Fight –> Flight –> Freeze

La psicologia delle masse al tempo della crisi

di Rom Vunner

Esiste una scienza, la psicologia delle masse, ha più di un secolo di storia e viene applicata con metodo e cura nelle prese di decisione, è ormai intrinseca alla cultura politica egemone.

Attualmente appare applicata la teoria sulla gestione delle situazioni di crisi come terremoti e/o alluvioni, situazioni che rendano impossibile continuare la vita come la si conosceva fino a poco prima e metta in dubbio la possibilità di avere accesso a servizi di prima necessità. La teoria ci insegna che la risposta della massa si basa sulle 3F, una reazione progressiva a un evento traumatico. Attenzione, non si sta parlando dei singoli, non si dice come risponderanno i singoli in base a più variabili ma si definisce come si comporterà la massa.

  • La prima F sta per Fight, combattere, uno stato in cui il primo impulso è la lotta: adesso vedrete chi sono io, non importa quello che è successo, adesso mi riprendo con le mie forze.
  • La seconda F sta per Flight, fuga, il problema non esiste, deve passare per forza, non durerà a lungo questa situazione, vedi che ancora un po’ e poi le cose cambiano.
  • La terza F sta per Freeze, bloccarsi, non c’è più niente da fare, è finito tutto, non c’è speranza.

La teoria prevede che queste tre fasi si susseguano, dalla prima si arriva alla terza seguendo un copione o, meglio, un canovaccio conosciuto.

Messo così sembrerebbe un destino ineludibile, in cui arrivati alla terza F si può accettare di tutto supinamente. Questo modello ha, però, un punto debole che sta nelle premesse della teoria a cui si rifà. Simili possibilità di previsioni si possono avere se il sistema entro cui si ha il fenomeno non cambia. Possiamo prevedere anche comportamenti con estrema facilità ma solo se il sistema entro cui avvengono non subisce cambiamenti qualitativi tali da snaturarlo.

La teoria prevede la reazione delle masse non dei singoli e questi singoli possono essere connessi senza essere massa. Questi singoli connessi possono cambiare o portare a cambiare qualitativamente il sistema.

Al momento la società italiana si trova in più livelli di F. Abbiamo tra i primi lavoratori colpiti dalla crisi già la terza F, indicatore ne sono i suicidi. Un’altra parte si trova alla prima F, sta scendendo in piazza, sta protestando. Altri sono alla seconda F, come gli operai Fiat costretti a votare in un falso referendum se perdere il lavoro o vivere molto peggio di ora. Accettano di restare, sperando che migliori. Ognuno è previsto che scivolerà verso la terza F, un numero accettabile di effetti collaterali (suicidi, ricomparsa eroina, alcolismo,…) e una massa prona, pronta ad accettare di tutto.

Rompere il giochino tra le mani dei bambini presuntuosi ed arroganti che ci stanno giocando potrebbe essere fattibile e non così difficile. Esiste un’ampia area di sperimentazione di pratiche e teorie che si apre difronte a noi. Non sono una terapia psicologica o lo yoga, e tanto meno un dio, che risolleveranno il mondo ma la capacità dei singoli di connettersi scambiandosi informazioni, pratiche, consigli, emozioni, sogni. La creazione di una sorta di retrovirus che si infili a rovinare il sistema.

Ci troviamo in un momento particolare di innovazione tecnologica, quel momento in cui i governati maneggiano l’innovazione molto meglio dei governanti. Un momento in cui la capacità soggettiva può superare quella della cultura egemone.

Persone insospettabili sarebbero pronte a seguire delle soggettività connesse e pensanti che mostrassero una capacità di governo intesa come capacità di garantire i servizi essenziali e non una semplice sommossa. Il Partito, quello passato dal mito dell’Uomo d’Acciaio agli eroi della Marvel passando per Goldrake, ha inteso questo come compromesso con le altre forze, al di là non dico di una distinzione di classe ma non ponendosi nemmeno come difensore di gruppi di interesse comune, stakeholder in inglese. D’altra parte la Mamma dopo una gioventù rivoluzionaria è divenuta una matrona, un potere totalizzante che voleva controllare ogni suo figlio fino a farlo impazzire. La cultura si è rivoluzionata tanto da introdurre le condizioni di lavoro presenti nell’Inghilterra dell’800. Eppure qualcosa si muove. Ovunque si sperimenta e aumenta la possibilità di connettersi mentre loro non sanno di cosa stiamo parlando.

Appare un momento propizio, uno di quelli che passano solo una volta ogni tanto, adelante!

Rom Vunner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.