San Vito Chietino: ambiente bene comune TerrAmare

Il 6 e 7 agosto due giorni di approfondimento sui temi da sempre cari al CDCA Abruzzo.

di Ecomapuche

 

Anche quest’anno all’interno della cornice di TerrAmare, vi invitiamo a partecipare ad Ambiente Bene Comune: una due giorni di approfondimento sui temi da sempre cari al CDCA Abruzzo.

L’ambiente è la nostra casa comune. Esistono storie vicine e lontane che ci ricordano quanto sia indispensabile praticare esperienze di cura del territorio e di comunità. Il 6 e il 7 agosto, presso ilTeatro Due Pini a San Vito Chietino, realizzeremo un viaggio alla scoperta di pratiche di difesa della natura e del territorio: dalle esperienze dal bacino del Feltrino fino alle esperienze del popolo Mapuche cercheremo di tracciare connessioni e tessere reti tra esperienze di cura della terra.

Programma dei due giorni:

6 agostoStrategie e azioni per affrontare i cambiamenti climatici sul nostro territorio. Dalla percezione del rischio climatico a pratiche virtuose di adattamento

Sono giorni di grande caldo, in cui la siccità e la carenza d’acqua stanno diventando non soltanto un problema riscontrabile a livello planetario ma anche a livello nazionale e locale. Non a caso il 2022 è stato l’anno con meno pioggia e con le temperature più alte dal 1950. Ma in che maniera i nostri concittadini percepiscono i cambiamenti del clima sul loro territorio? Ne hanno paura? Ne hanno percezione? Sono queste le domande di partenza che ci siamo posti con l’università d’Annunzio CH-PE e gli altri partner (tra cui i vostri Comuni) per la realizzazione del progetto “Change Divers”: un lavoro di analisi della percezione del rischio climatico dei cittadini di Ortona, San Vito Chietino, Frisa, Castel Frentano e Lanciano. Lo studio di ricerca ha permesso di intervistare cittadini di varie fasce d’età delle diverse cittadine.

Quanto ne è emerso è un quadro di partenza fondamentale sia sulle percezioni dei rischi climatici, sia sui pericoli più frequenti che ci sono sui vari territori. Risultati che pongono diversi spunti di ragionamento per individuare primi indirizzi di azioni di adattamento da poter attuare nel bacino del Feltrino. Si tratta di un lavoro importante, unico nel suo genere, che verrà presentato nell’ambito del festival TerrAmare a San Vito Chietino il giorno 6 agosto alle ore 21.

All’interno dell’incontro verrà presentato anche il lavoro svolto con il progetto “Non incolto ..ma bosco”, che ha portato ad una bozza di regolamento di gestione delle fasce ripariali del torrente Feltrino, oltre che ad azioni di ripiantumazione di nuove piante generate da semi e talee in loco, al fine di rigenerazione della fascia riparia, ripristino delle funzioni ecosistemiche e adattamento ai cambiamenti climatici.

Interverranno: Edilio Valentini, Dario Sciulli dell’università D’Annunzio di Chieti-Pescara.

 

 

7 agosto rEsistenza MAPUCHE

Nelle estreme propaggini del continente sudamericano, in pieno emisfero australe, è posizionato il territorio originario di un antico popolo, i Mapuche.

Il nome significa “popolo della terra” nella loro lingua madre, il mapudungun. Non fu l’arrivo degli spagnoli ma l’indipendenza del Cile a segnare l’inizio del genocidio e la perdita delle loro terre ancestrali e Sacre. Furti territoriali che ancora oggi avvengono per mano di governi corrotti e repressivi, finanziati da multinazionali senza scrupoli…come le italiane Enel e Benetton.

Ecomapuche ci parlerà di questo popolo “indomito” che rEsiste al consumismo e al “progresso” di interessi economici nazionali e internazionali, che spesso si dipingono di “verde” (greenwashing).

La degna lotta di rEsistenza lunga oltre 500 anni, la loro cultura, la loro cosmovisione (e il particolare attivismo spirituale ambientalista tipico dei popoli indigeni). Parleremo di storia e attualità: vecchie e nuove modalità di lotta e rEsistenza, dal recupero territoriale agli scioperi della fame dei prigionieri politici Mapuche, dai diritti della Madre Terra alla difesa dei luoghi sacri naturali.

Interverranno Valentina Fabbri Valenzuela e Violeta Valenzuela dell’associazione italo- cilena Ecomapuche

OLTRE AGLI INCONTRI durante la due giorni di Terramare sarà possibile:

– visitare la mostra fotografica realizzata da Ecomapuche “MAPUCHE. VIAGGIO TRA IL POPOLO DELLA TERRA“,immagini di una storia plurisecolare di richieste di riconoscimento e di lotte control’eccessivo sfruttamento delle risorse nel territorio mapuche e la perdita di terra. Amore e rispetto per Madre Terra, un sacro legame ancestrale che si rispecchia nella tutela dei luoghi sacri naturali mapuche, a cura delle associazioni “Mercato scoperto”, “La locomotiva” e “LaPAZ centro Italia”

– partecipare ai laboratori di educazione ambientale dell’Associazione “CDCA Abruzzo” sulle tematiche della sostenibilità ambientale, cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile e conflitti ambientali. In particolare quest’anno ci sarà un Menù per nutrire la mente!

– approfittare di stand enogastronomici a cura delle associazioni Sanvitesi

NON MANCATE!

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.