Qatar 2022: aggiornamenti / 6

Un articolo di Clément Le Foll e Clément Pouré. A seguire l’intervista di Radio Blck Out ad Antonio Mazzeo sui mondiali della vergogna e un link su un particolare match. Parliamo di 64 partite e 6500 morti

Mondiale Qatar 2022: il trionfo della videosorveglianza e dei controlli iper-sofisticati (*)

 

Con 15.000 telecamere di riconoscimento facciale e tecniche algoritmiche all’avanguardia, l’evento sportivo è accompagnato da un dispiegamento senza precedenti di tecnologie di sorveglianza. E fa parte della lunga storia degli eventi sportivi come pretesti per il controllo di sicurezza delle popolazioni.

di Clément Le Foll e Clément Pouré

Enormi pannelli luminosi inondano la stanza di un bagliore bluastro. Dietro una fila di scrivanie, settantacinque guardie giurate scrutano i loro tripli schermi. Siamo all’interno dell’Aspire Command and Control Center di Doha. Il cuore della sicurezza per i Mondiali 2022, che prenderanno il via domenica 20 novembre.

Fatto su misura per l’evento, il luogo è forse il più importante della competizione. Collegate agli otto stadi che ospitano l’evento, le diverse tecnologie implementate gestiscono da remoto tutte le partite. Un’utopia di sicurezza per l’Emirato, che controlla l’apertura delle porte di tutti i box sportivi, le apparecchiature audio e video presenti negli stadi, o l’intensità della climatizzazione. E che, soprattutto, scandaglia tutte le strade di Doha grazie a una rete di 15.000 telecamere dotate di strumenti di riconoscimento facciale.

Da quando ha vinto l’assegnazione della Coppa del Mondo, il Qatar è consapevole della sfida alla sicurezza di ospitare più di un milione di turisti per la competizione. Poco abituato a mantenere l’ordine, questo stato di poco meno di tre milioni di abitanti ha messo la tecnologia al centro della sua risposta di sicurezza.

Nell’agosto 2020, l’Università del Qatar, l’Università Hamad Bin Khalifa di Doha e il Qatar Computing Research Institute hanno lanciato un concorso nazionale sull’intelligenza artificiale. Per diversi mesi, studenti, ricercatori, sviluppatori si sono concentrati su tecnologie progettate per affrontare le grandi sfide per l’emirato. Uno di loro intende analizzare le folle e il loro comportamento durante la Coppa del Mondo, al fine di “monitorare e rilevare specifiche minacce alla sicurezza in tempo reale attraverso la rete di telecamere di sorveglianza”, precisa l’Università del Qatar sul suo sito web

Parallelamente, l’università ha annunciato nel giugno 2022 di aver sviluppato un drone in grado di contare il numero di persone presenti in un’area, rilevare eventi anomali e identificare persone mirate utilizzando il riconoscimento facciale.

Tecnologie “molto ansiogene”.

Questa strategia è applicata a livello internazionale. Dal 2012, le autorità del Qatar hanno finanziato 10 milioni di dollari in dieci anni per il progetto Stadia, condotto con l’Interpol, che mira a migliorare la sicurezza dei grandi eventi sportivi. Alla fine del 2021, un workshop organizzato a Doha in questo contesto si è concentrato sull’uso del riconoscimento facciale e delle nuove tecnologie durante le competizioni organizzate dalla FIFA.

Pochi mesi dopo, il Qatar ha annunciato che 15.000 telecamere sarebbero state abbinate a questa tecnologia, di cui 2.000 solo negli stadi. Per fare un confronto, all’ultima Coppa del Mondo in Russia, sono state utilizzate solo 500 telecamere per il riconoscimento facciale.

Lo Stato del Qatar utilizza un algoritmo di riconoscimento automatico che identifica tutte le persone con comportamenti anomali rispetto alla massa dei flussi”, precisa un giornalista francese che ha potuto visitare il centro di comando di Doha. “Questo individuo viene quindi identificato sulla rete utilizzando il riconoscimento facciale. Gli operatori della guardia di sicurezza più vicini vengono allertati da beeper e SMS e poi c’è l’intervento umano.

Tecnologie “molto ansiogene”, secondo Ronan Evain direttore esecutivo dell’associazione Football Supporters Europe: “Sei fotografato dalla testa ai piedi quando torni nel Paese. Le autorità possono dire se sei in metropolitana o allo stadio. Sono presenti droni e telecamere ad altissima risoluzione che possono filmare e identificare qualcuno in modo permanente durante la Coppa del Mondo».

Il Qatar si augura che le sue tecnologie gli permettano di rispondere alle difficoltà causate dai 168 voli giornalieri che collegano i Paesi limitrofi: per mancanza di alloggi sufficienti nella sua capitale, consentiranno a decine di migliaia di tifosi di assistere all’evento, arrivando poco prima e partendo poco dopo le partite.

