorena Fornasir e Gian Andrea Franchi, attivisti dell’associazione di solidarietà triestina “Linea d’Ombra”, accusandoli paradossalmente di favorire l’immigrazione clandestina, sequestrando loro oggetti personali e di lavoro.

E’ sconcertante che, in questo Paese dove dilaga la delinquenza organizzata e gran parte delle risorse pubbliche sono rapinate sotto gli occhi di tutti dall’evasione fiscale, la magistratura e le forze dell’ordine siano impegnate a perseguitare chi è colpevole solo del “reato di solidarietà”, cercando di lenire con il proprio, gratuito, impegno personale alla gravissime condizioni di “vita” dei migranti. D’altronde, pochi anni fa abbiamo assistito ad un caso analogo, quello del sindaco di Riace Mimmo Lucano: delegittimato, cacciato dalla sua carica e costretto ad assistere allo smantellamento del suo imponente piano di accoglienza e rinascita civica … finché tutte le accuse si sono sgonfiate.

Evidentemente viviamo in un mondo che funziona alla rovescia.

Come associazione di cooperative sociali, che hanno come finalità la promozione del benessere pubblico, ed in particolarità delle categorie più deboli della società umana, protestiamo vivacemente ed esprimiamo la nostra solidarietà a Lorena, Gian Andrea ed alle altre ed altri volontari/e di “Linea d’Ombra”.

Il Presidente –  Gian Luigi Bettoli

 

 

Un ponte di corpi – Lorena Fornasir

C’è un carrettino verde che tutti i giorni si porta sulla piazza del mondo [1] per accogliere chi riesce a varcare il bordo mortifero del confine. Conserva storie di corpi e di dolore e, tra le sue bende e pomate, la memoria di una pratica della cura che le donne conoscono bene. La donna, con il suo corpo pensante, è l’anticonfine per eccellenza. Contiene in se stessa la negazione del confine poiché è un corpo naturalmente aperto alla generatività, alla creatività, al pensiero sorgivo, al perturbante che la abita come intima estraneità. Il carrettino della cura ha scritto un manifesto per convocare donne e uomini a chiedere l’apertura delle frontiere.

Le donne, soprattutto loro, ma non solo, sono chiamate ad assumere il mandato che altre donne, madri, sorelle amiche, compagne, hanno trasmesso in modo tacito alle donne di questo altro mondo che noi abitiamo. Si tratta di una eredità che scorre sul filo del legame che accomuna la nascita, la vita, la sopravvivenza, purtroppo anche la morte ma dove l’amore tiene assieme i legami spezzati da una parte all’altra del mondo. Chi è mandato in salvezza, il figlio o uomo di altre terre, bimbo o minore solo, può trovare altre mani che lo accolgono e lo accompagnano nel desiderio di una vita degna di essere vissuta.

Perché corpi di donne sui confini? Perché il corpo femminile è il corpo attraverso cui si ri-produce la vita e il confine è uno di principali dispositivi che la controlla e la violenta. Perché il confine è profondamente androcentrico, dato che l’antica inferiorizzazione della donna dipende dalla volontà di controllo del maschio che nasce dalla paura della vita e quindi dal bisogno di dominarla.

Il gesto del carrettino verde, in verità una carrettina dedita alla cura, è un gesto che rimanda alle radici arcaiche del dominio dell’uomo sulla donna, di cui il confine è oggi un dispositivo caratteristico in quanto impedisce il libero movimenti dei corpi che vengono da luoghi di morte, di cui l’Occidente porta la responsabilità.

Noi vogliamo portare un segno di vita sul confine e contemporaneamente in molti luoghi in cui donne e uomini si riconoscono nella pratica della cura. Dopo più di un anno passato a curare centinaia di corpi, di piedi di cammino, feriti dal cammino, dall’impedimento del cammino, dall’inseguimento di chi cammina proveniente da luoghi di morte per cercare di vivere una vita degna, il carrettino verde ha pensato di fare il gesto simbolico e concreto di invitare un gruppo di donne sul confine più violento, più mortifero, quello della Croazia che si erge ad antemurale dell’Europa contro l’estraneo, contro il migrante, il profugo, che viene spinto dal suo bisogno-desiderio di vita, a dirci, ben al di là della sua consapevolezza, che anche noi non viviamo se abbiamo paura di lui, che la nostra vita agiata è ben misera cosa se non sa aprirsi all’altro, se non è un tessuto di solidarietà.

Con il nostro corpo di donne su un confine di morte vogliamo dire che il migrante è portatore di vita, ciò che va ben oltre la ricerca di un luogo in cui poter lavorare e vivere tranquillamente e che l’accoglienza è un gesto di vita non solo verso i migranti ma verso di noi, verso tutti.

Noi siamo coloro che dicono no alla paura e all’odio per lo straniero, per il diverso, per l’altro, perché da sempre noi donne siamo state considerate inferiori all’uomo.

Noi siamo coloro che maledicono i confini perché quelle strisce di terra o di mare sono bagnate di sangue, selezionano chi può passare e chi no, chi può vivere e chi può morire, chi può essere torturato e chi può essere deportato.
Noi siamo coloro che vogliono gridare la voce della maternità, che è la voce della solidarietà, della vita che donne di altre terre hanno generato, consegnandola alle donne di questo mondo affinché la conservino e la promuovano

Il 6 marzo “Un ponte di corpi” attraverserà l’Italia dal sud al nord, dall’est all’ovest, dentro l’Europa, fra le frontiere, mentre una farfalla gialla volerà sopra i reticolati.

