«Tempo di speranza»: liberare Öcalan

di Laura Schrader. A seguire una nota della “bottega”.  

Tempo di speranza. Campagna per la liberazione di Abdullah Öcalan

Abdullah Öcalan (chiamato Apo, zio e Serok, salvatore) per milioni di kurdi è la speranza, l’ispirazione, la voce che guida nella difesa dell’identità e della vita. Ricordate le immagini della vittoria contro l’Isis? Alle spalle delle combattenti kurde che festeggiano la conquista di Raqqa l’ ultima roccaforte dello Sato Islamico, c’é un grande ritratto di Ocalan. Oggi nelle rivolte scaturite dall’ assassinio di Jina (Mahsa) Amini e che vanno ben oltre alla protesta contro l’hijab, sventolano bandiere con la sua immagine.

Dalla data del suo sequestro attivisti di tutto il mondo ne chiedono la liberazione. Il comitato Peace in Kurdistan fondato nel 1994 durante la guerra di annientamento contro il popolo kurdo dall’attivista Lord Avebury e da Harold Pinter, Arthur Miller, John Berger, Noam Chomsky nel 1999 diventa International Initiative for Abdullah Öcalan-Peace in Kurdistan e raccoglie una valanga di adesioni, così come la campagna Freedom for Ocalan dei più importanti sindacati britannici. Tre anni fa uno sciopero della fame coinvolse 3 mila persone, e 9 continuarono fino alla morte. Nel settembre scorso il 30° festival Internazionale della Cultura Kurda a Landgraaf in Olanda era dedicato al tema della liberazione di Serok Apo e a Roma migliaia di persone assistevano al concerto a lui dedicato.

Il 14 settembre scorso a Bruxelles 350 avvocati di 22 paesi in 5 continenti hanno ufficialmente offerto di assumere la difesa di Öcalan a fianco dei colleghi kurdi. Nel Nord est della Siria 691 avocati hanno sottoscritto un appello ed è partita in Europa la campagna “1.000 avvocati per Abdullah Öcalan”.

Mistero sulle condizioni del leader kurdo

Abdullah Ocalan, fondatore del Pkk- Partîya Kerkéren Kurdistan, storico e politologo, 73 anni, da 23 anni è imprigionato nel carcere di massima sicurezza sull’isola disabitata di Imrali in assoluto isolamento con la condanna di ergastolo aggravato. La sua situazione è definita tortura continuativa dalle Nazioni Unite e condannata dalle istituzioni europee. Era il solo detenuto a Imrali fino al 2015, quando nel carcere arrivarono Ömer Haya Konar, Hamili Yildirim, Aktas Veyşi, militanti del PKK. Le richieste di porre fine all’isolamento valgono anche per loro.

La sentenza 12 maggio 2005 della Convenzione Europea per i Diritti Umani (CEDU) condanna la Turchia per “ingiusto processo”e ne chiede la revisione. Un’altra nel 2014 condanna la Turchia per il reato di tortura e chiede la libertà condizionale. Il Rapporto 2020 del Comitato Europeo Prevenzione Tortura (CPT) dichiara inaccettabile la condizione detentiva. Nell’ ottobre 2020 l’Assemblea del Consiglio d’Europa chiede la fine dell’isolamento. Numerose le risoluzioni del Parlamento europeo. Ma nessun provvedimento concreto si è mai profilato nei confronti di Ankara, che ignora sentenze e risoluzioni. Abbaglia e ferisce l’abisso tra l’impegno dei cittadini e l’inerzia complice dei governanti.

L’ultimo incontro con gli avvocati risale al 7 agosto 2019, con un intervallo di 8 anni dal 2011. La risposta alla sentenza CEDU del 2014 è arrivata il 26 agosto scorso: gli avvocati del governo turco escludono la libertà condizionale. Secondo lo studio legale Asrin che tenacemente lo difende, Öcalan è illegittimamente privato del “Diritto alla Speranza”, il principio per cui ogni condannato ha il diritto di sperare in una commutazione della pena. Da 18 mesi di lui non si hanno notizie: l’ultimo contatto è un breve telefonata del fratello Mehmet, convocato allo scopo in Procura.

Nel novembre 1989 Abdullah Ocalan si era rifugiato a Roma, e per lui migliaia di kurdi erano arrivati da ogni angolo del mondo. Piazza Celimontana era diventata piazza Kurdistan, in una vibrante scenografia di musica, danze, colori e bandiere. Il tribunale di Roma 1l 1° ottobre 1999 concedeva al leader l’asilo politico, ma troppo tardi: il nostro governo – premier era D’Alema – lo aveva costretto ad andarsene. “Abbiamo passato un mucchio di tempo a lavorare con Italia, Germania e Turchia per trovare un modo creativo di consegnarlo alla giustizia” scriveva il New York Times citando un “alto funzionario del governo Usa”. Un complotto internazionale fece approdare il lader kurdo a Nairobi dove 15 febbraio 1999 fu catturato da un commando turco. Il suo sequestro fu “Un affare nel cuore del triangolo Ankara-Washington-Gerusalemme”, come titolava Le Monde il 18 febbraio, dimenticando però i servizi del Kenya, il cui contributo fu rivendicato dal presidente Daniel Arap Moi. La condanna a morte venne commutata in ergastolo aggravato perché la Turchia, intenzionata a far parte della Ue, sospese l’applicazione della pena capitale.

Nella resistenza del PKK le ragioni dell’ accanimento

Negli anni Novanta Ankara si dedica a una guerra di annientamento della popolazione kurda in Turchia, che finanzia con un massiccio narcotraffico verso il mercato europeo. Nelle provincie kurde vige la legge marziale. Le sede delle istituzioni kurde sono distrutte. Nelle strade gli squadroni della morte uccidono politici, scrittori, giornalisti, attivisti per i diritti umani kurdi e turchi. In carcere i detenuti muoiono sottoposti ai più terribili trattamenti. Amnesty International documenta torture e violenze sessuali su uomini, donne, bambini. Nei villaggi, stragi e atrocità irriferibili. Migliaia i villaggi distrutti, due milioni di persone condannate a morire di stenti. Ankara vieta l’accesso alla organizzazioni umanitarie: si tratta di “profughi interni”. In Turchia i giornali indipendenti denunciano l’orrore, l’élite intellettuale turca si ribella affrontando processi e carcere.

Il sociologo turco Ismail Besikci rifiuta onorificenze e premi per il suo impegno nella difesa dei diritti umani perché provengono da organizzazioni “i cui governi armano e finanziano una Turchia colpevole della distruzione del popolo kurdo”. Nelson Mandela rifiuta il Premio per la Pace Atatürk 1992. Harold Pinter scrive: “Oggi la dignità e l’umanità del mondo sono rappresentate dalla resistenza del Pkk e dal suo leader Abdullah Öcalan” .

Contro il popolo kurdo le armi del Pentagono

La guerra è condotta all’unisono con gli Usa del Presidente Clinton, che riesce ad aggirare il divieto di armare paesi che violano i diritti umani. Sulla rivista statunitense The Atomic Scientists, marzo-aprile 1999, vol. 55. N. 2 nel saggio “La guerra della Turchia contro i kurdi scrive Kevin McKiernan :“Il presidente Clinton ha continuato e intensificato il sostegno alla distruzione del popolo kurdo in Turchia. “La guerra in Turchia è l’unico esempio al mondo di un amplissimo uso di armamenti degli Stati Uniti da parte di forze non americane” L’autore cita Bill Hartung del World Policy Institute: ‘Non riesco a pensare a nessun altro esempio in cui l’arsenale americano abbia avuto un utilizzo così intenso e concentrato. E continua: In 15 anni di combattimenti in Turchia sono andate perdute circa 40 mila vite umane, più che nei conflitti della West Bank e del Nord Irlanda messi insieme. Nell’ultimo decennio l’esercito turco ha raso al suolo, incendiato, o evacuato con la forza più di 3 mila villaggi kurdi. Gran parte delle distruzioni in Turchia avvenne tra il 1992 e il 1995, durante il primo mandato dell’amministrazione Clinton. Nel ‘95 l’amministrazione riconobbe che gli armamenti americani erano stati usati dal governo turco in operazioni militari interne ‘durante le quali sono avvenute violazioni dei diritti umani’. In un rapporto ordinato dal Congresso, il Dipartimento di Stato aveva ammesso che gli abusi erano stati compiuti anche con l’uso di elicotteri Cobra, di blindati e di cacciabombardieri F 16, tutti provenienti dagli Stati Uniti. In molti casi, interi villaggi kurdi erano stati cancellati dall’aviazione (…) Il nostro governo aveva dovuto ammettere che la politica turca aveva costretto più di due milioni di kurdi a fuggire dalle loro case. “ “L’assistenza militare alla Turchia – continua Mc Kiernan – ha incluso perfino l’uso di soldati americani. L’anno scorso, secondo il Washington Post, una squadra per le operazioni speciali ha compiuto la sua prima missione in Turchia per addestrare i ‘Commando turchi di montagna’, unità la cui funzione è di combattere i guerriglieri kurdi. La Turchia beneficia inoltre dell’International Military Education and Traing Program del Pentagono. Grazie a questo programma, dal 1984, quando cominciò l’insurrezione del Pkk, al 1997, sono stati addestrati 2.500 ufficiali turchi (…) “Un diplomatico britannico nel corso della gigantesca operazione militare “Acciaio” lanciata contro i kurdi nel marzo ‘95 confidò al Turkish Daily News che la Turchia si era avvalsa di strumentazioni Nato, come gli aerei rilevatori Awacs, e risulta che siano utilizzati anche i dati satellitari per individuare le basi della guerriglia. Anche Italia e Germania inviarono armamenti ad Ankara.

Alla ferocia della guerra di annientamento della popolazione kurda e del suo territorio si oppose la resistenza del PKK. Öcalan paga nell’isolamento di Imrali la sopravvivenza del popolo kurdo. A lui non si perdona di aver fatto rivivere l’orgoglio dell’identità e dei valori per i quali oggi il Kurdistan esiste e ancora resiste. Resiste e brucia nelle ferite dei bambini colpiti dalle armi chimiche di Erdogan. Resiste e vive nel ricordo delle donne protagoniste della vittoria sull’Isis assassinate dai droni turchi. Resiste nel cuore delle 500 mila famiglie di Afrin, in Siria, spogliate di tutto dagli alleati islamisti di Ankara, costrette a lasciare le loro case per fuggire in improvvisati campi profughi. Resiste in una speranza di vita e di pace. “Tempo di speranza” è il nome della campagna per la libertà di Ocalan.

NOTA DELLA “BOTTEGA”

Come ben sa chi passa spesso di qui abbiamo il Kurdistan nel cuore. E dunque ricordiamo l’ultimo libro di Zerocalcare (qui sopra la copertina). Ove qualcuna/o non lo avesse ancora letto… è bellissimo. E regalarlo a chi poco o nulla sa dei curdi potrebbe essere il modo giusto per rompere il muro delle censure e iniziare a raccontare in pubblico un’altra storia.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

4 commenti

  • Doriana Goracci

    Forse uno o due mesi fa,trovai un’avvertenza di Fb che aveva oscurato per motivi di sicurezza un mio post condiviso sulla mia pagina,parecchi anni fa’, perché aderivo e firmato per la libertà di Ocalan,una petizione internazionale e costui apparteneva a un movimento terrorista. Sono certa che fb abbia avuto una segnalazione…

  • all’inizio successe anche a me, perché avevo postato una vignetta satirica su erdogan. Usavo la “mia” pagina fb principalmente per condividere comunicati dal rojava , uiki onlus e rete kurdistan nonchè articoli di Davide Grasso e di Eddi Marcucci. Un bel giorno mi sono trovato la pagina fb “craccata” , non potevo piu accedervi perchè qualcuno aveva cambiato la password e fatto sparire tutto…..