La geografia degli stadi porterà a flussi di persone estremamente densi per una città come Doha, spiega Jean-Baptiste Guégan, ricercatore di geopolitica dello sport. L’Emirato dovrà gestire centinaia di migliaia di persone in transito, l’equivalente di una serata da big match a Londra, in un piccolo territorio dove il calcio non è una cultura molto radicata. Per l’Hamad International Airport di Dubai, ciò significa raddoppiare la sua capacità di accoglienza e screening. Sicurezza la cui responsabilità ricade in parte sul colosso francese degli armamenti Thales, responsabile della videosorveglianza dell’aeroporto di Doha.

Due applicazioni “estremamente invadenti”.

I prezzi proibitivi che escludono alcuni tifosi, nonché gli appelli al boicottaggio dell’evento, finalmente accontentano l’emirato, che dovrà gestire meno persone rispetto a un evento tradizionale. Ma restano altri rischi. “Di fronte al Mondiale più denigrato della storia, non si può escludere la possibilità di un problema”, continua Jean-Baptiste Guégan. Il rischio terrorismo non è escluso. Inoltre, non possiamo escludere azioni di attiviste ambientaliste, femministe o LGBTQI+».

Per gestire la folla ed evitare incidenti, il Qatar prevede di andare oltre il semplice monitoraggio dello spazio pubblico. Ai visitatori sarà richiesto di scaricare due applicazioni chiamate “Ehteraz” e “Hayya”. Uno, con un concetto simile all’applicazione “Tutti Anti Covid”, viene utilizzato per monitorare Covid-19. L’altro consente di risparmiare i biglietti per le partite e utilizzare la metropolitana, gratuita in tutto il Paese.

Queste due applicazioni sono estremamente invadenti”, sottolinea la ricercatrice Mona Naomi Lintvedt, che aveva già lanciato l’allarme sul media pubblico norvegese NRK. Su richiesta di Mediapart, ha svolto un’analisi approfondita delle due candidature. Entrambi utilizzano Bluetooth e geolocalizzazione. Inoltre hanno accesso a tutti i dati del telefono su cui sono installati e possono forzare la disattivazione del blocco del telefono.

Sulla carta, le autorità hanno accesso a tutto”, osserva la ricercatrice. La geolocalizzazione ti consente di sapere se hai bevuto in locali dove non è consentito. L’app può accedere alla cronologia di utilizzo di Snapchat, TikTok, Grindr o Tinder. Così lo stato può sapere se hai avuto rapporti sessuali illegali in Qatar. Se hai incontrato lavoratori locali, oppositori o un sindacato, il tuo telefono ne conserverà traccia che permetterà anche di identificare i tuoi interlocutori».

Interpellato da Mediapart, il Cnil spiega di non potersi pronunciare senza istruttoria sul trattamento effettuato dalle due applicazioni, ma consiglia ai viaggiatori di prendere le proprie precauzioni limitando la fruizione di questi servizi, o anche, se possibile, viaggiando con un ” Smartphone vuoto”.

Questi potenziali spyware, aggiunti alle nuove tecnologie di sorveglianza dispiegate nello spazio pubblico, potrebbero rafforzare ulteriormente la censura e la repressione in un paese autoritario in cui l’opposizione è quasi inesistente.

Siamo stati preoccupati per diversi anni per le misure che limitano la libertà di espressione nel paese”, ha dichiarato May Romanos, funzionario di monitoraggio del Qatar per Amnesty International. Nel 2014, la legge sul crimine informatico, ritenuta “ostile alla libertà di espressione” dall’ONG, ha consentito allo Stato di vietare qualsiasi sito web considerato una minaccia, e di perseguire chiunque pubblichi o condivida in linea contenuti che “minano”” valori sociali” o “ordine generale”.

Nel gennaio 2020, continua May Romanos, l’emiro ha emendato il codice penale per autorizzare l’incarcerazione di “chiunque diffonda, pubblichi o ripubblichi voci, dichiarazioni o notizie false o tendenziose, o propaganda incendiaria, a livello nazionale o nazionale all’estero, con l’intento di nuocere interessi nazionali, per agitare l’opinione pubblica o per danneggiare il sistema sociale o il sistema pubblico dello Stato”.

Nel maggio 2021, Malcom Bidali, guardia di sicurezza, blogger e attivista, è stato condannato prima di essere espulso dal Paese sulla base di questa legge. Lo stato del Qatar lo ha accusato di parlare apertamente delle condizioni sociali dei lavoratori migranti.

Grande evento sportivo e sorveglianza

I paesi che ospitano un Mondiale usano questi mega-eventi per mettere in atto riforme della sicurezza che non possono mettere in atto in tempi normali”, analizza da parte sua l’accademico americano Jules Boykoff, autore di Power Games: A Political History of the Olimpiadi. Come le Olimpiadi del 2024 a Parigi, i grandi eventi sportivi portano quasi sempre all’impiego di nuove tecnologie di sorveglianza negli spazi pubblici.

Ricordiamo che queste tecnologie per il mantenimento dell’ordine, messe in sicurezza durante lo stato di grazia successivo ai grandi eventi sportivi, non tornano nel loro box dopo la fine della competizione, continua Boykoff. Al contrario, rimangono sul posto e generalmente si rivolgono a popolazioni già emarginate e sorvegliate. In altre parole, le tecnologie di sorveglianza impiegate negli eventi sportivi sono tipicamente utilizzate per la polizia che razzializza all’indomani dell’evento».

