Nuovo delitto di Stato in territorio Mapuche

Comunicato stampa del Coordinamento Il Cerchio

Nel pomeriggio del 14 novembre 2018 è stato ucciso, per mano del Comando Jungla dei carabinieri cileni, il giovane Camilo Catrillanca, nipote del lonko (capo politico e spirituale) Juan Segundo Catrillanca della comunità tradizionale di Temucuicui e figlio di Marcelo Catrillanca, storico attivista del popolo Mapuche. 

Denunciando il tragico risultato dell’azione sconsiderata del Comando Jungla dentro il territorio della comunità, ricordiamo che questo reparto antiterrorismo dei carabinieri è stato creato dallo Stato cileno e formato in Colombia con il fine di reprimere le comunità Mapuche in lotta per i propri diritti di terra e autonomia.

Come associazione di osservatori umanitari, con quasi 10 anni di permamenza nelle comunità mapuche oggetto di questa repressione, siamo partecipi dello sdegno, della rabbia e della frustrazione che provano la famiglia, le comunità mapuche e le organizzazioni umanitarie locali. Denunciamo che si è trattato di un omicidio a sangue freddo per le modalità con cui è avvenuto il fatto e che stanno emergendo già a poche ore di distanza. 

Il giovane mapuche è morto per le conseguenze di un proiettile entrato nella testa dalle spalle. La balistica smonta così immediatamente il racconto dei carabinieri che – cosa stranamente abituale – giustificano l’operazione come conseguenza di un furto d’auto. Fatto di per sé già abbastanza assurdo se si pensa che un delitto comune avrebbe visto il dispiego di mezzi corazzati militari, elicotteri e forze speciali con armi da guerra. 

La realtà propende per essere questa l’ennesima azione deliberata contro una delle comunità mapuche più attive nel reclamare i propri diritti e sorgono dubbi che si tratti di omicidio mirato a colpire la famiglia di un leader storico come Catrillanca.

Camilo si trovava sul suo trattore, rientrando a casa da lavori nel territorio della comunità quando si è incrociato con il Comando Jungla risultando ucciso a sangue freddo. Esigiamo giustizia per questo omicidio, il cui sangue macchia direttamente le istituzioni e il governo cileno che finanziano e sostengono le azioni del Comando Jungla. 

Camillo lascia la figlia di sei anni e la moglie in stato di gravidanza.

Questa morte si somma alle già troppe morti di comuneros mapuche per mano dello Stato cileno, come quelle di Alex Lemun, Matias Catrileo, Mendoza Collio per citarne alcune. E’ il risultato della chiusura dello Stato cileno al dialogo e al riconoscimento dei diritti del popolo mapuche ed è analogo a ciò che accade in luoghi del mondo come la Palestina.

Ci associamo al Centro de Investigación y Defensa Sur (CID Sur) nel chiedere immediatamente una indagine imparziale e che i responsabili siano tratti davanti alla giustizia a rispondere di questo omicidio.

QUI (in spagnolo) la notizia https://www.pressenza.com/es/2018/11/camilo-catrillanca-comunero-mapuche-24-anos-muere-por-disparo-de-carabineros/ ; dall’articolo di Pressenza abbiamo ripreso anche la foto.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • Messidoro Maria Teresa

    L’associazione Lisangà esprime la propria solidarieta al popolo Mapuche. La repressione aumenta ogni giorno di più ma come diciamo in valle di susa la lotta non si arresta.

  • In queste ore in molti stanno chiedendo lo scioglimento del cosiddetto Comando Jungla, responsabile della morte del giovane e al soldo del grande latifondo, per il quale spesso ha fatto il lavoro sporco.
    Alex Lemún Saavedra (2002), Jaime Mendoza Collío (2009) y Matías Catrileo Quezada (2008) sono i nomi altri tre giovani mapuche uccisi dai carabineros.
    Poco è cambiato negli ultimi anni in territorio mapuche e la Ley Antiterrorista ha continuato ad essere applicata dai governi di ogni colore.
    L’imbarazzo del presidente Pinera è palpabile. Da un lato giura che sarà aperta una vera e propria indagine sul caso, ma dall’altro è evidente che si tratta di un nuovo omicidio di Stato.
    Nei prossimi giorni, in Bottega, torneremo sull’argomento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.