Ufo-Uap in cielo. E altro in “bottega”

di Danilo Ruocco. A seguire notizie sulle “nostre letture” e sulle uscite di Urania

Sapremo convivere pacificamente con civiltà extraterrestri?

Con crescente frequenza arrivano conferme dai vertici militari del Pentagono che i video che riprendono UFO/UAP – per UAP si intendono Unidentified Aerial Phenomena (fenomeni aerei non identificati) – sono autentici e sono stati realizzati da personale dell’esercito.

Viene anche specificato che gli UFO/UAP ripresi hanno «caratteristiche tali da sfidare le leggi della fisica» (*) e alcuni di tali veicoli hanno la possibilità di muoversi a proprio piacimento in diversi elementi (come l’aria o l’acqua), tanto da essere stati definiti “transmedium veichle”.

A dare ulteriore conferma a quanto dichiarato dalla portavoce del Pentagono Susan Gough, ci ha pensato, nei giorni scorsi, l’ex Presidente degli USA Barack Obama che ha testualmente detto: «Ciò che è vero, e su questo punto sono serio, è che ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare le loro traiettorie. Non si muovono con uno schema facilmente spiegabile.» (**).   

Si aggiunga a quanto detto finora che a giugno dovrebbe essere presentato al Congresso degli USA un rapporto sugli studi condotti dal Pentagono negli ultimi decenni proprio sugli UFO/UAP.

Se questi, ad oggi, sono i fatti, vorrei ora procedere ponendo alcune domande.

Cosa potrebbe succedere dopo?

Nel momento in cui delle civiltà extraterrestri decideranno di aprire i canali di comunicazione con la civiltà terrestre, immagino che molti saranno presi dal panico, per le ragioni che avevo spiegato nel mio post, a cui rimando, Perché molti hanno paura degli alieni.

– Superato il momento di panico, cosa potrebbe accadere?

Immagino che ci sarà un periodo in cui all’entusiasmo di molti, farà da contraltare il sospetto di molti altri nei confronti proprio degli appartenenti alle civiltà extraterrestri.

Sarà da stabilire con assoluta certezza quali sono davvero le intenzioni delle civiltà extraterrestri nei nostri riguardi: ovvero, sono qui per dominarci o per farci fare un salto evolutivo di tipo tecnologico?

– E in tal caso, all’evoluzione tecnologica sarà affiancata anche un’evoluzione/rivoluzione del pensiero da parte dei sapiens?

– E, poi, i sapiens saranno in grado di superare l’aggressività ferina che li domina e convivere pacificamente con creature extraterrestri?

– E, infine, quale sarà il ruolo dei sapiens in questo – per noi – nuovo scenario?

In altre parole: 

Siamo pronti a diventare l’ultima ruota del carro?

Siamo in grado di accettare le differenze?

Siamo in grado di evolverci mentalmente?

(*) Redazione ANSA, Pentagono conferma autenticità del video su Ufo del 2019, 15 maggio 2021.  

(**) HuffPost, L’ex presidente Obama: “Gli Ufo vanno presi sul serio”, 19 maggio 2001. 

RIPRESO da www.daniloruocco.it

SUL TEMA LEGGI ANCHE:

Il nuovo interesse Usa per gli Ufo tra suggestione e fantasia

Dopo che il Pentagono ha giudicato vero un filmato nel quale appare un oggetto volante non identificato si riaccende l’interesse per gli Ufo. Ma il faro resta la scienza
di Roberto Fieschi

Disclosure. Attesa per il rapporto dell’intelligence Usa sul fenomeno Ufo 

Il rapporto richiesto a dicembre dalla Commissione Intelligence del Senato è annunciato per il 25 giugno. Cosa c’è da aspettarsi? Cosa potrebbe rivelare e cosa non rivelerà? Quello che è certo è che si parte da una buona base di informazioni confermate.

https://mavericknews.wordpress.com/2021/06/04/1979/

In “bottega” abbiamo sfiorato gli UFO (OVNI, se preferite la sigla italiana: Oggetti Volanti Non Identificati) qualche volta. Per esempio in questi 4 articoli: Stalin e Ufo vs Usa: 1-0. Che burloni quegli alieni! , Gli UFO erano davvero roba della CIA? e Covid, Ufo e servizi segreti

NOTA DELLA BOTTEGA SULLE NOSTRE LETTURE E SU DUE USCITE DI URANIA

1 . Come sapete da tre settimane La Bottega del Barbieri e Teatro Atlante presentano «Racconti Fantastici» (voce narrante: Preziosa Salatino; commento sonoro: Il Montaggio Analogico). La quarta puntata prevista per oggi è rimandata: problemi di lavoro, sapete quella strana usanza terrestre del vil denaro? Restate sintonizzati perchè fra 7 giorni riceverete il dono previsto

2 . Fra giugno e luglio ci sono due Urania da recuperare in edicola. Il primo è «Un domani per la Terra» di Nancy Kress (316 pagine per 6.90 euri) che chiude una bella trilogia – ne avevo scritto qui: Nancy Kress: «un viaggio lento» (e difficile) verso la fratellanza – ma può essere letto da solo. Anche se volessi svelare la trama quasi non saprei come fare essendo intricatissima … quanto lucida. A volte Kress sembra voler mettere tutto in un solo libro (di solito le trilogie invece sono brodo allungato) ma lo fa con maestria come quel kintsugi che cita: «è un’arte (giapponese) per saldare i frammenti di ceramica con una lacca fatta di polvere d’oro, che rende più belli gli oggetti rotti». La “lacca” magica di Nancy Kress è una trama incalzante, una scrittura sapiente con personaggi anzi persone indimenticabili. E un finale memorabile… da far impazzire la consecutio temporum: «Eravamo noi. Noi siamo… O lo saremo». E sono riuscito a non spoilerare. A proposito di tempi, gli abitanti di Mondo hanno qualche difficoltà con le lingue terrestri perchè mancano nei tempi verbali «distinzioni come provvisorio, assoluto, rotazionale o in mutazione». Per inciso: troverete anche i maledetti F 35 (sì, proprio quelli che l’Italia continua a comprare invece che spendere in sanità) e un bel ragionare su natura, evoluzione, malattie e limiti dell’umano.

3. A lugli Urania annuncia 4 uscite: «Proiettili lenti» di Alastair Reynolds, «Temponauti»  (un’antologia tutta italiana), «Blackout» di Connie Willis e la ristampa di un libro imperdibile: «Neanche gli dei» di sua cosmitudine Isaac Asimov. Ne ho un buon ricordo ma ho una gran voglia di rileggerlo. La frase cui il titolo si ispira è diventata proverbiale: «neanche gli Dei possono nulla contro la stupidità umana» e viene spesso attribuita ad Asimov ma in realtà è di Friedrich Schiller. Se non avete mai letto il romanzo … è il momento di scoprire quanto sia azzeccata.

La Bottega del Barbieri

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *