Scoppiato

Edizione straordinaria delle «Neuropoesie World»; dal nostro inviato speciale in Vaticano, Pabuda.  

 

pochi secondi fa

(come, esattamente, dio solo lo sa)

il papa

(quello senz’accento sulla seconda a)

semplicemente…

è scoppiato.

con insospettabile

acume mediatico

già da un pezzo l’aveva annunciato,

tramite un apparentemente oscuro

messaggio cifrato

in romanissima lingua morta.

nel frattempo

e in mille fantasiose maniere

quell’annuncio papale

è stato tradotto e interpretato.

io, che un poco di latino lo mastico

e che – mi crediate o meno

dispongo di certi telepatici contatti

con della gente in Vaticano –

posso, adesso

rivelare il reale contenuto

di quel prolisso sms ecclesiastico.

parola più parola meno diceva:

io, Noi… cioè… il Capo

ho deciso

che alle venti del ventotto

farò un gran botto:

mi sono autoinnescato

un congegno esplosivo

che a quell’ora di quel giorno,

non più presto e non più tardi,

come un’enorme scatola di petardi

esploderà

sotto le mie infallibili e candide chiappe.

altro che congedo, altro che pensione!

in tal modo casereccio

conto d’assicurarmi… in Cielo l’Assunzione.

lo so, è un trucchetto vecchio come il cucco,

ma son mica Nembo Kid (cazzarola!)

e poi chi l’ha mai visto un papa che vola?

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.