Su «Carte ciclostinate» di Sandro Sardella

di Gian Marco Martignoni

Alla metà degli anni ’70 Sandro Sardella inizia a lavorare come operaio di 3° livelllo metalmeccanico alla Gilera-Piaggio di Arcore, incontra la deflagrazione generata dal movimento del ’77 e, vigendo il principio della non delega, comincia a diffondere volantini in proprio firmati Sandrino Operaio Stupidino che, con stile dissacrante, sono contraddistinti da un linguaggio che va «oltre il politichese e il sindacalese».

In quel contesto, a fronte di una mutazione della composizione di classe e di ben altri rapporti di forza, anche i vertici sindacali vengono sottoposti a critiche corrosive e trancianti, cosicché in «Di/Pintura Operaia» il distico di chiusura della poesia è eloquente: «preferisci fottere

o preferisci essere fottuto?».

Poi, dopo la creativa esperienza della rivista di scrittura operaia «Abiti-Lavoro» (con Brugnaro, Di Ciaula, Garancini, Guerrazzi, Di Ruscio, Cardinale, Voller e altri) Sardella, diventato nel frattempo operaio postale, riprende a scrivere e a dipingere in proprio agli inizi degli anni 2000, quando – con l’aziendalizzazione delle poste – rivede la produttività, gli obiettivi di produzione e il proliferare di un potere magmatico, composto da nuovi capi e dirigenti che si rivalgono scioccamente sui subalterni, contro cui scaglia molte delle sue provocatorie invettive.

Se alla Gilera-Piaggio Sardella era un antagonista battitore libero, il mutare dei rapporti di forza e la chiusura dei centri di smistamento provinciali (CPO), che vengono concentrati in Lombardia a Brescia e a Roserio in provincia di Milano, lo inducono alla scelta di candidarsi per la Rsu nelle liste della Slc-Cgil, perché «c’è un sindacato che tenta di elevare le condizioni materiali e spirituali dei lavoratori e delle lavoratrici».

Il volantino con cui motiva la sua decisione è strepitoso, per cui vale la pena di estrapolarne la parte centrale:

«non credere ai venditori di fumo e arraffatori di tessere

non credere che un semplice voto possa cambiare il “lavoro”

non credere che votando “ così ci pensano loro”….

non sono un politico

non sono un medico

non sono un economista

sono solo anche un operaio postale

un poco contro l’arroganza dei potenti grandi e piccini

un poco poeta

un poco artista

un poco critico randagio

un poco

un».

Ora Sandro Sardella, uno delle migliaia di esodati dalle poste in attesa della pensione, ha assemblato i suoi volantini metalmeccanici & postali, ciclostilati e fotocopiati in proprio fra il 1978 e il 2011, con un libro «Carte ciclostinate» (€ 7,00) che per merito della casa editrice ABRIGLIASCIOLTA è un vero inno al valore d’uso di marxiana memoria.

La dizione “ostinate” è il timbro che anima l’opera complessiva dell’artista Sardella: nonostante l’omologazione capitalistica, guai – come ci ha insegnato il maestro Franco Fortini – ad arrendersi: «La poesia non muta nulla. Nulla è sicuro, ma scrivi»; in una direzione decisamente contraria e antagonista, con la finalità di lottare per la costruzione di un’altra umanità.

Vincenzo Cesareo, docente di sociologia della comunicazione all’università di Milano, nei corsi per delegati della Fiom agli inizi degli anni ’80 premeva per un fondamentale salto di qualità: passare da consumatori passivi d’informazione a soggetti attivi che producono informazione o, meglio, controinformazione.

Sandro Sardella non ha probabilmente seguito questi corsi ma la sua tambureggiante controinformazione è la tangibile testimonianza non solo di una storia significativa di vera letteratura operaia, ma soprattutto dell’eccedenza di senso di un mondo del lavoro che non si esaurisce nei tempi alienanti del lavoro.

Il libro è anche arricchito dai contributi critici della cerchia dei compagni e delle compagne che hanno seguito passo dopo passo l’evoluzione del suo discorso urticante, con un encomio particolare da parte del noto poeta americano Jack Hirschman, che ha definito la sua esperienza artistica «una avventura di libertà».

UNA BREVE NOTA

Sabato mattina Sandro Sardella esordirà su codesto blog con «Devastation blues», una poesia-volantino che ha letto e distribuito ai comizi del 12 dicembre 2011. Lo ringrazio e mi auguro che sia solo l’inizio. (db)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.