Xu Lizhi, operaio-poeta, ha vissuto solo 24 anni

1

a cura di Francesco Masala

Il 30 settembre 2014, a soli 24 anni, Xu Lizhi si è suicidato. Oltre a lavorare in fabbrica, Lizhi era un regolare collaboratore della rivista interna alla Foxconn di Shenzhen. Scriveva saggi, poesie e recensioni. I suoi versi, semplici e cupi, hanno trovato un pubblico più ampio solo dopo la sua morte. Sono stati i suoi colleghi a raccoglierli e a farli pubblicare sul quotidiano di Shenzhen, una metropoli della Cina meridionale da 15 milioni di abitanti. Le sue sono “parole che possono essere lette solo con il cuore dei lavoratori migranti”.

Shenzhen è la città simbolo del miracolo economico cinese. Trent’anni fa era solo un paese di pescatori di fronte alla colonia britannica di Hong Kong. Oggi è una delle città più ricche della Cina. Il pil procapite nel 2013 era di 12mila euro, con una crescita che si stima intorno al 13 per cento all’anno. L’età media non raggiunge i 29 anni e il 95 per cento della popolazione fa parte dell’esercito dei migranti che si trasferisce in città in cerca di un futuro migliore. Sono ambiziosi e non sopportano l’idea di tornare a casa a seguito di un fallimento. Ma, come ha scritto Xi Lizhi, “una volta che entri in fabbrica, l’unica scelta che ti rimane è la sottomissione”.

Lui lavorava, già da quattro anni. Sempre in Foxconn, rifornitore Apple taiwanese tristemente famoso dal 2010 quando una serie di suicidi la portò sulle cronache dei giornali di tutto il mondo. Come molti a vent’anni aveva lasciato il paese natale per andare a lavorare nella grande città. Lizhi lavorava e scriveva poesie. La sua è una storia finita male: l’alienazione del lavoro in fabbrica, problemi con la ragazza, un animo sensibile. Un’esponente della generazione anni ’90, i figli del miracolo economico, quelli nati dopo le manifestazioni di piazza Tiananmen.

Sono i figli del controllo sulle nascite. Migranti di famiglia contadina che non sanno cosa significhi coltivare un campo. I genitori gli hanno pagato la retta scolastica fino a quando non sono stati bocciati e il loro percorso di studi si è interrotto. Così si sono ritrovati nei padiglioni di una fabbrica di una città sconosciuta. Oggi sono la componente principale della forza lavoro cinese.

Usciti dal rigido controllo del sistema scolastico, pensavano che il lavoro li avrebbe resi liberi. Ma la realtà li ha subito riportati con i piedi per terra. “Uno spazio di una decina di metri quadrati, angusto e umido. La luce del sole non entra neanche un giorno all’anno. Qui mangio, dormo, cago e penso. Tossisco, ho mal di testa, invecchio. Mi ammalo, ma non muoio”. Il resto è catena di montaggio, anche 12 ore al giorno nei picchi di produzione.

Il tempo libero si riduce a birre, sigarette, messaggi, giochi online e internet. Sognano altro, magari di aprire un negozio, magari di fare affari online. Lizhi aveva provato a farsi assumere nella biblioteca della fabbrica. E poi in qualche libreria della città. Non c’era riuscito. Così un giorno ha deciso di farla finita.

(parte di un articolo del blog di Cecilia Attanasio Ghezzi, qui)

 

Conflitto

Dicono che sono un ragazzo di poche parole.
Non lo nego.
In verità
che io parli o meno,
con questa società
sono in conflitto.

(7 giugno 2013)

Traduzione di Fortuna Balzano

 

Mi assopisco così, in piedi

I fogli che mi stanno davanti leggermente ingialliscono
Con una penna vi incido neri ineguali.
Sono solo parole di lavoro
reparto, catena di montaggio, macchinario, tesserino, straordinario, stipendio….
Mi hanno addomesticato ben bene.
Non so urlare, non so ribellarmi,
Non so denunciare, non so biasimarmi,
Sopporto lo strenuo, in silenzio.
Quando è iniziata
bramavo solo quella grigia busta paga il 10 del mese
perché mi procurava una tarda consolazione.
Per questo ho dovuto levigarmi gli angoli, levigare le mie parole
rifiutare permessi, malattie, ferie
rifiutare ritardi, ritiri.
Me ne sto fisso alla catena di montaggio, come ferro, le mani come fossero ali
Quanti giorni, quante notti
mi assopisco così, in piedi.

(20 agosto 2011)

Traduzione di Giovanna Ricchezza

 

Una vite è caduta al suolo

Una vite è caduta al suolo
in questa notte di lavoro fuori orario
è precipitata in verticale, tintinnando leggermente.
Non attirerà l’attenzione di nessuno,
proprio come quando qui davanti
in una notte identica a questa
qualcuno cadde a suolo.

(9 gennaio 2014)

Traduzione di Antonio Covino

da qui

 

Ho ingoiato una luna fatta di ferro

Certi la chiamano chiodo

Ho ingoiato scarichi industriali,

certificati di disoccupazione

I giovani ingobbiti sui macchinari

muoiono prima del tempo

Ho ingoiato ritmi disumani

e destituzione

Ho ingoiato passaggi pedonali,

una vita ricoperta di ruggine

Non posso ingoiare più

Tutto quello che ho ingerito

mi spilla fuori dalla gola

E così srotolo la terra

dei miei antenati

In una poesia senza grazia.

Xu Lizhi , I Swallowed A Moon Made Of Iron (traduzione di Claudia Durastanti)

 

 

QUI le poesie di Xu Lizhi (1990-2014)

 

 

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

4 commenti

  • sardella sandro

    una tagliente liricità che stordisce .. mi sento “compagno” di questo poeta .. sento che la parola la scrittura esaltano .. incidono .. la nostra condizione .. e .. se penso alle trombette ed ai tromboni italici che quando sentono dire di “operai” storcono il naso .. beh .. auguro loro ed alla loro
    supponente saccenteria .. di fare l’operaio .. anche una sola settimana .. magari a salario sindacale …

    • Michele Perchiazzi

      Tanti secoli fa ho vissuto una vita da operaio, metalmeccanico.
      Sono stato fortunato, ero in Olivetti e nel reparto di attrezzato.
      Sento molto il mondo descritto perché, c’era chi, meno fortunato di me, viveva molte somiglianze a quelle di Xu.
      Altri poeti, come lui cantavano di quei mondi, altri poeti, come lui, con lieve tintinnio, cadevano a terra.

  • Pingback: Mangime per le macchine – Il verbo leggere

  • Le persone come Xu debbono vivere perché i loro insegnamenti migliorerebbero il genere umano.Non ci si può sottrarre impoverendo così la vita di noi tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *