Germania: si restringono gli spazi per i movimenti climatici

di Green Legal Impact Germany (*) Anche in Germania il movimento climatico è sempre più sotto pressione. L’inasprimento del dibattito pubblico limita la possibilità di azione delle attiviste e degli attivisti nel  loro impegno per preservare le basi della vita e la possibilità di un futuro vivibile. Al fine di consentire un confronto in merito ai molteplici casi di repressione

Continua a leggere

Israele sta criminalizzando anche i pensieri palestinesi

di Maziar Motamedi (*) Ciò che i palestinesi in Israele leggono o guardano sui social media potrebbe causargli problemi legali. Dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, Israele ha dato un giro di vite al sentimento filo-palestinese all’interno dei suoi confini, tra cui l’approvazione di un emendamento alla sua legge antiterrorismo che è stato criticato per aver violato i diritti

Continua a leggere

Bolognina: un deserto chiamato sicurezza

da Osservatorio Repressione Questo testo affronta gli ultimi risvolti di un attacco iniziato da tempo al quartiere Bolognina (Bologna), un processo che, seppur nelle sue specificità, non è differente da quanto stanno subendo altre città e territori: la speculazione e la cementificazione chiamata “riqualificazione”, la strumentalizzazione “dell’emergenza droga” e “dell’allarme sicurezza”, la discriminazione della popolazione migrante, la militarizzazione della vita

Continua a leggere

La strage che diventa legge

Il governo vara un decreto che porta il nome del luogo in cui è avvenuto il naufragio di Cutro: l’eccidio diviene costituente per colpire ancora con violenza migranti e solidali di Carlo Caprioglio, Tatiana Montella, Enrica Rigo (*) *** L’immagine di Giorgia Meloni che abbraccia i bambini di Addis Abeba e le parole di Francesco Lollobrigida, ministro neonominato della «sovranità

Continua a leggere

Ci pass ccu lu grin pass?

83esima puntata dell’«Angelo custode» ovvero le riflessioni di ANGELO MADDALENA per il lunedì della bottega 10 agosto, giardini del Frontone Siamo riuniti… senza green pass. La carta verde costava 100 mila lire negli anni ‘90 e fino all’inizio dei 2000, garantiva uno sconto del 25% nei treni regionali e del 50% sui treni “verdi” (quelli in cui si può caricare

Continua a leggere
1 2 3 4