[1] Piazza Libertà di fronte alla stazione di Trieste è il luogo dove arrivano i migranti dalla rotta balcanica

Manifesto del carrettino verde     Download

da qui

Lorena Fornasir, la donna che cura i piedi dei migranti giunti a Trieste: denunciato il marito – Fabrizio Maffioletti

Lavare i piedi, lenire le ferite, qualcosa che è profondamente radicato nella nostra cultura: un simbolo di bontà

Ho avuto occasione di ascoltare Lorena Fornasir e Gian Andrea Franchi solo una volta, naturalmente mi era nota la loro attività a favore degli immigrati giunti a Trieste dalla rotta balcanica.

Gli articoli di Nello Sclavo di Avvenire hanno avuto il pregio di portare all’attenzione del grande pubblico ciò che in molti non sapevano: quella che è difficile non definire come crudeltà istituzionalizzata, ovvero il trattamento riservato ai migranti sulla rotta balcanica.

C’è una pena per coloro che dalla Libia “osano” sfidare i confini europei: la morte, la morte in un Mediterraneo nel quale nessuno ti salverà.

Ci sono altre pene per coloro che “osano” sfidare i confini europei via terra da est, la famosa rotta balcanica, sono i campi minati, la sottrazione di documenti, telefono, scarpe, e botte: pestaggi feroci.

Le istituzioni non si preoccupano di infliggere sofferenza, la discriminazione tra cittadini europei e extra-europei supera ogni possibile immaginazione.

Ora questa, che è dolorosamente difficile non chiamare violenza istituzionale, colpisce… cosa? L’empatia, la bontà, l’immedesimazione, o se preferiamo il senso di carità, di compassione delle persone, definendolo “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

Uno Stato che colpisce, anzi che criminalizza, la bontà dei propri cittadini.

Sbalordisce la debolezza di uno Stato che nell’incapacità di governare un fenomeno che non finirà, ma aumenterà, colpisce i propri cittadini con tutta la forza di cui dispone.

Preoccupa quella che pare una paralisi attonita delle Istituzioni che sembrano ripararsi dietro ai Corpi dello Stato scagliati contro cittadini letteralmente inermi.

Ci ricordiamo quando favorire qualcuno era reato? Ora quelle persone sono ricordate come eroi, vedremo cosa racconterà la storia tra 80/90 anni.

da qui

Lorena e Gian Andrea sotto accusa per reato di solidarietà – Davide Bertok

Questa mattina all’alba la polizia ha fatto irruzione nell’abitazione privata di Gian Andrea Franchi e Lorena Fornasir, nonché sede dell’associazione Linea d’Ombra ODV.

Sono stati sequestrati i telefoni personali, oltre ai libri contabili dell’associazione e diversi altri materiali, alla ricerca di prove per un’imputazione di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina che noi contestiamo, perché utilizzata in modo strumentale per colpire la solidarietà.

Siamo indignati e sconcertati nel constatare che la solidarietà sia vista come un reato dalle forze dell’ordine.

Oggi, in Italia, regalare scarpe, vestiti e cibo a chi ne ha bisogno per sopravvivere è un’azione perseguitata più che l’apologia al fascismo, come abbiamo potuto vedere il 24 ottobre scorso sempre in Piazza Libertà.

Condanniamo le azioni repressive nei confronti di chi è solidale, chiediamo giustizia e rispetto di quei valori di libertà, dignità ed uguaglianza, scritti nella Costituzione, che invece lo Stato tende a dimenticare.

Chiediamo la solidarietà di tutta la società civile, per tutte le persone attaccate perché solidali.

IMPORTANTE: Abbiamo creato una mailing list dove convogliare tutte le persone e realtà solidali a Linea d’Ombra, che oggi si sono sollevate in tutta la penisola e oltre. Si tratta di uno strumento per noi utile, perché ci permette di comunicare con tutte le reti e realtà con cui siamo in contatto. Sarà nostra premura comunicare informazioni più precise appena ne entreremo in possesso.
Ci si iscrive a questo link: https://groups.google.com/g/ldo-solidali

(Comunicato stampa dell’Associazione “Linea d’Ombra” – Trieste)

da qui

La Bottega del Barbieri

4 commenti

  • Da un intervista del quotidiano Il Piccolo di Trieste a Luigi Manconi: “C’è un aspetto formale e linguistico da precisare. Io penso che l’attività di Linea d’Ombra sia la piena e consapevole attuazione di principi riconosciuti dal diritto internazionale. Non siamo perciò in presenza di criminalizzazione della solidarietà, ma di criminalizzazione del diritto al soccorso. Non vorrei che si confondesse con l’indecente termine “buonismo” quello che in realtà è il rispetto della Costituzione italiana, delle convenzioni internazionali e dei valori ispiratori della UE”.
    Intanto Draghi mette Nicola Molteni (braccio destro di Salvini nell’elaborazione dei decreti sicurezza) come sottosegretario proprio agli interni…

  • Pablo Salazar del Risco

    Una donna un uomo una bambina che lascia uno spazio politico per entrare in un altro compie un atto politico. Il supporto il rifiuto l’indifferenza davanti a questo atto politico ha un chiaro significato politico. Gli stati alcune loro istituzioni e i partiti politici, strappando i dettati (principi, non valori) costituzionali e i principi del diritto internazionale, con la chiusura delle frontiere una legislazione ostile (persecutoria) e la semplice repressione, fomentano e corroborano, gli atti violenti fisici di parole di gesti delle frange di estrema o meno di destra. Sempre di più i silenzi e il rifiuto prendono forme violente e repressive. Siamo ai tempi di una sovranità da capopopolo. Le accuse mosse contro Franchi e le perquisizioni della sede di Linea d’ombra agiscono questa logica. Coloro che difendono i principi costituzionali e del diritto internazionale sono dei fuorilegge insieme ai loro fiancheggiati definitivamente criminalizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *