L’uomo che annullava il tempo

Gianluca Ricciato ricorda Elvio Fachinelli

 

“Ecco cosa succede, in un giorno d’inverno del 1977, in una grande città italiana, a un piccolo industriale di quarantacinque anni:

L’APPUNTAMENTO DIFFICILE

Deve incontrare un avvocato per fargli vedere dei documenti che si riferiscono alla sua dichiarazione fiscale. L’appuntamento gli viene fissato alle 18.30; chiede di spostarlo di un’ora, perché prima deve andare dallo psicanalista. L’appuntamento gli viene spostato dunque alle 19.30 circa. Dopo di che, comincia a essere colto da un’incertezza: a quell’ora, sua moglie non è ancora tornata a casa dall’ufficio e allora, come fa ad andare dall’avvocato?

 La moglie lo deve dunque accompagnare? Non è così. I documenti che vuol far vedere all’avvocato sono collocati, a casa sua, su uno scaffale e l’altro giorno sua moglie ci ha messo un settimanale, ‘Il Mondo’. Ora, guardando di sbieco la copertina del settimanale, gli è parso di veder scritto: ‘Supplemento del Corriere della Sera’, o qualcosa di simile. Cioè, supplemento di un quotidiano, vale a dire di qualcosa che egli non può leggere, perché i quotidiani escono anche la domenica, e lavorare la domenica è peccato mortale. Toccare il settimanale per tirar fuori i documenti sarebbe ugualmente peccato mortale, per lui, e perciò, se la moglie fosse a casa, chiederebbe a lei di fare l’azione proibita. Ma la moglie, per le 19-19.30 non sarà ancora a casa.

Pensa di telefonare all’avvocato per rimandare l’appuntamento. Ma non è possibile: ha accettato lui stesso l’appuntamento, poco prima, quello lo prenderebbe per matto. Bisogna dunque che si decida a estrarre da solo i documenti e ad andare dall’avvocato. Dopo, farà l’‘annullamento’.

L’‘annullamento’ consiste in questo: rifarà in senso inverso tutte le azioni che ha compiuto dal momento in cui ha estratto i documenti da sotto il settimanale. Uscito dallo studio dell’avvocato, scenderà le scale voltato all’insù, farà retromarcia con la macchina, fino a casa sua, salirà le scale di casa sua guardando all’ingiù. Finalmente arriverà allo scaffale da dove ha preso i documenti e ve li riporrà, esattamente nella posizione in cui si trovavano prima e con un gesto inverso a quello con cui li ha presi. A quel punto l’azione peccaminosa sarà annullata.” (*)

Tecnocrazia

Chissà cosa avrebbe pensato oggi lo scrittore e psicanalista Elvio Fachinelli (nato a Luserna il 29 dicembre 1928 e morto a Milano il 21 dicembre 1989) che ha redatto questa descrizione dettagliata di un’ossessione che credo quasi ognuno e ognuna di noi, oggi, può riconoscere in tante piccole azioni della nostra vita quotidiana, nell’epoca della rarefazione tecnologica.

Questa descrizione cioè, raccolta durante il lavoro su un paziente nel 1977, ci dovrebbe rimandare in modo evidente al fatto che l’astrazione del reale che in tanti/e stiamo tentando di descrivere da anni, non è una questione che riguarda solo i meccanismi del potere nell’epoca globale, ma ha radici ben più profonde, laddove ossessione, paura del tempo e creazione di psicosi sono da secoli i principali strumenti di controllo e i principali nemici della libertà e dell’autodeterminazione. Il controllo anche su come passare il tempo durante la giornata.

Nota

(*) Elvio Fachinelli, La freccia ferma. Tre tentativi di annullare il tempo, Adelphi Edizioni, Mi 1992 (1977), pp. 19-20

MA COSA SONO LE «SCOR-DATE»? NOTA PER CHI CAPITASSE QUI SOLTANTO ADESSO.

Per «scor-data» qui in “bottega” si intende il rimando a una persona o a un evento che il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna deformano, rammentano “a rovescio” o cancellano; a volte i temi possono essere più leggeri ché ogni tanto sorridere non fa male, anzi. Ovviamente assai diversi gli stili e le scelte per raccontare; a volte post brevi e magari solo un titolo, una citazione, una foto, un disegno. Comunque un gran lavoro. E si può fare meglio, specie se il nostro “collettivo di lavoro” si allargherà. Vi sentite chiamate/i “in causa”? Proprio così, questo è un bando di arruolamento nel nostro disarmato esercituccio. Grazie in anticipo a chi collaborerà, commenterà, linkerà, correggerà i nostri errori sempre possibili, segnalerà qualcun/qualcosa … o anche solo ci leggerà.

La redazione – abbastanza ballerina – della bottega

Gianluca Ricciato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.