Vecchi dentro

Che ci troviamo nel bel mezzo di una crisi lo hanno capito anche i bambini piccoli e, che chi ci governa non sa che pesci pigliare, è sotto gli occhi di tutti.

Purtroppo all’orizzonte non c’è nulla di promettente, solo alleanze variabili a livello internazionale e ripetuti venti di guerra. Questa estate la Sicilia si trasformerà in un campo di esercitazioni per vari tipi di droni statunitensi, alcuni, vox populi, grandi come mosconi e resistenti agli insetticida. Ci trasformeremo in un campo di addestramento per un esercito straniero. Cederemo a questo esercito ogni più piccolo segreto di un’intera regione. Chissà quali altri Stati hanno accettato questa offerta. Nello stesso tempo uomini e donne provenienti da diversi enti finanziari nazionali, transnazionali e internazionali ci guidano nella perdita totale di qualunque diritto, fissando la supremazia della finanza sull’essere umano.

Gente vecchia, vecchia dentro. Persone in ritardo sul tempo che non riescono né ad immaginare né a sognare. Persi in un turbinio di numeri asettici con un modello antico in testa. Non possono comprendere e hanno deciso di distruggere. Personucole che, verosimilmente, nella storia lasceranno lo stesso ricordo di quella classe politica europea sclerotizzata che ci condusse alla Prima Guerra Mondiale, nessun ricordo se non la loro follia di massa.

Un esempio pratico. Questa corte di miliardari illuminati al servizio della tecnica e dei vecchi salotti finanziari, si erge a moralizzatrice del dovere di pagare le tasse. Mettono tutto tracciabile, ogni movimento di denaro deve essere tracciabile. La Guardai di Finanza, con spirito di servizio e dedizione, incrocia dati e fa scattare agile la repressione. Un bel sistema di controllo per colpire chi evade le tasse e comminargli la giusta pena.

Ma, Mandragola bella, questi tizzi hanno mai saputo che le istituzioni sono al servizio del cittadino? Gli è mai balenato in mente che tutti questi dati raccolti e incrociati potrebbero costituire delle dichiarazioni dei redditi precompilate? Perché tutti i dati che vengono raccolti circa ogni singolo contribuente non possono essere utilizzati per rendere un servizio a ogni singolo contribuente? Perché si alimenta l’economia parassitaria di commercialisti e Caaf? Perché un contribuente per fare il suo dovere deve pagare un intermediario? Perché non si trova la sua dichiarazione compilata a cui dover solo apportare le dovute modifiche se necessarie? È facilissimo!!!

È una cazzata sicuramente ma da l’idea di chi ci governa e della sua qualità: persone inadeguate che rappresentano un potere che non vuole morire e che prima di morire, perché comunque morirà, vuole trascinarci nel baratro. Non accetterà buoni consigli, non scenderà a patti, cercherà con ogni mezzo di bloccare il cambiamento, cercherà di mantenerlo nei suoi ammuffiti capisaldi, scatenerà come al solito la repressione. Per questo si è ben attrezzato con persone inquisite e condannate per gravi reati commessi durante il servizio, persone che sarebbero dovute essere allontanate e invece sono state promosse e si trovano ai vertici degli enti preposti alla repressione.

In questo momento non possono permettersi troppa democrazia, stay tuned, come si dice ora.

Rom Vunner

2 commenti

  • scrive Romano:”persone inquisite e condannate per gravi reati commessi durante il servizio, persone che sarebbero dovute essere allontanate e invece sono state promosse e si trovano ai vertici degli enti preposti alla repressione”.
    Per dirne uno – fra i tanti – DE GENNARO.

  • per dirne due Ganzer, condannato a 14 anni, non a 27 come richiesto perché non fu riconosciuta l’aggravante dell’associazione (?!)
    Il comandante del Raggruppamento operativo speciale (Ros) dei carabinieri Giampaolo Ganzer è stato condannato per «aver costituito un’associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, al peculato, al falso e ad altri reati, alfine di fare una carriera rapida» http://www.corriere.it/cronache/10_luglio_12/ganzer-condanna_77348dd8-8db1-11df-a602-00144f02aabe.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.