Padania? Un po’ terra dei fuochi e un po’ Alabama-1800

di SALVATORE PALIDDA (*)

Vent’anni di potere leghista e delle destre (con un po’ di ex-sinistra): la pianura padana è la regione d’Europa più inquinata e con più neo-schiavitù di immigrati razzializzati.

Decine e decine sono le notizie e anche alcune inchieste giudiziarie che mostrano in dettaglio i numerosi casi di devastante inquinamento, di neo-schiavitù e la diffusione di malattie mortali dovute al degrado sanitario e ambientale di tutta la pianura padana. Fra le ultime “novità” in materia: anche la zona del bresciano è diventata “terra dei fuochi”, cioè zona di discariche di rifiuti tossici che la criminalità (anche padana) fa arrivare lì persino dall’Australia. E’ ovvio che nella zona con più attività produttive e di servizi e con la più sviluppata agricoltura si produca più inquinamento. Ma è già da prima del disastro dell’Icmesa di Seveso che l’allerta per il pericolo di vita dei lavoratori e degli abitanti era stata data. Ricordiamoci di cos’è stata la tragedia dell’Eternit di Casalmonferrato, il petrolchimico di Marghera, le decine e decine di casi di malati e morti di amianto un po’ dappertutto, le malattie e morti di bambini per lo smog. Ma come se tutto questo e altro ancora non bastasse, accaniti nella corsa al profitto a tutti i costi le lobby e i poteri pubblici collusi hanno continuato imperterriti a permettere ogni sorta di attività che produce morte e degrado del territorio. L’immigrazione è stata una manna: piccoli, medi e grandi imprese ma anche famiglie hanno infine avuto la possibilità di disporre di servi, manodopera schiavizzabile e razzializzata appunto perché li si vuole solo schiavi e quindi senza diritti uguali ai “padani”. E non è quindi un caso che leghisti e destra ma anche ex-sinistra siano concordi nel non parlare mai del volto sporco della pianura padana che passa per essere laboriosa, super efficiente e al top del progresso europeo … Sulla pelle di chi? Degli immigrati irregolari e regolari e della popolazione che non gode di alcuna tutela rispetto ai disastri sanitari, ambientali ed economici che provocano senza sosta i dominanti locali.

E’ assai singolare che quasi nessuno ricorda questi fatti mentre si sparla di formare un nuovo governo con partiti e personaggi che sono i referenti politici dei responsabili dell’eccidio da malattie mortale da contaminazioni tossiche e della devastazione del territorio.

Ecco qua alcuni fatti emblematici del buon governo che ha avuto la “Padania”.

Dalla Pianura Padana alla Ruhr: il Pianeta inquinato visto dallo spazio: http://www.repubblica.it/scienze/2017/12/01/news/satellite_esa_prime_immagine_inquinamento-182711712/

– Brescia, nella Terra dei Fuochi del Nord smantellata la task-force: spostati (e non sostituiti) procuratore e direttrice Arpa: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/23/brescia-nella-terra-dei-fuochi-del-nord-smantellata-la-task-force-spostati-e-non-sostituiti-procuratore-e-direttrice-arpa/4161755/

– La Lombardia invasa dai rifiuti tossici Scorie da Australia e Europa dell’Est; Le grandi discariche cambiano il paesaggio: la Pianura Padana diventa collinare: http://www.corriere.it/inchieste/invasione-sversati-lombarda-rifiuti-tossici-australia-slovenia-altri-paesi-dell-est/4b44089a-6023-11e4-b0a9-d9a5bfba99fb.shtml

– Rifiuti, sotto sequestro nell’hinterland 3 discariche abusive (La repubblica di Milano): http://milano.repubblica.it/cronaca/2018/03/09/news/rifiuti_sotto_sequestro_nell_hinterland_3_discariche_abusive-190883126/

Gli invisibili “caporali” dell’Italia del Nord

http://mafie.blogautore.repubblica.it/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P26-S1.6-T1

(sulle agromafie e caporalato anche in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto e altre regioni del Nord del Paese);

– Ricerca CNR del 2013 su PFAS: https://www.cnr.it/it/evento/13370/i-composti-perfluoroalchilici-pfas-nelle-acque-italiane-distribuzione-e-rischi

– Le mamme NO.PFAS del Veneto: https://www.pressenza.com/it/2018/03/le-mamme-no-pfas-del-veneto/

– Vini coi pesticidi: https://www.dissapore.com/tv/report-prosecco-pesticidi/;

http://www.agribionotizie.it/residui-di-pesticidi-nei-vini-co2-e-veleni-vari/

Brescia nube nera esce dall’inceneritore Arpa Dati su diossine non registrati: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/01/brescia-nube-nera-esce-dallinceneritore-arpa-dati-su-diossine-non-registrati/1045581/

Ecosistema rischio 2010 Monitoraggio sulle attivitàdelle amministrazioni comunaliper la mitigazione del rischio idrogeologico. Indagine realizzata nell’ambito di “OPERAZIONE FIUMI 2010” campagna nazionale di monitoraggio, prevenzione e informazione per l’adattamento ai mutamenti climatici e la mitigazione del rischio idrogeologicodi Legambiente e del Dipartimento della Protezione Civile https://www.legambiente.it/contenuti/dossier/dossier-ecosistema-rischio-2010

Rapporto ISPRA ministero Ambiente 2013

Cromo 1.400 volte sopra i limitisull’autostrada Milano-Brescia: http://milano.repubblica.it/cronaca/2013/12/26/news/cromo_1_400_volte_sopra_i_limiti_sull_autostrada_milano-brescia-74535204/

‘Mafia padana organizzata e feroce’: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2002/07/11/mafia-padana-organizzata-feroce.html?ref=search

FILLEA-CGIL, FENEA-UIL, FILCA-CIS, RAI DUE “I cantieri edili di Milano visti dalla TV”. VHS, 2000; Cantieri edili a Milano: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2002/07/11/mafia-padana- organizzata-feroce.html?ref=search

Valle della gomma-Sebino: http://www.la7.it/piazzapulita/video/lo-sfruttamento-nella-valle-della-gomma- 21-03-2018-237090; http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/17_settembre_07/al-lavoro-balconi-garage-cortili- nero-valle-gomma-bergamo-af15168e-9397-11e7-8bb4-7facc48f24a3.shtml)

Fo, D. & F. Cazacu (a cura di) Un uomo bruciato vivo. Storia di Ion Cazacu. Milano, Chiarelettere,2015;

Il lavoro nero e l’approfittarsi degli stranieri”, in Servizio Pubblico, 12/01/2012 Satarlanda.euhttp://www.youtube.com/watch?v=hOm3bAeGw2Y; http://www.youtube.com /watch?v=ZGp100D1M8c;

Saluzzo. Rosarno arriva in Piemonte”, http://www.youtube.com/watch?v=gpUTHawCKd8; “Immigrati stagionali in Piemonte” Abitazioni peggio che a Rosarno”, Il Fatto quotidiano, http://www.youtube.com/watch?v=zZrjFeTgqsc

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/07/19/forum-imprenditori-cinesi-in-italia-troppa-burocrazia-e-fisco-borghezio- ospite-donore/395937/

http://www.cngeologi.it/wp-content/uploads/2013/10/Geologi.INFO-CNR-Dati-su-calamita-naturali.pdf

IRES (ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI) (2007), “I volti del sommerso”, http://www.ires.it /node/528.

Isbasoiu, G.M. 2008. Industrial Clusters and Regional Development. The Case of Timisoara and Montebelluna. in ICFAI University Press.

Presa Diretta RAI 2014b. Made in Italy. http://www.presadiretta.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-a911a5f8- e565-4800-8d1e-9f7f98985322.html

RAI TV 2009. Viaggio nell’Italia dei veleni. Cinquantasette luoghi tossici.

Resistenze ai disastri sanitari, ambientali ed economici nel Mediterraneo,http://www.deriveapprodi.org/2018/03 /resistenze-ai-disastri-sanitari-ambientali-ed-economici-nel-mediterraneo/

(*) sempre di Salvatore Palidda cfr Neoschiavitù, mortalità, malattie al lavoro (e fuori) e «Resistenze ai disastri sanitari, ambientali ed economici nel Mediterraneo»


Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • gian marco martignoni+

    D’altronde il leghismo storicamente ha puntato a minimizzare la questione ‘NDRANGHETA al nord : ci ricordiamo bene la polemica di Maroni nei confronti della denuncia di Saviano, per capire con quali struzzi abbiamo a che fare. Non a caso l’operazione Salvini per una Lega su scala nazionale, è basata sull’accordo con le peggiori destre affaristiche e corrotte in ogni regione fuori dalla cintura nordista, che come si è già visto in Sicilia sono mine vaganti in libertà.Comunque, Enzo Ciconte aveva a suo tempo scoperchiato il vaso, pubblicando l’eccellente ” ‘Ndrangheta Padana “, ed ora nel recente “Mafie del mio stivale ” conclude la sua diagnosi con queste eloquenti parole ” il giudizio dello storico sulle responsabilità politiche e morali di un’intera classe dirigente resta senza appello “. Sennonchè, se vogliamo fare un altro passo in avanti, quel che va analizzato è ciò che si cela dietro l’amorale “sciovinismo del benessere ” , che giustifica a suo uso e consumo tutto quanto Palidda ha ben evidenziato nel suo ottimo articolo.

  • Pingback: In disaccordo con Marco Revelli di Salvatore Palidda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *