Monsanto ha speso milioni di $ per influenzare stampa e scienza

di Lorenzo Misuraca (*) Cade un guaio dopo l’altro sulla testa della Monsanto: dopo la rivelazione che la multinazionale schedava i giornalisti critici sull’utilizzo del glifosato, un dirigente della stessa azienda racconta che il colosso biotech ha stanziato 17 milioni di dollari in un solo anno per influenzare la stampa e avversare le posizioni degli scienziati critici. Le prove, secondo quanto riporta il portale U.S.

Continua a leggere

La perdita di habitat porterà alla morte di un milione di specie

di Maria Rita D’orsogna (*) Un milione di specie è a rischio di estinzione nei prossimi decenni. L’allarme arriva dall’Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services, noto come IPBES. Era dal 2005 che non rilasciava documenti di cosi grande impatto. Il rapporto del IPBES parla del rischio del collasso del mondo cosi come lo conosciamo – un milione di

Continua a leggere

Salvini finanzia Mediterranea grazie a me !

di Marco Preve (*) Nel luglio 2001 era alla scuola Pascoli, di fronte alla Diaz, dove irruppe la polizia. L’indennizzo del Ministero dell’Interno girato alla nave di Mediterranea. “Così ho ridato voce al movimento no global”. Massimo Costantini Salvini che finanzia Mediterranea grazie a me?… Che dire … son soddisfazioni”. Sorride il dott. Massimo Costantini, perché, seppur a 18 anni di distanza, dice

Continua a leggere

I surfisti d’Australia lottano contro il petrolio e per le balene

di Maria Rita D’Orsogna (*) Siamo a Bondi Beach vicino a Sydney, Austalia dove un gruppo nutrito di surfisti ha deciso di ribellarsi contro le trivelle in mare. Hanno organizzato un “paddle out”, cioe’ tanti assieme diretti verso il mare aperto per puntare l’attenzione sul Great Australian Bight, casa di balene, ricca di biodiversita’ e dal mare blu. Perche’ l’area e’

Continua a leggere

Perché la polizia francese è diventata la più violenta in Europa occidentale?

di Salvatore (Turi) Palidda (*) Dopo il G8 di Genova erano le polizie italiane ad essere considerate le più violente d’Europa occidentale. Ma da allora un po’ tutte le polizie hanno adottato modalità, tecniche e mezzi sempre più violente. Non affronto qui una comparazione con gli altri casi limitandomi ad osservare che da quanto si sa dei casi tedesco, spagnolo, italiano

Continua a leggere

La pena di morte viva

di Alexik (*) Elton Kalica, La pena di morte viva. Ergastolo, 41 bis e diritto penale del nemico, Meltemi, 2019, pp. 189. “L’ergastolo ti fa morire dentro a poco a poco. Non siamo morti ma neppure vivi. L’ergastolo è l’invenzione di un non-dio di una malvagità che supera l’immaginazione. L’ergastolo è una morte bevuta a sorsi, perché non ci mettiamo

Continua a leggere

Memorie dei dannati della terra

di Alexik (*)   “Là, dov’era più umido fecero un fosso enorme e nella roccia scavarono nicchie e le sbarrarono alzarono poi garitte e torrioni e ci misero dei soldati, a guardia ci fecero indossare la casacca e ci chiamarono delinquenti infine vollero sbarrare il cielo … non ci riuscirono del tutto altissimi guardiamo i gabbiani che volano”. (Sante  Notarnicola, Galera. Favignana

Continua a leggere

Appunti sull’insurrezione algerina

di Giacomo Marchetti (*) Ciò che sta avvenendo in Algeria da più di un mese – precisamente dal 22 febbraio – determina una rottura irreversibile con il “sistema Bouteflika” che ha governato il Paese dal 1999. Anche se questo movimento politico-sociale, inedito dalla conquista dell’indipendenza nel 1962, ha un carattere intergenerazionale, la spinta della fascia giovanile è fortissima. Più del 50%

Continua a leggere
1 2 3 34