Naufragio della Concordia: teorie “alternative”

Riprendo (con qualche taglietto) questo post dal sito “Poteri Occulti” cioè da qui: http://poteriocculti.mastertopforum.biz/printview.php?t=3461&start=15 in data 14 Gennaio 2012, ore 22:15. Sono debitore a Barbiekavu Nat per queste segnalazioni. In coda un mio commento … spero non troppo lungo. (db)

(…) Nemmeno a me sembra casuale… ieri era venerdì 13, una data che sappiamo essere legata alla fine dei Templari… […] Il Giglio, i Templari, la Croce… e la Massoneria. […] Il potere ecclesiale rappresentato universalmente dal simbolo della croce ed il potere monastico-ereditario rappresentato dal giglio simbolo della monarchia francese. ]…] Forse quest’incidente altro non era che una commemorazione, oppure, dato il nome della nave, Concordia, un messaggio di altro tipo, magari rivolto a Monti e al Papa che oggi hanno in agenda un incontro

Ieri il declassamento da parte di Standard & Poor’s, oggi questo disastro, c’é qualche collegamento?

La nave, battezzata il 2 settembre 2005 e già protagonista di un incidente nel 2008, è “maledetta” sin dall’inizio: il giorno in cui venne varata non si ruppe la bottiglia di champagne

Guardate cosa ha donato Monti al Papa: “il premier ha fatto omaggio al pontefice della riproduzione dell’istituto poligrafico zecca dello stato di un libro di mappe e carte nautiche” […] Certo che poi l’isola del Giglio è rappresentata da DUE TORRI… allora…

“Il 2 giugno del 1992 [il Britannia] salpò dal porto di Civitavecchia per una breve crociera fino all’Argentario e all’isola del Giglio nel corso della quale numerosi dirigenti delle Partecipazioni Statali si dovettero sorbire una “lectio magistralis” da parte di diversi esponenti della City londinese, banchieri e avvocati, sulla necessità per l’Italia di aderire al sistema della moneta unica europea”…allora, date le premesse, per me le cose non sono collegate, di più!

Il nome Concordia fa riferimento all’unità e alla pace fra le nazioni europee. I suoi tredici (numero ricorrente nella simbologia massonica e illuminata) ponti hanno i nomi di altrettanti stati europei (Olanda, Svezia, Belgio, Grecia, Italia, Gran Bretagna, Irlanda, Portogallo, Francia, Germania, Spagna, Austria e Polonia).

Pare che le cause del disastro della Costa Concordia siano da imputare al malfunzionamento della strumentazione di bordo, il Gps avrebbe fornito tutt’altra posizione e caso strano ieri un espulsione di plasma solare era diretto proprio verso l’Europa

Secondo la proiezione dei poligoni sul globo terrestre (i solidi platonici rappresentano un modello energetico del pianeta) e gli studi di Alfred Watkins, David Hatcher e Ivan Sanderson e delle ley lines, la zona in questione – Argentario, Isola del Giglio, Ansedonia e Giannutri, è attraversata dall’asse 2. 20. che partendo da Lutsk Ucraina arriva in Algeria passando per la stessa capitale Algeri, ma anche attraverso la zona Nuragica sarda (città do Tresnuraghes) e a nord attraverso lo stato di San Marino, Perugia, Assisi, il lago di Trasimemo, luoghi molto importanti da un punto di vista simbolico, rituale, e perfino archeoastronomico.

Tutte le guerre sembrano essere “iniziate” all’affondamento involontario di navi. Non è questo il caso, ma niente esclude che possa essere un simbolo o un messaggio (per altro rituale visto che sono morte delle persone). Non bisogna dimenticare che in Italia per la prima volta nella sua storia, un ammiraglio della Marina diventa Ministro della Difesa, il quale, come saprete è stato coinvolto in una strana vicenda qualche giorno fa. (Sciando sulle Dolomiti il ministro è stato colpito da un altro sciatore, intorno alle ore 13 del 1° gennaio – N.d.R.) […] Ricordo che ORE 13, il Ministro deve Morire, è anche il titolo di un libro (tra l’altro oggi stesso è il compleanno dell’ex ministro della Difesa Giulio Andreotti)

Titolo di giornale: “Mi chiamo Rose, salvatemi” il naufragio in diretta su Twitter.

