Band Aid for Padova

di Rom Vunner

Scrivo da una città devastata dalla crisi: povertà e criminalità infestano le strade. L’ultimo grido di dolore lo ha lanciato il sindaco Massimo Bitonci:

band

basta, non solo non possiamo permetterci di ospitare i profughi ma anche i minori stranieri senza genitori ormai sono un peso insostenibile per questa città allo stremo piena di leghisti e razzisti che dicono di vivere in macchina o sotto i ponti senza poter contare sullo stesso aiuto che lo stato fornisce agli immigrati.

È un grido disperato quello che stiamo lanciando, un grido supportato anche dal riconfermato governator del Veneto Luca Zaia: basta, il Veneto intero è allo stremo e non può ospitare profughi, nemmeno se ci pagate, siamo alla canna del gas. Quella che fu una delle locomotive dell’Europa è ormai finita, senza speranza, una pianura di lacrime e povertà! Dopotutto sono più gli stranieri e i padovani che emigrano da Padova che non i profughi che vi arrivano. Chiaramente questo non preoccupa nessuno perché visto che siamo una città così allo stremo non resta altro che andarsene. Non restate sordi a questo grido disperato: raccogliete i fondi per pagare un biglietto di solo andata per tutti noi, così che possiamo cercare di affrancarci da questa estrema povertà che ha piegato una città come Padova.

Rom Vunner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.