Qatar 2022: aggiornamenti / 11

Un articolo di «Abiti puliti», l’appuntamento con Valori.t e altri link: la “bottega” continua a denunciare i mondiali della vergogna con 64 partite e 6500 morti.

Adidas, cosa pensa del Mondiale?

di Abiti Puliti

I mondiali @fifaworldcup sono costruiti sullo sfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici. Gli stadi, i palloni, le scarpe e le maglie sono stati realizzati con un lavoro massacrante e sottopagato. I lavoratori, provenienti soprattutto dal Sud e dal Sud-Est asiatico, sono stati derubati dei loro salari e del loro diritto di organizzazione. Hanno patito la fame, rischiato la salute e migliaia sono morti per costruire le infrastrutture in Qatar. Hanno dovuto affrontare mesi di salari non pagati, licenziamenti di massa e lo smantellamento dei sindacati.

Sosteniamo l’appello dei sindacati e delle organizzazioni per i diritti dei lavoratori di tutto il mondo affinché la FIFA avvii un fondo di compensazione per i lavoratori migranti in Qatar. Ma non basta!

Anche i marchi come @adidas devono contribuire a un fondo che garantisca ai lavoratori e alle lavoratrici che hanno cucito le loro maglie da calcio di recuperare i salari trattenuti e la liquidazione.

Un torneo che avrebbe dovuto essere giocato sul campo, si è trasformato in una gara a chi spreme di più i propri lavoratori. Ora tocca ad #Adidas, alla #FIFA e ad altri pagare il prezzo del loro sfruttamento: risarcite subito i vostri lavoratori.

Durante questi Mondiali di sfruttamento, facciamo sentire la nostra voce e diciamo ad adidas: #PayYourWorkers#RespectLabourRights#PayupFIFA? Invia anche tu un’email ad Adidas chiedendo giustizia, basta andare su: www.abitipuliti.org/payyourworkers/


LEGGI ANCHE QUESTO STRAORDINARIO REPORTAGE:

Il mondiale più sporco e sanguinoso della storia

https://comune-info.net/wp-content/uploads/2022/09/josue-isai-ramos-figueroa-qvBYnMuNJ9A-unsplash-1-350×100.jpg

Cinque cose che forse non sapevi su Portogallo-Uruguay

di Luca Pisapia (da valori.it)

ALTRI LINK

https://ilmanifesto.it/il-qatar-il-mondiale-e-il-colosseo (di Sarantis Thanopulos)

https://ilmanifesto.it/anche-gli-inglesi-mollano-infantino-ci-ha-minacciato (di Nicola Sellitti)

sul questo bel sito – Riflessioni e commenti di don Franco Barbero – è stata segnalata la nostra campagna quotdiana: evviva.

NOTA DELLA “BOTTEGA”

Da quando la FIFA ha assegnato al Qatar i mondiali almeno 6500 lavoratori sono morti mentre costruivano le infrastrutture per le gare.

In Qatar i diritti umani sono quotidianamente calpestati. Ma il Qatar è così schifosamente ricco che i grandi media italiani (schifosamente servi) vedono solo tiri, parate, gol. Problemi? Sangue? Giustizia? Dignità umana?

Lo spettacolo a ogni costo.

Questo piccolo blog ha scelto di stare contro ogni fascismo e questi Mondiali ne sono parte. Abbiamo scritto Boicottare (ogni giorno) i mondiali di calcio in Qatar e così faremo fino al 18 dicembre. Grazie a chi ci segnalerà riflessioni, notizie e iniziative ma anche le punte massime dello “schifezzario” che passa per giornalismo.

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.