Il Come Eravamo del Come Saremo – Astronavi 3

La Fantascienza come poesia per immagini (n. 19). Raccogliendo in un unico delta la tensione ideale verso i futuri possibili e impossiili, quelli soltanto ideali, nonché frazioni discrete di quelli che saranno; e il sogno, e la bellezza e la voglia di evadere dalla monotonia del quotidiano.

La sostanziale ingenuità della fantascienza può essere esplorata anche solo leggendo il numero 67 di Urania, quello dedicato al testo di Philip St. John: Razzi verso il nulla.

*

di Mauro Antonio Miglieruolo

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

Miglieruolo
Mauro Antonio Miglieruolo (o anche Migliaruolo), nato a Grotteria (Reggio Calabria) il 10 aprile 1942 (in verità il 6), in un paese morente del tutto simile a un reperto abitativo extraterrestre abbandonato dai suoi abitanti. Scrivo fantascienza anche per ritornarvi. Nostalgia di un mondo che non è più? Forse. Forse tutta la fantascienza nasce dalla sofferenza per tale nostalgia. A meno che non si tratti di timore. Timore di perdere aderenza con un mondo che sembra svanire e che a breve potrebbe non essere più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.