dancer of the year

Dancer of the Year[1]

Trajal Harrell

di Susanna Sinigaglia

Il titolo della performance si riferisce alla nomina di “danzatore dell’anno” attribuita a Harrell dal Tanz Magazine nel 2018. Questa nomina ha suscitato in lui l’esigenza di ricostruire alcuni passaggi essenziali del suo percorso. Harrell ha perciò presentato al pubblico una serie di frammenti di sue passate coreografie, evocandole innanzitutto attraverso i capi d’abbigliamento che v’indossava.

La performance si è svolta con la presenza di pubblico e interprete entrambi sul palco del teatro, dove era sistemato anche una specie di pannello da cui è uscito – dopo una certa suspense – Trajal Harrell portando una grande valigia.

Indossa una semplice tuta nera, con banda bianca laterale sui pantaloni. A una breve sequenza di danza introduttiva, segue l’apertura della valigia da cui Harrell tira fuori una lunga gonna nera tutta plissettata, che indossa sopra i pantaloni della tuta. Da quel momento, diventa una leggiadra ballerina classica, una giovane donna afroamericana con i capelli ricci cortissimi, il corpo esile che volteggia leggero seguendo le volute della musica. Mentre il François Chaignaud di Romances inciertos[2] possiede il fascino un po’ inquietante e misterioso che emana dalla compresenza dei due sessi nello stesso corpo, con l’uno che scivola e si sdoppia nell’altro secondo dove si posa lo sguardo come nelle illusioni ottiche, Trajal Harrell si trasforma completamente in quel che indossa.

Dopo la sequenza con la gonna nera, il danzatore torna accanto alla valigia, ne estrae un asciugamano con cui si deterge il sudore, si toglie la gonna nera e indossa un abito femminile dai colori sgargianti. E prosegue a cambiare abito per altre due volte, dopo essersi fermato e deterso il sudore con l’asciugamano che ha provvidenzialmente portato con sé. Infine, ritornato in tuta, si rivolge al pubblico in inglese conquistandone ormai le immancabili simpatie.

Accolti gli applausi va all’uscita e, indossando la mascherina d’ordinanza, saluta uno a uno spettatrici e spettatori mentre lasciano il palco.

https://triennale.org/eventi/dancer-of-the-year

[1] Questo articolo è corredato da due uniche immagini di Harrell (di repertorio), poiché non ci è stato possibile ottenere la liberatoria per le foto scattate durante lo spettacolo.

[2] Vedi “La Bottega del Barbieri” del 14.06.2021.

 

 

 

Susanna Sinigaglia
Non mi piace molto parlare in prima persona; dire “io sono”, “io faccio” questo e quello ecc. ma per accontentare gli amici-compagni della Bottega, mi piego.
Quindi , sono nata ad Ancona e amo il mare ma sto a Milano da tutta una vita e non so se abiterei da qualsiasi altra parte. M’impegno su vari fronti (la questione Israele-Palestina con tutte le sue ricadute, ma anche per la difesa dell’ambiente); lavoro da anni a un progetto di scrittura e a uno artistico con successi alterni. È la passione per la ricerca che ha nutrito i miei progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.