Nel 2008, i massicci investimenti del governo cinese nel contesto delle Olimpiadi di Pechino sono serviti come base per il sistema di sorveglianza ora dispiegato in tutto il paese. Stessa situazione durante gli ultimi Mondiali di calcio in Russia, che hanno reso Mosca uno dei più grandi laboratori di riconoscimento facciale al mondo. Si ritiene che la tecnologia sia ora installata su 100.000 delle oltre 200.000 telecamere nella capitale russa. Nell’aprile 2021 è stato utilizzato in particolare per sopprimere l’opposizione al potere in carica.

Questi eventi sono anche un’opportunità per i paesi ospitanti di stringere partenariati di sicurezza con le potenze della regione e oltre”, continua Jules Boykoff. Nell’ambito dei Mondiali, il Qatar si avvale di contingenti marocchini e pakistani, ma anche della Francia, partner storico del Qatar dal 2006 e dell’organizzazione dei Giochi Asiatici all’interno dell’Emirato.

La forza lavoro comprende 21 operatori GIGN specializzati, 70 specialisti antidrone, operatori di sminamento ed esperti nella lotta al teppismo. Allenamento perfetto per le Olimpiadi di Parigi 2024.

(*) da mediapart.fr – traduzione a cura di #ff0000;">Salvatore Palidda

immagine ripresa da Indymedia

Mondiali Qatar 2022: Calcio, sangue, armi, gas (**)

Tra il 21 novembre e il 18 dicembre 2022 si disputerà in Qatar la FIFA World Cup 2022. La squadra italiana non parteciperà a questi mondiali perché non si è qualificata, ma al posto dei calciatori sarà comunque presente una task force italiana che comprende circa 600 militari e carabinieri, con mezzi e armamenti terrestri, navali ed aerei.

Il Consiglio dei Ministri infatti ha deliberato nel corso dell’estate, in piena crisi di governo, tre ulteriori missioni militari tra cui quella in Qatar. I militari italiani insieme ai contingenti di Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Pakistan e Turchia supporteranno il sistema di difesa e sicurezza del campionato mondiale di calcio. All’Esercito spetterà la difesa per tutto ciò che potrebbe comportare rischio chimico, biologico e nucleare, mentre la Marina vigilerà lo spazio delle acque internazionali con un pattugliatore e lo spazio subacqueo con un sommergibile; dello spazio aereo si occuperà ovviamente l’Aeronautica militare. Ma la missione Orice va ben oltre i mondiali di calcio: non per caso non ha un termine di scadenza predeterminato, nonostante i mondiali terminino il 18 dicembre. In effetti i confini di questa operazione vanno ben oltre quelli del mesetto legato ai mondiali di calcio, così come le finalità generali superano di gran lunga quelle ufficialmente dichiarate e legate alla sicurezza di un evento sportivo.

Le motivazioni di questa ulteriore missione militare rispondono a un’esigenza ben evidenziata nella delibera del Consiglio dei ministri del 15 giugno scorso, laddove si fa riferimento al “rafforzamento della sicurezza del Golfo Persico e alla valorizzazione degli interessi nazionali in un’area di importanza strategica”.

Di cosa parliamo? Di armi e gas. Ma non solo, perché questi mondiali sono costati la vita a quasi seimila lavoratori immigrati dai paesi più poveri dell’Asia, trattati come schiavi, senza alcuna tutela, attratti dalla prospettiva del guadagno ma pagati una miseria. Sul loro sudore e sul loro sangue sono state costruite le piramidi di questo campionato, giocato in un paese dove le donne vivono in condizioni di subordinazione totale e le persone Lgbtq sono considerate abomini da cancellare. Questo mondiale rappresenta un’operazione di sportwashing. Per difendere le piramidi dell’emiro (oltre agli interessi della propria industria armiera e energetica) l’Italia ha inviato le proprie truppe.

(**) Radio Black Out ne ha parlato con #ff0000;">Antonio Mazzeo, antimilitarista, insegnante e blogger Ascolta o Scarica

Cinque cose che forse non sapevi su Germania-Giappone

NOTA DELLA “BOTTEGA”

Da quando la FIFA ha assegnato al Qatar i mondiali almeno 6500 lavoratori sono morti mentre costruivano le infrastrutture per le gare.

In Qatar i diritti umani sono quotidianamente calpestati. Ma il Qatar è così schifosamente ricco che i grandi media italiani (schifosamente servi) vedono solo tiri, parate, gol. Problemi? Sangue? Giustizia? Dignità umana?

Lo spettacolo a ogni costo.

Questo piccolo blog ha scelto di stare contro ogni fascismo e questi Mondiali ne sono parte. Abbiamo scritto Boicottare (ogni giorno) i mondiali di calcio in Qatar e così faremo fino al 18 dicembre. Grazie a chi ci segnalerà riflessioni, notizie e iniziative ma anche le punte massime dello “schifezzario” che passa per giornalismo.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.