No che non lo è [un caso]…ricordo che nella strage delle torri gemelle la prima testimone ad essere intervistata si chiamava Rosa Cardona Rivera. HO DETTO TUTTO!!!!

Al Tg La7 la giornalista ha detto testualmente che “alle 5 di mattina il comandante della nave ha telefonato a mamma Rosa per dirle della tragedia e che aveva fatto tutto il possibile per salvare le persone a bordo”.

Proprio oggi 14/01/2012 Mario Monti (noto massone e burattino del vero potere) ha regalato al Papa (altro burattino) un facsimile degli ‘Atlanti nautici’ del 1500 di Francesco Ghisolfo. L’antico codice contiene carte nautiche con le rotte oceaniche verso il nuovo mondo, oltre a quelle più note e battute dell`oriente e del Mediterraneo. “Da lei – ha commentato Monti […] – ci aspettiamo orientamenti e indicazioni”. Il libro, ha chiosato il Papa con un sorriso, ha un valore “simbolico”.

UN MIO COMMENTO
Plasma solare. Templari. Venerdì 13. Ovviamente la massoneria. Messaggi e incontri fra Monti e il papa. Bottiglie di champagne che non si rompono. Solidi platonici e levy line. Archeoastronomia. Le due torri. Le rose. Il ministro della Difesa che viene dalla Marina. Andreotti…
E’ da cercare nell’ampio ventaglio qui sopra la spiegazione del disastro. Forse nell’insieme. Qualcosa del genere: ogni venerdì che il plasma solare passa da certi luoghi (dove i Templari hanno impedito che si rompesse la bottiglia di champagne) la massoneria fa naufragare qualche nave; aggiungere a piacere militari, banchieri, papi e Andreotti. Del resto il sito si chiama “Poteri occulti”.
Assurdo ma anche molto interessante. Se non ci fossero le persone morte queste teorie alternative sarebbero divertenti ma visto che parliamo di una tragedia sembra più corretto il termine grottesche.

Chiarisco il mio punto di vista scettico e il mio interesse (spero di riuscirci in relativamente poche parole) a beneficio di chi non è frequentatore o frequentatrice assiduo di codesto blog. Io considero il “paranormale” – come pure il “complottismo” – al 99 per cento una invenzione o una truffa. Da questa convinzione, che negli anni ho suffragato con esperimenti e verifiche, non derivo che possiamo fidarci solo e sempre della scienza, tantomeno dei poteri “palesi” oppure che non ci siano “misteri” da scoprire. Nel blog ho provato molto tempo fa – anche a proposito del Cicap – a spiegare il mio punto di vista sulla differenza tra il legittimo desiderio di molti esseri umani (fra i quali mi conto ben volentieri) di essere STUPITI e il rischio di passare per STUPIDI credendo alla prima frescaccia senza ragionare, verificare, indagare.

Mi presento (anche in blog, vedi  Mi fido d’io? qui in alto)  come una persona che vive con un piede nel cosiddetto mondo reale (in blog ne scrivo di solito il lunedì) e un altro piede nella fantascienza e dintorni (ne scrivo ogni martedì). C’è contraddizione fra questi due “piedi”? Ovviamente sì. Ma anche no. Mi spiego. I dischi volanti della science fiction  sono letteratura e lì tutto è consentito, non vedo cosa dovrei verificare se non la trama e i congiuntivi; posso sperare (o temere) che arrivino ma per ora (purtroppo o per fortuna) non esiste prova che gli extraterresti siano qui. Se invece – nel mondo del lunedì –  gli ufologi mi dicono che nell’estate del ’53 gli alieni hanno rapito un contadino nel Maryland … vorrei sapere le 5 w per cominciare e poi suffragare le eventuali dichiarazioni del cr (contadino rapito) con qualche prova e/o testimonianza; potendo verificherei il tasso alcolico del cr e cose del genere. Nel mio lunedì saprei come smascherare “le madonne che piangono”; nel mio martedì mi piacerebbe verificare se una di quelle lacrime può bloccare un carrarmato, risanare un albero ferito o cosette del genere. A me è chiara la differenza, spero anche a voi.

Perchè mi sono “appassionato” a  queste segnalazioni di Barbiekavu Nat? Beh, di fronte a una tragedia come quella della Concordia Costa mi sembra interessantissimo che molte persone siano andate a cercare nei numeri, nei nomi, nelle coincidenze, nei misteri una spiegazione invece di guardare sotto il proprio naso o di privilegiare la spiegazione più semplice … sino a prova contraria (a scuola ho studiato “il rasoio di Occam” – non c’è complicazione senza necessità – e mi è parso un buon punto di partenza per affrontare il mondo). Prima di avere notizie precise, cosa pensa il bipede Barbieri, aspirante pensante, su una nave naufragata? Un capitano incapace o peggio. Una nave rovinata ma spacciata per nuova e/o con apparati di sicurezza fuori uso (per risparmiare). Un attentato. Solo dopo avere escluse queste tre probabilità potrei andare sul fantasioso: un avvertimento a certe compagnie assicuratrici o una faida tra armatori, tanto per dirne altre due che mi sembrano possibili ma improbabili.
Perchè invece alcune persone pensano seriamente ai Templari o alla coincidenza rivelatrice del nome Rose-Rosa? Mi interessa capirlo. Ho frequentato in passato (da curioso prima che da giornalista) alcuni ambienti paranormali e/o complottistici verificando che una lucida follia è sempre in agguato. Negli anni ’70 con Riccardo Mancini passammo molte domeniche presso alcune sette religiose per capire se accettando le loro regole iniziali si poteva uscire di testa in tempi anche rapidi. Non si impara mai abbastanza dalla ragione e dalla follia.
A mio avviso il nostro immaginario, le nostre superstizioni, le voci che (incontrollate) corrono… ci svelano molto sulle paure e sui desideri, in ogni caso sui problemi reali; talvolta sui meccanismi che agitano il nostro inconscio e/o sugli imprenditori delle superstizioni, bufale, paranoie. Si tratta perciò di “materiali” interessantissimi, da prendere il più possibile sul serio,  anche dopo aver verificato (se serve) quante volte ricorre la “i”, cioè in questo caso illogicità, infondatezza o improbabilità.
Ma imprenditori in che senso? Beh, è ovvio che chi gestisce i veri poteri (quasi sempre palesi più che occulti) ha un gran piacere che si alimenti la falsa pista di un Andreotti-Nosferafatu invece che di un Andreotti pericoloso e intelligente politico. E’ ovvio che parlare di uno strano incidente all’ammiraglio-ministro-sciatore distoglie l’attenzione dalla concreta schifezza dei nuovi cacciabombardieri F 35 e del sistema (bancario e non solo) che sorregge questa spesa. E se proprio vogliamo metterci dentro anche Ratzinger, nel suo messaggio a inizio anno per la “Giornata della pace” ha omesso di citare le industrie d’armi non per oscuri disegni ma perchè il papato rappresenta un potere palese che (pur con forti contraddizioni interne) ha scelto di convivere con il capitalismo inquinatore e guerrafondaio; perciò invece di indagare sul ruolo dei Templari in Vaticano mi piacerebbe sapere-parlare di più dello Ior, delle complicità-silenzi fra papato e Germania nazista o magari degli attuali rapporti fra le gerarchie e la macchina affaristico-politico Cdo/Cl (Compagnia delle opere, Comunione e liberazione). I poteri nascondono molto – e i media li aiutano – ma le vicende storiche di lungo respiro, i rapporti di produzione, le strategie del dominio sono perlopiù palesi a chi voglia capire. Le politiche di Banca Mondiale, Fondo Monetario internazionale e Organizzazione del commercio sono quelle che ci fanno davvero male (a noi, 99% come dice il movimento “occupy”) non le esplosioni solari che pure sono , in altro contesto,un argomento serio. La dittatura del “petrolierato” – Eni inclusa – fa ogni giorno milioni di volte più danni al mare (anche alla terra e al cielo) di ogni presunto triangolo, peraltro presunto, della sfiga marina. Certo può essere rassicurante per il singolo – che si sente impotente e spaventato – prendersela con i poteri occulti invece che con quelli palesi. Ma è stupido. Io almeno la vedo così; ovviamente… tranne il martedì.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

6 commenti

  • Ho incontrato anche io deliri del genere. E li ho appunto definiti deliri. Quantunque la mia percentuale di credito al paranormale superi abbondantemente la tua. Anzi, li valuto deliri perché il paranormale è una cosa seria, anche se terreno minato sul quale muoversi con grande cautela. E queste non sono cose serie.
    Tuttavia ho rinunciato a scrivere qualcosa. Mi sembrava impossibile riuscirci. Trappo garbuglio di assurdità, assemblate assurdamente, raggruppate senza logica e prive di qualunque riscontro reale. Non buone neppure per scriverci sopra un racconto di fantascienza.
    Tu per fortuna ci sei riuscito. Meno male. Mi sarebbe rimasto la colpa di non aver afffrontato quello che invece è degno di essere affrontato. Guardate che dietro questa ricostruzione dei fatti ci sta molto di più che il fascismo. Ci sta il nazismo. Non dico che chi ne ha scritto lo sia; ma che il frutto di quegli scritti, per come sono scritti costituisce una parte del brodo di cultura logico e dieologico del nazismo.

  • Dal mio punto di vista, il complottismo oggi esercita una funzione simile a quella della religione, in ambiti diversi ma analoghi. Il punto centrale della questione è dare risposte, fornire schemi, in sostanza definire come non casuali avvenimenti drammatici che ci coinvolgono emotivamente. È una sorta di bisogno di controllo, come quando un bambino si fa male e il genitore dà la colpa all’altro; ci deve essere una causa, perché se c’è una causa allora è possibile in qualche modo evitare che l’avvenimento si ripeta. Se il bambino è caduto per evitare che accada ancora bisogna che si faccia più attenzione. Se la nave è affondata non è sufficiente che un capitano sia un pazzo arrogante, perché quella è una cosa che può accadere sempre e non puoi davvero evitarla. Ma se sai guardarti intorno e riconoscere i segnali del complotto allora puoi stare al sicuro. Sei padrone del tuo destino. Auguri.

  • Silvio: secondo me i complotti non solo servono a trovare una causa. Soprattutto servono a trovare una causa ESTERNA agli avvenimenti, in modo da de-responsabilizzarsi e trovare qualcuno con cui prendersela.

    Nevica? E’ senz’altro “neve chimica” provocata dall’inquinamento. E lo dico perchè non so e non voglio capire un minimo di meteorologia spicciola ovvero: se c’è umido e zero gradi nevica, se c’è umido e qualche grado sotto zero nevica ghiaccio e se è tanto freddo c’è la brina.

    Una nave affonda per una manovra azzardata? C’è stato qualcuno che ha organizzato l’affondamento perchè non riesco a comprendere come mai uno faccia una manovra azzardata con un transatlantico.

    Perdo il lavoro? E’ colpa delle banche, della Massoneria…

    • concordo con Mousse però l’ultima frase richiede, a mio avviso, una precisazione. Se X perde il lavoro è ovvio che la massoneria c’entra zero e anche la banca difficilmente ha colpa. Se milioni di X, Y, Z, H, K, J hanno perso il lavoro in una economia dove le banche di certo dettano legge beh qualche riflessione bisogna farla. Il sindaco banchiere non vuole far perdere il lavoro a X e Y come chi dirige il Fondo Monetario non vuole far morire di malattie o fame più bambine/i di prima ma le loro politiche producono quegli effetti. (db)

  • Possiamo anche dire che alcuni dei commenti trovati sopra, per quanto deprecabili e forse anche comici, come quello sui solidi Platonici, sono espressione del mio “delirio” personale. Ma se volete, possiamo affrontare insieme i punti nevralgici del rituale inteso come opera magica. Senza entrare nel merito della Rosa e del suo campo. E tutto quello che il “sottile” attraverso il pensiero ermetico e neoplatonico comporta in sede di fare imago. Roba da Camerlengo!

    ps
    Alfred Watkins, David Hatcher e Ivan Sanderson sono degli autori, studiosi e intellettuali. Meno male che sono rimasti nella citazione. E non sono complottari di bassa lega come il sottoscritto.

    Oggi, guarda caso, siamo prossimo al crollo della moneta europea. Ma passare per l’argomento astrologico e l’indice di coefficiente planetario del bravo Andre Barbault in questa sede mi sembra troppo.

    buon pensiero a t

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.