Rigaglie: se Lenin avesse letto Rimbaud

di Andrea Appetito (*)

«La nostra rigenerazione – sostiene Leopardi – dipenderà da un’ultrafilosofia che conoscendo l’intero e l’intimo delle cose ci ravvicini alla natura». Quando filosofia e poesia non erano ancora separate, Empedocle contemplava il maelström di lava dall’orlo del cratere e l’incanto dei suoi occhi specchiava la potenza della terra. La prossimità alla natura colmava di immagini, rendeva forti e audaci. Cosa è successo dopo? Perché ci siamo smarriti? «Spesso mi chiedo – ha scritto Hölderlin – se non è meglio dormire che stare così senza compagni a languire in attesa: e che fare intanto che dire non so: per quale ragione poeti nei tempi di privazione? Ma tu dici che sono come i preti sacri di Dioniso che di paese in paese andavano nella sacra notte». Il nostro tempo adesso è una tavola di chiodi su cui stride l’ottimismo dei mercati. La ruggine del Capitale ha divorato tutto ma non il fuoco. Chi porta il fuoco si aggira di notte, corre sui crinali delle montagne, danza sulle nevi del Citerone e abbraccia l’alba.  «J’ai embrassé l’aube d’été» aveva scritto Rimbaud. Se Lenin avesse letto Rimbaud le cose forse sarebbero andate diversamente.  

L’immagine è ripresa da Blue, l’ultimo film di Derek Jarman.

(*) Dal 9 gennaio ogni domenica – alle 14 – in “bottega” trovate «Rigaglie» ovvero le ispirazioni e riflessioni di Andrea Appetito. Qui le ultime quattro: Rigaglie: è durata appena un’estate, Rigaglie: la vita degli insetti, Rigaglie: librarsi e scendere in picchiata e Rigaglie: ai figli della notte.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.