Il Libano sull’orlo del fallimento

redazione Diogene*

Il Libano sta affrontando un completo tracollo economico ed è praticamente sull’orlo del precipizio dal punto di vista economico, politico e sociale. Sebbene non possa ancora essere descritto come uno stato fallito è sul punto di diventarlo.

Uno stato fallito può essere descritto come uno stato che non può proteggere i suoi confini, non può governare tutte le persone sul suo territorio, non può fornire servizi e utilità di base e non ha il monopolio dell’uso della forza o della polizia stessa.

Il Libano è molto vicino a soddisfare tutte queste caratteristiche, poiché ci sono gruppi forti e ben armati, come gli Hezbollah sostenuti dall’Iran, che agiscono come uno Stato nello Stato in alcune parti del paese, arrestando e imprigionando cittadini, mentre il governo è incapace di sorvegliare tutto il territorio del paese o fornire servizi essenziali come acqua ed elettricità, che vengono forniti solo tre o quattro ore al giorno.

Il valore della sterlina libanese è diminuito di oltre il 95% rispetto ai livelli pre-crisi. Una combinazione di eventi ha portato il Libano sull’orlo del precipizio. La guerra civile siriana ha inferto un duro colpo alle esportazioni libanesi verso i paesi arabi, mentre oltre 1 milione di rifugiati siriani ha cercato rifugio in Libano. Poi il coronavirus ha decimato la sua industria turistica, mentre la Banca Centrale ha implementato in modo catastrofico tassi di cambio irrealistici e ha speso centinaia di milioni di dollari per sostenere la sterlina libanese.

I servizi pubblici, come elettricità, istruzione e assistenza sanitaria, sono stati gravemente ridotti. Al contrario, lo Stato ha smesso di sovvenzionare i medicinali essenziali, provocando la morte prematura di decine di persone che non si possono più permettere di acquistarli.

Come se ciò non bastasse, le banche libanesi consentono ai clienti di prelevare solo una piccola parte dei loro depositi e le persone ogni giorno fanno la fila agli sportelli automatici sperando di prelevare parte del loro denaro.

Un rapporto della Banca Mondiale stima che “il PIL reale del Libano sia diminuito del 10,5% nel 2021, sulla scia di una contrazione del 21,4% nel 2020, poiché i responsabili politici non hanno ancora concordato un piano per affrontare il crollo il modello di sviluppo del paese … soggetto a un’incertezza straordinariamente alta, si prevede che il PIL reale del paese si contrarrà di un ulteriore 6,5% nel 2022. Il Libano ha assistito a un drammatico crollo dei servizi di base, guidato dall’esaurimento delle riserve di valuta estera”.

Secondo la Banca Mondiale, il Libano sta affrontando una delle peggiori crisi economiche e finanziarie degli ultimi 150 anni. Le stime ora suggeriscono che il 75% della popolazione sta lottando per mettere il cibo in tavola.

La difficile situazione del popolo libanese si riflette abbastanza chiaramente sull’indice di esperienza negativa di Gallup per il 2021, che è una misura composita delle esperienze quotidiane delle persone di tristezza, stress, preoccupazione, rabbia e dolore fisico.

Olivier de Schutter, il relatore speciale delle Nazioni Unite su povertà estrema e diritti umani, in un rapporto pubblicato lo scorso maggio, accusa di azioni distruttive i leader politici e finanziari del Paese, ritenendoli responsabili di aver costretto la maggior parte della popolazione del paese alla povertà e aggiunge: “L’impunità, la corruzione e la disuguaglianza strutturale sono state integrate in un sistema politico ed economico che protegge i ricchi lasciando le famiglie povere a badare a se stesse”.

Nel marzo 2020, il Primo Ministro ha annunciato che il Paese non poteva rimborsare in tempo 1,2 miliardi di dollari dovuti ai creditori. Pochi mesi dopo, nell’agosto 2020, un’esplosione devastante al porto di Beirut ha distrutto gran parte della città e ucciso almeno 200 persone.

Attualmente il Libano sta cercando disperatamente un prestito di 3 miliardi di dollari per ripagare il suo debito estero ,che è salito al 170% del suo prodotto interno lordo, e ha raggiunto una bozza di accordo con l’FMI, che, tuttavia, è subordinata all’attuazione da parte del governo di riforme di vasta portata.

Queste includono l’attuazione di una riforma globale del settore bancario, l’indagine sulla gestione disastrosa della Banca centrale, le riforme economiche, forti misure di regolamentazione e supervisione e la garanzia del rimborso del prestito. È però improbabile che il sistema politico accetti di fare le riforme necessarie, poiché la sua principale preoccupazione è la conservazione dei privilegi dell’élite del paese.

*articolo in origine pubblicato su https://diogeneonline.info/il-libano-sullorlo-del-fallimento/

ciuoti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.