Perù: il sindacalismo rivoluzionario degli operai di Cromotex

I lavoratori dell’impresa tessile sfidarono il padrone Antonio Mussiris Chaín, proprietario dell’impresa e la dittatura militare del generale Francisco Morales Bermúdez. Lo sgombero del 4 febbraio 1979 lasciò sul campo sei operai morti. Tra i resistenti della fabbrica vi era anche Néstor Cerpa Cartolini, il futuro leader dei tupamaros che venne ucciso il 22 aprile 1997 dalle teste di cuoio

Continua a leggere

Ambientalisti perseguitati in America latina

In tutta la regione, compresa quella centroamericana, è in preoccupante crescita il numero dei lottatori sociali uccisi, minacciati e perseguitati da Stati corrotti in affari con le multinazionali di provenienza inglese, canadese e cinese. Sono ben 284 i conflitti sociali legati esclusivamente all’estrattivismo minerario e non si contano quelli dovuti all’agrobusiness e allo sviluppo energetico. di David Lifodi

Continua a leggere

Dalle ambasciate USA: un nuovo Plan Condor …

… contro il socialismo latinoamericano. di Geraldina Colotti In nome della “lotta al terrorismo”, dalla Colombia al Paraguay, dal Cile al Perù, fino a Bolivia e Venezuela ritornano le sparizioni forzate, le torture, l’uso di paramilitari travestiti da civili e una diplomazia a senso unico che cerca di delegittimare ad ogni costo i governi popolari.

Continua a leggere

Le Ande in rivolta

In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato che provoca ogni giorno nuovi desaparecidos, morti e feriti. In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto. In Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo. di David

Continua a leggere
1 2 3 11