  • mi permetto di consigliare anche la lettura di:

    «La montagna sola» ed. Alegre

    Gli ezidi sono diventati noti a livello internazionale dopo il massacro subito dall’Isis nell’agosto del 2014. Un popolo di cui si è sempre saputo pochissimo – anche per l’assenza di testi scritti dovuta a un ferreo ricorso alla tradizione orale – è stato preso come esempio della brutalità dello Stato islamico e usato per giustificare l’intervento militare occidentale. Relegando gli ezidi al ruolo di vittime senza speranza né capacità di pensiero politico.

    Questo libro ne ricostruisce la storia millenaria, la cultura e la religione, e ne riporta la voce diretta raccolta dalla giornalista del manifesto Chiara Cruciati e dalla mediatrice culturale Rojbîn Berîtan nei loro ripetuti viaggi a Şengal, di cui uno compiuto insieme a Zerocalcare, autore dell’illustrazione in copertina.
    Un testo che completa e approfondisce così il lavoro del noto fumettista romano con il libro Sleep to Şengal, in testa alle classifica di vendita di queste settimane.

    Sulla montagna sola si respira la voglia di una vita finalmente libera dalla paura insieme all’entusiasmo di chi ha preso in mano le redini del proprio destino. Una popolazione chiusa al mondo esterno, conservatrice e legata alle proprie pratiche ha saputo costruire una forma di autogestione del proprio territorio secondo un paradigma estremamente moderno e allo stesso tempo adattabile alle peculiari e antiche caratteristiche dei popoli mediorientali – perché è da lì che trae origine e ispirazione.

  • Rifondazione Comunista condanna l’aggressione militare in corso da parte della Turchia di Erdogan contro la città curda di Kobane e la regione del Rojava nel nord della Siria.
    Il secondo esercito della NATO ha scatenato bombardamenti e offensiva militare contro la città che ha respinto l’Isis e l’autogoverno del Rojava. I bombardamenti colpiscono popolazione civile, scuole, ospedali.
    Undicimila combattenti curdi sono caduti per fermare l’Isis e Al Quaeda che avevano il sostegno della Turchia e del Qatar.
    Ora Erdogan sta usando la strage di Istanbul, probabilmente opera degli stessi servizi turchi, come giustificazione per bombardare i territori liberi del Rojava e cancellare un’esperienza di autogoverno e convivenza tra i popoli che è un esempio per i popoli di tutta l’area.
    Non a caso la rivoluzione in corso in Iran ha fatto proprio lo slogan del movimenti di liberazione curdo: “Donna, Vita, Libertà”.
    Invitiamo tutte le forze sociali, sindacali, politiche democratiche e antifasciste alla mobilitazione.
    Chiediamo al governo italiano e all’Unione Europea di condannare l’aggressione turca e chiedere l’immediata cessazione degli attacchi turchi.

    Maurizio Acerbo, segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, coordinamento nazionale di Unione Popolare

    KNK: Fermiamo l’aggressione militare turca contro il Kurdistan!

    “Il 20 novembre a mezzanotte, gli aerei da guerra turchi hanno iniziato a bombardare ospedali, scuole e altri obiettivi civili dentro e intorno a Kobanê, compreso il villaggio di Belûniyê a Shahba, a sud-ovest di Kobanê, che ora è popolato da sfollati curdi di Afrin, così come il villaggio di Teqil Beqil vicino a Qerecox a Dêrik, nella parte orientale della regione autonoma della Siria settentrionale e orientale.

    Aerei da guerra turchi hanno preso di mira anche il deposito di grano nella regione di Dahir al-Arab vicino a Zirgan e le aree dei monti Qendil e dei monti Asos nel Kurdistan meridionale (Iraq settentrionale).

    L’attacco terroristico a Taksim, a Istanbul, del 13 novembre è stato pianificato ed eseguito dal regime turco AKP-MHP al potere per fornire un pretesto per questi bombardamenti mortali. Senza alcuna indagine il regime turco ha incolpato di questo attacco le Unità di protezione del popolo (YPG), le Unità di protezione delle donne (YPJ) e il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK). Nonostante l’immediato e veemente rifiuto di questa accusa infondata da parte delle Forze democratiche siriane (SDF, l’organizzazione generale che comprende le YPG e le YPJ) e del PKK, il ministro dell’Interno turco Süleyman Soylu, che ha una lunga storia di ostilità contro il popolo curdo, continua a predicare questa falsità per conto dello Stato turco.

    Ancora una volta lo Stato turco sta lanciando una campagna di aggressione non provocata contro i curdi per distrarre dai vari problemi della Turchia dopo due decenni di dominio incontrollato di Recep Tayyip Erdogan e dell’AKP. Dal 17 aprile il regime di Erdogan ha ripetutamente attaccato posizioni dei guerriglieri curdi nel Kurdistan meridionale, utilizzando armi chimiche vietate più di 2.700 volte.

    Tuttavia lo Stato turco non ha ottenuto nulla con questi attacchi e le forze turche hanno bruciato i corpi dei propri soldati per oscurare l’entità delle loro perdite. Con il recente attacco sotto falsa bandiera a Taksim, Erdogan e l’AKP-MHP sperano di distrarre ulteriormente dalla loro sconfitta nel Kurdistan meridionale e fornire una giustificazione per la loro intensificata guerra contro i curdi nel Rojava/Siria settentrionale e orientale.

    Il regime fatiscente di Erdogan può rimanere al potere solo sconfiggendo la storica resistenza del popolo curdo nella sua occupazione neo-ottomana del Kurdistan. Con l’attentato a Taksim, Erdogan sperava di presentare la Turchia come vittima del terrorismo perpetrato dai curdi per ottenere il via libera per un attacco al Rojava al vertice del G20 a Bali, e sembra esserci riuscito, visto che il regime turco non è in grado di intraprendere questi attacchi senza l’approvazione della Coalizione globale contro lo Stato Islamico, in particolare degli Stati Uniti.

    Se la Coalizione globale contro lo Stato Islamico è contraria a questa guerra illegale, allora i suoi membri devono immediatamente compiere passi decisi attraverso misure economiche, politiche, diplomatiche e legali per costringere la Turchia a rispettare il diritto internazionale. In caso contrario si assumeranno anche la responsabilità delle conseguenze del terrorismo di stato turco contro il popolo curdo e gli altri popoli della Siria settentrionale e orientale”.

    Consiglio esecutivo del Congresso nazionale del Kurdistan (KNK)

    20.11.2022

    http://uikionlus.org/knk-fermiamo-laggressione-militare-turca-contro-il-kurdistan/?fbclid=IwAR0s3gMs0ewnlitlYVW2O7lke6EAUNlT-SD6rnaOr3ORU7AJm1TkOeo9mAw

    kobane: https://www.facebook.com/messenger_media/?attachment_id=843974286757170&message_id=mid.%24cAAAAAFtoXeiKxdPRTmElI5g2BIVY&thread_id=1533566440

    https://www.facebook.com/radiondadurto/posts/pfbid02k7R7cGXkM5P3qA2wuNrdwt7E2hCj6Cq1ksY1vnUjefV3E7afjiacJ9Gim7dYe1LCl

    https://www.radiondadurto.org/2022/11/14/attentato-a-istanbul-pkk-nega-qualsiasi-coinvolgimento-e-mette-in-guardia-lopinione-pubblica/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.