17 aprile: «L’ossessione delle trivelle»

Quando leggerete questo articolo mancheranno 8 giorni al referendum su trivella selvaggia ed eterna

di Antonio Tricarico (*)

NOTRIV-tricarico

#ff6600;">Sarebbe grave pensare che con le dimissioni della ministra Federica Guidi lo scandalo delle trivelle corrotte rimanga relegato alla Val d’Agri e alle aule processuali. #ff6600;">Sin dal suo insediamento il governo guidato da Matteo Renzi è stato ossessionato dalla difesa delle trivelle e dei trivellatori, anche se tinti di corruzione, nazionale o internazionale che sia.

Nel settembre 2014, a pochi mesi dalla sua nomina ad amministratore delegato dell’Eni, Claudio Descalzi è finito sotto indagine da parte della Procura di Milano per corruzione internazionale nell’ambito della dubbia acquisizione della licenza petrolifera per il gigantesco blocco offshore OPL245 in#ff6600;"> Nigeria. Il baldo premier non aveva esitato a twittare subito la sua convinzione che avrebbe rinominato Descalzi senza alcun ripensamento, prendendosela poi con il protagonismo dei magistrati.

#ffffff;">.

Peccato che da quel momento in poi sul caso Opl 245 si sia sviluppata un’indagine internazionale senza precedenti anche in Nigeria e negli Stati Uniti e che oggi l’#ff6600;">Eni rischi di perdere la licenza, almeno a detta dei media nigeriani. E che il partner di (s)ventura Shell il mese scorso sia finito anch’esso sotto inchiesta dopo una spettacolare perquisizione del quartier generale all’Aja da parte delle autorità italiane e olandesi.

#ff6600;">Appena insediato, il governo Renzi ha felicemente stretto la mano al presidente azero Ilham Aliyev, siglando con lui accordi per la costruzione del Corridoio Sud, #ff6600;">che promette di portare il gas di Baku dal Mar Caspio alle coste del Salento, poste a rischio ambientale e non solo. Il testa a testa tra Renzi e gli amministratori pugliesi continua da quasi due anni tra aule di tribunale, incontri a porte chiuse e dichiarazioni al vetriolo, mentre tra la popolazione salentina lo scontento e la sfiducia nei confronti della macchina-Stato e di un concetto svuotato di democrazia sono in aumento. #ff6600;">Dal 2014 la macchina repressiva del governo Aliyev si è rivelata in tutta la sua brutalità, incarcerando in maniera arbitraria centinaia tra giornalisti, avvocati e attivisti per i diritti umani. Inclusi quelli che avevano messo il naso nel sistema di scatole societarie usate dagli Aliyev per far rientrare nelle casse di famiglia i proventi di petrolio e gas estratti nel Paese.

Coincidenza del caso, proprio in questi giorni l’Huffington Post rivelava la sua indagine sulla Unaoil, veicolo registrato nel principato di Monaco della famiglia del presidente azero, che avrebbe facilitato una gigantesca corruzione internazionale. Eppure il governo italiano affida la sua sicurezza energetica ed emancipazione dal gigante russo violento e corrotto all’ “integerrimo e pacifico” Aliyev…

#ff6600;">Proprio per costruire il Tap, ossia la sezione finale del gasdotto che arriva in Italia, il governo si è fatto forte delle clausole dello Sblocca Italia, andando contro la Regione Puglia e i comuni locali. Le stesse clausole di cui il compagno del ministro Guidi sembra si facesse bello con la multinazionale francese Total per incassare qualche contratto in più. La storia dell’oro nero – e del fratello blu gas, che non serve alla transizi one ma ad arricchire le stesse cricche affaristiche tra industria, finanza, intermediari e affini, è sempre stata macchiata da corruzione, fondi neri e da tutto quello di poco lecito che rientra in una zona grigia sempre mai esplorata abbastanza. Come racconta bene il libro di inchiesta sull’Eni dal titolo#ff6600;"> «Lo Stato parallelo», appena pubblicato a firma dei giornalisti Andrea Greco e Giuseppe Oddo.

Tuttavia il governo Renzi e le nuove classi dirigenti nostrane sembrano legarsi mani e piedi al grande gioco corrotto del petrolio, rischiando di affondare nelle dodici o più miglia in cui si ostinano a voler trivellare. #ff6600;">Speriamo che sia solo l’inizio di una vera trivellopoli, che finisca così per lasciare nel sottosuolo il maledetto petrolio e i suoi simili.

ARTICOLI CORRELATI

MA IL PETROLIO NON DOVERA PORTARE BENESSERE IN BASILICATA?R.S.

LA FINE DELLO SVILUPPO
Dal triangolo Milano-Torino-Genova a Porto Marghera; da Bagnoli a Taranto, e poi i vari stabilimenti petrolchimici a Brindisi, Gela, Priolo, località marittime con habitat delicati e ad alta vocazione turistica… La critica allo sviluppo è sempre stata minoritaria, anche nel Pci e nel sindacato, ma qualcosa negli ultimi anni si è rotto: un certo ambientalismo è diventato di massa con le lotte contro gli inceneritori, le discariche, le centrali a carbone. «È stata la malattia a mandare gambe all’aria il vecchio storicismo antropocentirico – spiega Piero Bevilacqua – Grandi masse di cittadini hanno scoperto che la storia ha cambiato il suo corso e la crescita economica non genera di per s& eacute; benessere e progresso. Il nuovo ambientalismo italiano oggi parla un linguaggio che non è più “sviluppista”, scopre il valore storico dei territori, della natura antropizzata e trasformata in paesaggio e bellezza, e il ceto politico… »

PIERO BEVILACQUA

IL MONDO CHE VOGLIAMO E IL REFERENDUM
Oltre a votare Sì il 17 aprile, abbiamo bisogno di iniziare ad adottare stili di vita sempre meno dipendenti dal petrolio: “Facciamo in modo di diminuire la richiesta, riduciamo gli sprechi, evitiamo la plastica, ottimizziamo l’uso dell’automobile – scrive Daniele Previtali, insegnante-contadino -, evitiamo di acquistare o tenere nell’armadio tanti vestiti inutili (per produrli serve molta energia, regaliamoli!), preferiamo il cibo crudo e riduciamo carne e latticini (che ci fa anche bene alla salute), installiamo stufe a legna (non pellet) per il riscaldamento di casa, eliminiamo (o almeno riduciamo) tabacco e alcolici, favoriamo il riuso di oggetti usati invece di acquistarne sempre di nuo vi, acqu istiamo cibo e prodotti da aziende che puntano sulla riduzione delle fonti fossili, non acquistiamo prodotti che arrivano da lontano (ad esempio la frutta tropicale), cerchiamo di autoprodurre in casa il più possibile usando ingredienti locali, favoriamo il turismo a basso impatto ambientale (ovvero in agriturismi o ecovillaggi che attuano pratiche di sostenibilità)… Possiamo fare davvero tanto… “.
#‎NoTriv‬ ogni giorno
DANI ELE PREVITALI

DECRESCITA CON MARX SERGE LATOUCHE

L’ILLUSIONE DEL PROGRESSO È FINITA ANTONIO CASTRONOVI

COME PORTARE LA NONNA A VOTARE MARCO GERONIMI STOLL

CORRUZIONE OFFSHORE LUCA MANES

 

(*) di Recommon.org. Io ho ripreso il post da «Comune info» con la foto e i link. (db)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.