MontiZuma

di Rom Vunner

Siamo alla frutta! Lo si esclamava qualche capodanno indietro. Ormai siamo arrivati oltre il quarto o il quinto ammazzacaffè. Non basterà, si teme, la fine del mondo per salvarci. Ci sarà un domani.

Un domani che non si vede, non si capisce. Nel mentre la teorizzazione e la sperimentazione di metodi di nonviolenza hanno risolto quasi tutto, il futuro appare nero.

Dal delirio delle elezioni, una sorta di erezione senile in assenza di Viagra, ai venti di guerra sottovalutati tutto in una rappresentazione altamente tecnica, scientista, in cui i numeri sembrano uscire da un gratta e vinci, sponda del sogno italico.

Sembrerebbe una fogna ma come lui cantava “dai diamanti non nasce niente – dal letame nascono i fior”. Continua ad essere una delle poche possibilità di cambiare. Ricorda molto l’inizio del ‘900. Quando la principessa Sissy e il suo sposo caddero sotto i colpi di un anarchico in Serbia, in Europa, un’Europa più vasta di quella di oggi, si poteva viaggiare senza passaporto e le monete erano state parificate secondo un valore aureo, per cui non dovevi cambiarla, 1 lira valeva 1 marco e così via. Nonostante l’affondamento del Titanic, le crociere non conoscevano crisi. In Italia andava il cattivo gusto e il doppio senso nei teatri e nei locali. Al comando c’era un classe completamente inadeguata, inadeguata rispetto ai cambiamenti che la circondavano. Una classe politica che è stata cancellata dalla memoria collettiva ma che ha dato vita al fascismo. Una forza che non si è presentata come conservatrice dell’esistente ma come innovatrice. Una forza che ha fatto perno sul bisogno di cambiamento. Una forza che ha impedito una sana rivoluzione, una forza nuova foraggiata per garantire a quel perenne 10% di famiglie più ricche di continuarlo ad essere.

Sembra che ci risiamo. Un vantaggio potrebbe essere che sono inadeguati, che conosciamo la storia, che abbiamo strumenti dati dall’ingenio e dalla tecnica che possono sovrastarli.

Sbagliare è umano, perseverare è diabolico.

Rom Vunner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.