Il cosiddetto “Treno Maya”: minaccia per i popoli del Messico

del Grupo de Análisis Ambiental Così come la nostra vita è andata avanti ed è cresciuta così è cresciuta anche la forza della bestia che tutto vuole mangiare e distruggere. E’ cresciuta anche quella macchina di morte e distruzione chiamata sistema capitalista. E la fame della bestia è insaziabile. E’ disposta a tutto per i suoi interessi. Non le importa

Continua a leggere

Messico: scuole rurali sotto attacco

Il 18 maggio scorso la polizia ha represso con violenza una manifestazione degli studenti della Escuela Normal Rural de Mactumactzá che protestavano contro il taglio dei fondi all’istruzione pubblica. Sono stati arrestati 95 giovani e le ragazze arrestate sono state abusate. L’operazione della polizia è stata ordinata dal governatore del Chiapas Rutilio Escandón Cadenas (Morena – Movimiento Regeneración Nacional) a

Continua a leggere

Messico: il Tren Maya della discordia

Il presidente Andrés Manuel López Obrador ricatta le comunità indigene: miglioramento delle condizioni di vita in cambio dell’approvazione incondizionata di un progetto devastante per l’ambiente e per le popolazioni maya. A beneficiarne, come sempre, saranno le grandi imprese e gli uomini più ricchi del paese. C’è da chiedersi se è questa la “quarta trasformazione” sbandierata da Amlo in campagna elettorale.

Continua a leggere

Se s’incendia il Chiapas

Già all’inizio dello scorso anno il sottosegretario con la delega per i diritti umani del governo progressista messicano di López Obrador aveva riconosciuto la presenza dei gruppi paramilitari, a differenza delle autorità politiche dello Stato del Chiapas che si ostinano spudoratamente a negarla. Quel che il governo centrale federale non ha alcuna intenzione di discutere apertamente sono le ragioni e

Continua a leggere

Estrattivismo pandemico/2

di Alexik (*) [A questo link il capitolo precedente] “Il massacro al villaggio ikoots di San Mateo del Mar non è il risultato di un conflitto interno o post elettorale, così come lo considera il presidente Andrés Manuel López Obrador, ma ha alla sua origine il rifiuto da parte delle assemblee comunitarie dei megaprogetti connessi al canale interoceanico, e mette

Continua a leggere
1 2 3 4