IL COMPLEANNO

(Roba del Pabuda…)

 

per il compleanno della mia bella

lei stessa ha organizzato

un festeggiamento

abbastanza strambo:

la casa, fin dalle prime ore

del mattino,

si trasforma in succursale

dell’associazione solidale:

in cucina, in corridoio

e giù in cortile

si preparano i pacchi

di spesa emergenziale

per gli studenti d’italiano –

ragazzi e ragazze, signori e signore

rimasti senza lavoro

e al verde

per il guaio del contagio generale –

c’è:

riso, olio, farina, ceci, fagioli, pasta,

verdura e frutta fresca, dolci,

pommarola,

prodotti

per l’igiene personale,

dentifrici, confezioni d’assorbenti

e un centinaio d’uova

da impacchettare con cura

perché non vada tutto alla malora.

c’è un via vai di borse, sporte,

carrelli, cassette, sacchetti,

buste e pacchetti.

messaggi vanno e vengono,

volontari e volontarie

in cortile

e su per le scale

fanno avanti e indietro:

a smistare tutto quanto

e preparare le consegne.

io sono un po’ frastornato

come per ubriachezza

ma è quella la bella confusione

che ti mette addosso la bellezza.

poi, per cena e per tirare il fiato,

imbastiremo in casa, da dilettanti,

la buona pizza.

..

(Anche l’immagine di corredo è artigianale e casalinga. Ma non necessita di ulteriori spiegazioni)

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *