G 20: per un’altra Agenda Mondiale in piazza e…

… e non solo. Nuove strade e modifica dei rapporti di forza. L’appello dei Cobas per manifestare domani. A seguire Riccardo Petrella, Roberto Morea, Roberto Musacchio (rispettivamente Agorà degli Abitanti della Terra, transform.eutransform.it)

VOI G20, NOI IL FUTURO

SABATO 30 OTTOBRE (ore 15) A ROMA, PORTA SAN PAOLO-PIRAMIDE, INSIEME CONTRO I SIGNORI DEL MONDO

Il 30 e 31 ottobre si riuniranno a Roma i governi del G20, ossia dei 20 Paesi che rappresentano i due terzi del commercio planetario, l’80% del PIL mondiale ma anche il 75% delle emissioni di gas serra globali. In quella sede i rappresentanti di soli 20 Paesi continueranno a decidere le sorti dell’intero pianeta, silenziando le richieste della società civile, sempre esclusa dalle discussioni e dalle decisioni.

Noi saremo in piazza all’interno di una grande coalizione di lavoratori/trici, studenti, giovani, ambientalisti, organizzazioni femministe, antirazziste, antifasciste, pacifiste, per la giustizia economica, sociale, ambientale, climatica, per la dignità delle persone e del lavoro, per costruire un futuro – quell’altro mondo possibile e necessario per cui ci siamo battuti, e ci battiamo, fin da Genova e Porto Alegre 2001 con il movimento altermondialista – libero da guerre, muri, razzismi, dittature e fascismi.

In particolare come COBAS ci rivolgeremo ai capi di governo e di Stato europei per ricordare loro, come abbiamo fatto nell’assai positivo sciopero generale dell’11 ottobre scorso insieme a tutto il sindacalismo conflittuale, che nel corso della pandemia l’Unione Europea con il Recovery Fund ha sì avviato una politica economica incentrata sulla spesa pubblica in deficit, in controtendenza rispetto alla fase dell’”austerità”, ma che il PNRR  italiano e degli altri paesi europei non costituisce affatto una svolta nell’uso pubblico e sociale dell’ingente massa di denaro a disposizione: anzi, prospetta una lunga serie di regalie ai settori più forti, economici e politici, della nostra società e delle altre europee.

 Noi, come già tramite lo sciopero generale citato, lottiamo – e lo ricorderemo in piazza il 30 ottobre ai signori del G20 – per una radicale inversione di tendenza, rivendicando l’utilizzo di tale rilevante massa monetaria per la riduzione del tempo di lavoro a parità di salario; per garantire a tutti/e un lavoro dignitoso, con il contratto a tempo indeterminato come regola generale; per l’innalzamento dei salari reali e un salario minimo europeo; per la parità salariale per le donne; per un reddito universale, esteso anche alle/ai migranti; per una netta inversione di tendenza rispetto ai disastri ecologici e al cambiamento climatico; per massicci investimenti nella scuola e nella sanità pubbliche, contro l’aziendalizzazione e la privatizzazione della sanità; per la sospensione dei brevetti e l’esportazione dei vaccini e della tecnologia per produrli in loco per la lotta alla pandemia.

Per dire tutto questo ai signori del G20, e in particolare ai rappresentanti dei governi europei e del governo Draghi nello specifico, saremo in piazza sabato 30 alle ore 15 a Porta San Paolo/Piramide per un corteo che raggiungerà Bocca della Verità, in un blocco unitario di tutto il sindacalismo di base e conflittuale, di nuovo insieme dopo il successo dello sciopero generale dell’11 ottobre e come ulteriore passaggio di un percorso che avrà altre tappe rilevanti nei mesi di novembre e dicembre durante la discussione e le decisioni alle Camere sulla manovra finanziaria e sull’uso delle risorse del PNRR.

Piero Bernocchi – portavoce nazionale COBAS (Confederazione dei comitati di base) 26 ottobre 2021

Un’altra Agenda Mondiale

Il sistema che oggi domina il divenire del mondo è ispirato e guidato dalla logica del potere e del dominio. L’Altra Agenda Mondiale deve essere ispirata e guidata dalla logica della conservazione e rigenerazione della vita, cioé la salvaguardia, la cura e la promozione della vita di tutti i membri della comunità globale della Terra. Cambiare rotta implica avere le idee chiare sulle nuove strade da percorrere e sulle modalità di acquisire le capacità di modificare, seppur parzialmente, i rapporti di forza sociali.

Quali nuove strade?

Oggi, per andare alle radici dei problemi, l’altra agenda mondiale significa cercare di sradicare i pilastri sui quali è costruito il sistema di potere attuale, e di delegittimare i principi che alimentano la forza dei gruppi sociali dominanti.
La finanza privata mondializzata (si pensi ai fondi d’investimento di cui il fondo BlackRock costituisce l’esempio più brutale ma eloquente) e la tecnologia conquistatrice (di cui, per esempio, le imprese GAFAM –Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft – sono la personificazione concreta) sono i due pilastri del potere mondiale da smantellare. La proprietà privata di ogni forma di vita materiale ed immateriale e la pretesa dell’inarrestabile artificializzazione della vita sono i due principi da abbandonare. Essi consacrano la potenza dominatrice dell’“uomo” sulla vita. il caso dei brevetti sui vaccini e la violenza del rifiuto da parte dei poteri dominanti privati e pubblici di accettare addiritttura la sola sospensione provvisoria dell’applicazione dei brevetti (eppur prevista nei Trattati WTO-TRIPs) la dice lunga sul carattere totalitario dei due principi.
Le strade dell’Altra Agenda sopra identificate fanno emergere un dato strategico fondamentale. Alla base della potenza dei due pilastri e della forza dei gruppi sociali dominanti v’è l’appropriazione privata, il controllo politico e l’egemonia culturale sulla e della conoscenza. Per questo i gruppi dominanti si autodefiniscono “knowledge based sociaties and driven economies”.
Il sistema attuale ha ridotto la conoscenza unicamente a tecnoscienza. Tutte le altre forme e dimensioni della conoscenza sono state neglette, discreditate e marginalizzate. I gruppi sociali dominanti hanno imprigionato la conoscenza in concetti mistificatori quali: efficienza, analisi costi-benefici, concorrenza e, merito, produttività, mercati della conoscenza, ROI (return on investment), utilità, guadagni, competitività, risorse umane, smart economy, digitalizzazione, transizione ecologica, resilienza.
È possibile modificare i rapporti di forza sociali?
Come dimostrano le conquiste sociali del 19° e 20°secolo da parte degli operai, dei contadini, delle donne, dei popoli colonizzati, le strade dell’Altra Agenda devono passare attraverso una trasformazione (non transizione) profonda della percezione, concezione e vissuto della conoscenza. Devono passare dalla logica dell’io alla logica del noi. La conoscenza deve essere re-inventata come spirito della vita, l’espressione integrale, collettiva e consapevole della vita, perché essa è coscienza, sentimento di responsabilità comune e ri-conoscimento dell’altro, di tutti gli altri che siamo.
A tal fine, il punto di partenza deve essere un lavoro di denuncia chiara dell’operato inammissibile degli attuali noti predatori della vita e di delegittimazione della loro egemonia culturale acquisita anche con il sostegno di una buona parte dei poteri pubblici. Un lavoro condotto con determinazione in particolare in tre campi: quello dei costi e dei benefici (al di là del principio di utilità), quello delle risorse e della loro gestione (al di là della governance tecnofinanziaria e degli “stakeholders”), e quello dei valori (al di là della sopravvivenza dei resilienti).
Un lavoro, il cui filo conduttore è promuovere legami per una conoscenza rivolta alla liberazione dell’umanità dalle logiche di potere e di dominio. Tre campi; dove oggi è pensabile e indispensabile ricostruire solidi rapporti di cooperazione e di solidarietà tra contadini, operai, lavoratori dei servizi “pubblici”, università, giovani, donne, popolazioni indigene, migranti, lavoratori poveri, i nuovi dannati della Terra.
I gruppi sociali dominanti si dimostrano sempre di più incapaci di risolvere i problemi del mondo. Sarà l’umanità capace di ri-conoscersi?

All’Assemblea internazionale partecipano:

Riccardo Petrella, Agorà inhabitants of heart
Marcos P. Arruda (BR), Economist, and educator, Coordinator of PACS -Instituto Políticas Alternativas para o Cone Sul
Alassane BA (F), Director, Centre Humanitaire des métiers de la Pharmacie
Heinz Bierbaum (D), President of the European Left Party
Paolo Cacciari (I), Writer, Ecologist
Joao Caraca (PT) former Director of Science of the Gulbenkian Foundation, Former President of University of Coimbra
Paola De Meo (I) CDA NGO Terra Nuova
Marga Ferre’ (Spain) Co-president transform! Europe
Paolo Ferrero (I), Vice President of the European Left Party
Cornelia Hildebrand (D), Copresident of transform.eu
Oumou Kane (Mauritanie), Président ONG AMAM (Association Multiculturelle pour un Avenir Meilleur)
Anthony Laurent (F), Chief Editor, “Sciences Critiques”
Livia (BR) a woman of the Kumaruara Nation. She lives in the Tapajos river basin, West of the Para State
Roberto Mancini (I) Professor, University of Macerata
Roberto Morea (I), Transform.eu
Roberto Musacchio (I) Transform.it
Mary Teuw NIANE, (Sénégal) Professeur Univ. Saint Louis
Riccardo Petrella (President, Agora of te Inhabitants of the Earth
Nicoletta Pirotta (I), International Feminist European Network
Raffaella Bolini (I) The Cure Society
Anita Gurumurthy (ASIA)
Dorothy Guerrero Global Justice Now and COP26 Coalition
Marc Botenga (Mep the Left)
Luis Infanti della Mora (Arg) Bishop Aysen, Patagonia

Qui il link per partecipare, traduzione IN/FR
https://us02web.zoom.us/j/85107847169…

da qui

La Bottega del Barbieri

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *